RECENSIONE "Fall of ruin and wrath-Nata dalle stelle" di Jennifer Armentrout

Titolo: Fall of riun and wrath
Autore: Jennifer Armentrout
Editore: Harper Collins
Genere: Fantasy
Prezzo e-book: 9.99 €
Solo nove città sono state risparmiate dalla collera degli dei che ha distrutto il mondo. Ora sono separate da vaste distese selvagge brulicanti di mostri e pericoli inimmaginabili, e ciascuna di esse è governata da un principe o una principessa della stirpe degli Hyhborn, custodi del Regno di Caelum, creature misteriose che si nutrono del piacere mortale. Dotata fin dalla nascita della capacità di intuire il futuro, Calista sa che il suo potere fa gola a molti, e così ha scelto di vivere nascosta nel palazzo del Barone di Archwood, con il quale ha stretto un patto: in cambio della sua protezione, si offre come cortigiana ai suoi ospiti per carpire loro le informazioni di cui lui ha bisogno. È quello che succede quando si presenta ad Archwood una delegazione di Re Euros, capitanata da Thorne, Principe di Vytrus, il bellissimo hyhborn che lei aveva salvato qualche tempo prima da un destino orribile e che ora pretende le sue attenzioni. La creatura che potrebbe essere la sua felicità oppure la sua rovina. Ma la città è in preda al caos, e con orde di mostri e nemici alle porte e un principe affamato nel suo letto, il rischio per Calista è che questa volta il suo potere non basti a tenerla al sicuro. E dunque deve scegliere: seguire l’intuito verso la salvezza o seguire il proprio cuore fino alla rovina? Un romantasy immersivo e dai toni dark, che fonde adrenalina, suspense e passione bollente, in perfetto stile JLA.

Ciao Librosi, 
Oggi vi parlo dell'ultimo romanzo della Armentrout, "Fall of Ruin and Wrath", edito HarperCollins. Vi confesso che fosse il libro qui sotto ma in una nuova veste. Dai che un pò gli assomiglia.

Comunque no, si tratta proprio di una nuova storia. Come sempre l'autrice cerca di proporci qualcosa di nuovo dell'ambito fantasy mantenendo però a grandi linee lo sviluppo della storia e i personaggi.
L'inizio è molto easy dove viene raccontata la vita di lei e piano piano poi entra in scena anche lui. Tra i due nasce qualcosa che non danno importanza ma che piano piano mette radici e i protagonisti sembrano non saperlo.

Worbuilding poco sviluppato. POV di lei. Avrei voluto un POV di lui. Magari l'autrice ci accontenta nel sequel. 
Questo è solo il primo romanzo della trilogia (per quanto ne so) e capisco che  serve come apertura alla storia, ma solo alla fine scatta qualcosa che ti intriga, per il resto molto scialbo. 
Oramai la Armentrout va così. Stessa cosa successo con la #BloodAndAshSeries. 
Parte con un prologo intrigante poi rallenta e finisce con cliffhanger. 
Purtroppo personalmente questo cambiamento di stile dell'autrice non mi fa impazzire, salvo il finale, sennò avrei dato un 3.5
Leggerò il sequel? Certamente sì e non vedo l'ora. Quindi sì, era lento e non mi ha fatto impazzire ma avrei voluto leggere il sequel subito. Peccato che nemmeno in inglese sia uscito. Io intanto ho iniziato a farmi del film. 

«Quando sei entrata nelle mie stanze» mi disse, «non ero particolarmente contento, anche se avevo apprezzato alcuni momenti trascorsi insieme nel parco e in precedenza.» «E adesso?» chiesi. «Adesso sono molto contento.» Le sue dita scesero dai capelli e danzarono sulle mie braccia, lasciandosi dietro una scia vibrante. Passarono diversi secondi. «Però avrei dovuto mandarti via.» «Perché?» «Perché ho la netta sensazione che questo non sia molto saggio» rispose lui, e mi si strinse lo stomaco. «Toccami, na’laa

Consigliato a chi ha amato #HarbingerSeries e #bloodAndAsh. Trovo che questo libro le accomuni. Per protagonisti non troppo evil e creature dal sangue angelico non perdetevi questa storia. Ah, ovviamente le parti hot non mancano.  Oramai stanno diventando un tratto distintivo dell'Armentrout. Se lo avete letto sono curiosa di sapere la vostra opinione. 

Alla prossima,
Jenny






Commenti

Post popolari in questo blog

RECENSIONE "Deviant" di Ellie B. Luin

RECENSIONE - Il narratore di storie, di Rita Nardi

RECENSIONE - La sposa gitana, di Carmen Mola