RECENSIONE - Gli ostacoli del cuore, di Simona La Corte

Titolo: gli ostacoli del cuore
AutoreSimona La Corte
EditoreWords edizioni
Generecontemporary romance
Pagine260
Data di uscita3 giugno 2024
Prezzo ebook€ 3.99
Serie: autoconclusivo

A un passo dal matrimonio, Giada avverte la mancanza di quella passione che rendeva speciale il rapporto col suo compagno Nicholas. Certa che una pausa di riflessione possa giovare a entrambi, accetta l’incarico di insegnante privata di francese e si trasferisce a Camembert. Qui, l’incontro con l’affascinante e tormentato Steve Thorne, padre dei suoi allievi, scatena un’intensa attrazione che mette in discussione tutto ciò che la ragazza credeva di sapere sull’amore. Tra passioni proibite, oscuri segreti che arrivano dal passato e un’ombra sinistra capace di mettere a repentaglio ogni cosa, Giada dovrà fare la sua scelta. Il suo cuore sarà in grado di superare ogni ostacolo per raggiungere finalmente la felicità che merita?

Buongiorno a tutti,

oggi vi parlo di gli ostacoli del cuore, di Simona La Corteedito dalla Words edizini, che ringrazio per la copia digitale. 

Giada è una ragazza siciliana che ha studiato lingue e ha deciso di trovare la sua strada all'estero, precisamente in Francia. Qui incontra l'uomo con cui inizia una storia e che presto diventerà suo marito. Una convivenza difficile in cui lei deve rimodellarsi per adattarsi a lui. Una relazione disparitaria che in un certo senso la rende infelice se non in rari momenti quando i due ritrovano l'affinità dei primi tempi, ma basta così poco per considerare il matrimonio un percorso condiviso?

"Sotto quel pergolato, rischiarata dalle luci soffuse delle lampade, Giada somigliava a una fata della notte che infondeva pace negli animi tormentati degli uomini."

Una nuova esperienza lavorativa la porta a conoscere un uomo che la infiamma in ogni modo possibile, la porta a riconsiderare tutta la sua vita, se stessa e a crescere sotto molti aspetti. I segreti e i silenzi rischiano di spezzare una calma solo apparente, che i due hanno instaurato per poter vivere in modo civile con il resto dei componenti della famiglia.

Affinità effimere, che le incertezze fanno saltare a ogni sospiro di vento, e le difficoltà generali, che li vedono come protagonisti, saranno ostacoli insormontabili oppure diverranno un legante per rendere il legame indissolubile?

"Per quanto quegli occhi azzurri fossero una tentazione, doveva resistere. Doveva farlo per se stesso e per salvaguardare il bene dei suoi figli, altrimenti avrebbe infranto la promessa. Non aveva altra scelta."

Considerazioni

È il primo libro di simona che leggo, anche se di fatto li ho acquistati tutti e sono o sul mio comodino o nel kindle, ma questa storia mi ha attratta fin da subito e ho deciso che avrei iniziato proprio da questo suo ultimo lavoro.

La scrittura ricercata ha qualcosa che mi riporta al passato quando iniziavo a cimentarmi coi romanzi che regalavano emozioni senza aver bisogno di sconvolgere a tutti i costi. Sensazione accentuata dall'uso dell'imperfetto narrativo che dà alla storia un tocco in più.
In un certo senso è come se fossi stata avvolta in una coperta calda in cui sapevo cosa aspettarmi e che all'occorrenza avrebbe potuto proteggermi da eventuali traumi. La storia evolve in modo piuttosto lineare, ciò non ha abbassato il mio livello di interesse, ma mi ha aiutata a seguire il filo logico degli avvenimenti. 

"Giada avanzò di qualche passo, fino a raggiungerlo: li divideva appena un metro, ma lei non lo aveva mai sentito più distante come in quel momento."

Tra Giada, Nicholas e Steve si viene a creare qualche incomprensione che vede Giada come fulcro. Non è un vero menage a trois perché, come anticipato, Simona non punta a sconvolgere ma a narrare gli avvenimenti e a tratteggiare la psicologia dei suoi personaggi. I colpi di scena non mancano e sono d'effetto anche quando qualche intuizione trova riscontro. 
Nella trama è stato inserito qualche elemento che porta il lettore a riflettere su tematiche morali, mi è piaciuta questa sorta di interazione. La narrazione in terza persona alterna i pov permettendo di conoscere tutti i personaggi, intense le le emozioni e accurate le descrizioni ambientali.

Lo consiglio a chi piacciono i romanzi contemporanei che puntano molto sui sentimenti e sulle emozioni, ma non disdegnano i conflitti interiori.

Buona lettura!
Monica S.



Commenti

Post popolari in questo blog

RECENSIONE "Deviant" di Ellie B. Luin

RECENSIONE - Il narratore di storie, di Rita Nardi

RECENSIONE - Daisy Haites. Spara dritto al cuore, di Jessa Hastings