RECENSIONE - "Un amore disastroso" di Brittainy C. Cherry

Titolo: Un amore disastroso
Autrice: Brittainy C. Cherry
Editore: Newton Compton
Genere: romanzo contemporaneo
Prezzo ebook: € 5,99
Data pubblicazione: 24 novembre 2020
Pagine: 307
Serie: autoconclusivo

So che dovrei stare lontana da Ian Parker. Ma quando quel bastardo del mio patrigno mi ha cacciata di casa, non sapevo dove altro andare. Sistemarmi in un capanno abbando­nato nella fattoria del nonno di Ian mi è sembrata una soluzione accetta­bile. Il problema è che Ian non ci ha messo molto a scoprire il mio nascon­diglio, e ora insiste perché mi trasfe­risca nella sua stanza libera. So che dovrei rifiutare, ma l’idea di un tetto e di un letto caldo è troppo allettante. Per non parlare degli occhi castani di Ian e delle sue braccia forti... Non siamo simili in nulla, ma la scintilla tra di noi è evidente. Sem­bra quasi che le cose stiano comin­ciando ad andare per il verso giu­sto... almeno finché la mia famiglia non si mette nuovamente in mezzo. Devo sacrificare i miei sogni per oc­cuparmi del figlio di mia madre? Ian è la mia occasione di trovare l’amo­re. Spero solo che non diventi la mia occasione perduta.
Non avrei mai pensato che sarebbe stato Ian Parker a salvarmi.
Brittainy C. Cherry
È rimasta incantata dalle parole fin dal momento in cui ha fatto il primo respiro. Si è laureata alla Carroll Uni­versity in Teatro e in Scrittura creati­va. Vive a Milwaukee, nel Wisconsin, con la famiglia. È un’autrice di culto del genere Young e New Adult. La Newton Compton ha pubblicato con successo L’amore arriva sempre al mo­mento sbagliato, Ti amo per caso, In­finite volte, Un posto accanto a te, Hai bussato al mio cuore, Non pensavo fosse amore, Al di là delle stelle, Un amore disastroso e in ebo­ok Come pioggia su di me, Un infinito istante di noi e Voglio che sia per sempre.
Buongiorno a tutti, oggi vi parlo di "Un amore disastraso", di Brittainy C. Cherry, edito dalla Newton Compton editori che ringrazio per avermi fornito l'ebook.

Hazel ha solo 18 anni, ma nella vita ha già visto di tutto. Figlia di una madre tossicodipendente, è dovuta crescere presto per non soccombere alla mancanza della stabilità di una famiglia. Questo l'ha resa sola in un modo che nessuno dovrebbe mai provare. Sarebbe stato facile lasciarsi andare e svendersi, ma l'amor proprio, la voglia di riscatto e un animo sensibile fanno sì che non si arrenda. Ignorata dai tutti e scansata come se fosse portatrice di chissà quale sventura quando si trova in difficoltà non ha nessuno a cui rivolgersi, eppure qualcuno le tende una mano anche se contro voglia.

"Avevo le lacrime agli occhi per la gentilezza di Big Paw. Il fatto che mi avesse vista in difficoltà e che avesse obbligato suo nipote ad aiutarmi era la più sincera forma di gentilezza che avessi mai visto. Io non avevo niente da offrire a Big Paw: non avevo praticamente nulla eccetto il mio nome e, tuttavia, lui aveva scelto di aiutarmi. Gli dovevo tutto." 

Ian ha solo 23 anni, ma è il ragazzo più ambito dal paese. Sia per le sue capacità canore che per l'aspetto virile reso ancor più interessante per via di un carattere schivo e dalle sue prestazioni.
Scontroso, silenzioso e imperturbabile nonostante dalla sua abbia una famiglia che lo riempie d'amore, la stabilità economica e le capacità per realizzare i propri sogni.

"Per una frazione di secondo, l’armatura di Hazel si incrinò e vidi un lampo di preoccupazione attraversarle il volto. La corazza che indossava tutti i giorni serviva a impedire al mondo esterno di ferirla e, in quella frazione di secondo, vidi la verità affiorarle negli occhi. Cazzo. Probabilmente eravamo più simili di quanto pensassi. La mia corazza era costruita dello stesso materiale."

