Recensione "Cattivi colleghi: Office romance" di Caterina Eboli

Titolo: Cattivi Colleghi

Autore: Caterina Eboli

Editore: Self publishing

Genere: Office Romance, Enemies to  lovers, spicy, contemporary Romance

Prezzo: 1,99

Data di pubblicazione: 13 Aprile 2022

Link


A trentatré anni, Ben Hoffman ha una vita che considera quasi perfetta. È ricco, ha un buon lavoro e una splendida fidanzata trofeo. Pensa che sia meglio essere temuti che amati, per questo maltratta e terrorizza le persone che lavorano con lui. La scalata verso il potere è veloce e inarrestabile, ma Ben non ha messo in conto un unico imprevisto: Holly Bennet.

Holly era al liceo con Ben e sa benissimo che razza di disastro fosse prima di diventare l’uomo di successo che è oggi. Lei faceva parte del gruppo di bulli che a scuola lo prendevano di mira e ha visto più volte Ben in ginocchio. Holly è sempre stata il punto debole di Ben, perché, per quanto fosse crudele con lui, era anche l’oggetto del suo più assoluto desiderio.

Quando Holly viene assunta in azienda per un nuovo progetto, rischierà di mandare a monte i piani di Ben, arrestare la sua carriera e smascherare l’uomo fragile che c’è dietro la facciata. Ma Ben non glielo permetterà, perché le cose sono cambiate e ora il cattivo è lui. O forse no?

Buon pomeriggio lettori, oggi voglio parlarvi di un libro che mi ha attirata tantissimo. Lo vedevo per diverso tempo tra le prime posizioni nella classifica dei romanzi rosa e leggendo la trama la cosa mi ha incuriosita ancora di più. "Cattivi colleghi" è un office romance nel presente ma è iniziato come un enemy to lovers.
Ben Hoffman e Holly Bennet si conoscono dai tempi della scuola. Ben aveva una cotta per Holly ma era considerato lo sfigatello della scuola, per i suoi modi bizzarri di vestire e per il suo fisico robusto, mentre Holly era la più carina, una cheerleader  che a pieno titolo faceva parte  del gruppetto più in vista, tra i figli di papà e quelli più alla moda. A differenza dei suoi amici, Holly non era lì perché raccomandata o di famiglia facoltosa ma era li con impegno, grazie alla sua borsa di studio e ai suoi voti meritati, eppure si permetteva di guardare Ben dall'alto al basso, mentre il suo fidanzato del momento, Kevin, il bullo della scuola, maltrattava e sbeffeggiava Ben davanti a lei e alle sue amiche. Non c'è stata mai una parola per fermarlo o per difendere Ben, che stravedeva per lei con la sua cotta infantile e che vedeva solo la sua bellezza e non la sua cattiveria, fino al giorno in cui le scrive una lettera d'amore, che lei apre e legge davanti a tutti rispondendogli a gran voce "Ben Hoffman non mi metterei con te né oggi e né mai!" Queste sono le parole che rimangono impresse nella mente di Ben, che cresce in modo cinico, vendicativo, senza interesse per il prossimo ma solo per se stesso, per la propria immagine e per i soldi. Oggi a capo, come secondo, di una delle più importanti aziende finanziare è uno degli uomini più temuti in azienda ma anche più affascinanti, con il suo fisico scolpito e il suo cipiglio severo che fa tremare chiunque con uno sguardo e che allo stesso tempo lo rende ancora più sexy. Tutto scorre a meraviglia fino al giorno in cui si trova davanti Holly Bennet, per un colloquio, e d'improvviso il suo passato a fatica dimenticato sembra riemergere in tutta la sua prepotenza. 

Perché lei è qui? Come si permette di tornare nella sua vita? E soprattutto di chiamarlo con il suo nomignolo "polpetta" davanti a tutti i suoi colleghi? Gli ci è voluto tempo e impegno per crearsi un immagine e affondare quella da sfigato che aveva al liceo e ora che tutti lo ammirano ecco che spunta il suo nemico più acerrimo in versione femminile.

"Non può essere vero, non può essere ripiombata nella mia vita così. E' uno scherzo di cattivo gusto di un destino che, con me, è sempre stato estremamente sadico."

Holly verrà presa per lavorare a un incarico proprio fianco a fianco con Ben e mentre lui cerca di ignorarla il più possibile cercando di non darle spazio, Holly è la solita sfacciata che lo provoca e lo stuzzica facendo, molto spesso, innervosire Ben e rovinando quella calma e compostezza su cui ha lavorato per anni. Holly a differenza del passato, è sempre bellissima, ma appare molto trasandata nel vestire, una col suo stipendio potrebbe permettersi gli abiti di Ben invece sembra sempre vestita da "grandi magazzini" e spesso con scarpe consumate, nonostante Ben cerchi di ignorare tutto ciò, nota che qualcosa non quadra. Non capisce perché viva in piena povertà e in un luogo malfamato, finché non scopre che Holly sta ancora con Kevin e il rancore verso di lei aumenta.

Holly mantiene sempre il suo carattere spigoloso, sa di essere bella e nonostante non si sente all'altezza di Ben, riconosce il suo cambiamento e spesso resta ipnotizzata dai suoi gesti, ma i modi scorbutici e il suo esibire ricchezza la mandano in bestia facendo uscire in lei la parte più antipatica e odiosa. 

"Se lui punta dritto al mio orgoglio, io punterò al suo. E vedremo chi demolirà chi: se la ragazza povera abituata a lottare per sopravvivere, oppure il principino dei quartieri alti."

Come finirà tra i due? L'attrazione si farà sempre più intensa, chi cederà prima al proprio orgoglio? E quali segreti entrambi nascondono dietro la loro facciata di apparenza?

Un libro che si legge velocemente, il classico hate to love dove a differenza delle altre volte le parti sono invertite e il bullizzato è lui, con tanto di riscatto! Un libro che affronta diverse tematiche ma non le appesantisce e che dimostra che il passato lascia sempre il suo segno ma che si può anche risalire. Un romance che fa capire che il passato può sempre ritornare ma che bisogna, prima di chiudere,  metterci sempre un punto o ritornerà sempre. Due personaggi che hanno sofferto nel passato e che si meritano un happy end con i fiocchi... ma sarà possibile dimenticare tanta sofferenza? Potrete scoprirlo solo leggendo. Complimenti a questa autrice che non conoscevo.



Commenti

Post popolari in questo blog

REVIEW TOUR - RECENSIONE "Jaded" di Robin C.

RECENSIONE "Deviant" di Ellie B. Luin

RECENSIONE - Il narratore di storie, di Rita Nardi