Tra i due volano scintille, lui la odia e lei non si lascia sottomettere. Giovani entrambi, ma l'età non è sufficiente a calcolare i tormenti che tutti e due vivono. Nutrono interesse l'uno per l'altra, ma non sono disposti ad ammetterlo neppure con loro stessi. Ian è pieno di pregiudizi e Hazel a forza di sentirselo ripetere è convinta di non meritare nulla.

"...a volte la solitudine ti fa desiderare qualsiasi tipo di legame affettivo, anche quelli che ti prosciugano l’anima."

A volte basta ascoltare il cuore e concedere all'altro di aprirsi per capire che si è molto più simili di quanto non si pensi. Tra verità che riemergono dal passato, rivelazioni che prendono vita e sentimenti che evolvono si assiste a un crescendo di situazioni che sconvolgeranno la vita a entrambi.
Quante rinunce sono disposti a fare per veder realizzati i reciproci sogni?
Perché non sempre basta lottare per tenersi vicino chi si vuole, a volte l'unica scelta giusta sembra quello di lasciarlo andare.

...Ci sono sempre stata per te, anche quando non avrei dovuto, perché è quello che faccio: mi prendo cura delle cose che amo, mi prendo cura di loro per sempre».

Considerazioni

Non avevo mai letto l'autrice e me ne dispiaccio perché ha un modo particolare di scrivere. Intreccia sapientemente scene di vita quotidiana a scene romanzate. I suoi personaggi cambiano idea, si scontrano, si tormentano nel giro di pochi istanti, ma non arretrano di un passo se vogliono dimostrare la loro forza fisica o caratteriale. La narrazione a pov alterni, con tanta introspezione e dialoghi fanno sì che si conoscano i a 360 gradi. Entrambi con un passato complicato, ma con diverse capacità di adattamento. Si dimostrano duri, ma non si vergognano a mostrare il loro lato più sensibile. Lo stesso succede per i personaggi secondari che sono fondamentali per lo svolgimento della storia e non si limitano a fare da contorno.
Tutto questo rende la lettura dinamica, emozionante e permette al lettore di volare di pagina in pagina. 
La parte romanzata serve a dare quel tocco di magia in più a una storia che, a mio avviso, era già bella carica di elementi.
Famiglia, amore, scelte, sogni, senso di appartenenza sono la parte bella del libro che contiene anche argomenti sensibili. Il modo in cui vengono  trattati non nasconde la bruttura e la durezza degli atti, pur facendolo in modo rispettoso. L'autrice non si limita a inserire scene per creare scompiglio, ma lo fa in uno scenario più ampio, perché viene soppesato e analizzato ogni dettaglio che porta a ragionare sulla parte morale. Gli aspetti psicologici di chi subisce soprusi sono stati gestiti in modo attento e portano alla riflessione, spronano a reagire e tirarsene fuori.

"Per tanti anni l’unica cosa che avevo voluto era stata salvare Garrett dalla sua autodistruzione, ma stavo imparando in fretta che non puoi salvare qualcuno che non vuole essere salvato. L’unica cosa che potevi fare era lasciare la luce del portico accesa nella speranza che quel qualcuno si salvasse da solo e ritrovasse la strada di casa."

Tutto questo mi porterebbe a dire che questo libro è fantastico e di sicuro leggerò altro dell'autrice a cui faccio i miei complimenti.
Purtroppo nel file che ho ricevuto sono presenti refusi che mi hanno infastidita durante la lettura, suggerirei alla CE una rilettura per eliminarli.

Se conoscete la Cherry non avrete bisogno del mio consiglio di lettura. Se non l'avete mai letta correte al riparo e leggete un amore disastroso perché ne vale la pena.

Buona lettura!
Monica S.

Commenti

Post popolari in questo blog

RECENSIONE - "Io sono mio fratello" di Giorgio Panariello

RECENSIONE IN ANTEPRIMA - "Le parole che ho trovato per te" di Alessio Tavino

RECENSIONE IN ANTEPRIMA - "Io non ti lascio solo" di Gianluca Antoni