RECENSIONE - Una vigilia di Natale imprevista, di Maia

Titolo: Una vigilia di Natale imprevista
Autrice: Maia
Casa editrice: Newton Compton Editori
Genere: Contemporary Romance
Data di pubblicazione: 8 dicembre 2023
Pagine: 187
Formato kindle: 5,99 €
Copertina flessibile: 9,90 €



Una scrittrice in erba. Un amore del passato. Una vigilia di Natale insolita e piena di passione.
È la vigilia di Natale, le montagne del Südtirol sono spolverate di bianco e i piccoli chalet sono tutti illuminati in attesa di ospitare le famiglie riunite.
Aurora, una scrittrice di thriller in erba, sta dando gli ultimi ritocchi al suo albero e si prepara a passare la serata di festa in solitudine, dopo il naufragio della sua ultima storia d’amore.
All’improvviso, qualcuno bussa alla porta e Aurora si trova davanti Stefano, l’uomo per cui aveva una cotta al liceo e che poi aveva sposato la sua ex migliore amica.
Guida alpina e insegnante di educazione fisica da schianto, Stefano è ubriaco nonché fresco di divorzio. Aurora dapprima non sa come comportarsi, poi, però, lo fa accomodare in casa sua.
Tra confessioni, ricordi e rivelazioni, nel corso della notte più lunga dell’anno, Aurora e Stefano si raccontano e aprono il cuore l’una all’altro. E trascorrono insieme momenti di passione indimenticabili. Una volta passata la magia del Natale, Aurora e Stefano continueranno a frequentarsi o si diranno addio per sempre?



Ciao Lettori,
Oggi ho il piacere di parlarvi del nuovo romanzo di Maia “Una vigilia di Natale imprevista” edito
Newton Compton editori, che ringrazio per la copia. Per chi come me ama il Natale e la sua atmosfera non può lasciarsi sfuggire questo libro. Ma scopriamo meglio di cosa parla…

Il libro si dipana nella suggestiva cornice delle montagne del Südtirol, durante la notte della vigilia di Natale. Aurora è una promettente scrittrice di thriller che dopo una delusione amorosa decide di trascorrere la vigilia di Natale da sola. Ha organizzato tutto nei minimi dettagli e quando tutto sembra procedere come previsto ecco che il destino ci mette lo zampino. La sua routine infatti subisce un'improvvisa svolta quando Stefano, una guida alpina e insegnante di educazione fisica fresco di divorzio, si presenta ubriaco alla sua porta.

Mai aprire senza controllare. Non ebbi il tempo di scappare o di mettermi in sicurezza: una valanga
mi travolse completamente. Quella valanga non era fatta di neve e aveva persino un nome e un
cognome.

Dopo una serata difficile infatti, Stefano, per scacciare la sbornia, decide di uscire e, incapace di tornare a casa con il peggiorare della tormenta e le mani ormai congelate, bussa alla prima porta che trova. Mai si sarebbe immaginato di scovare proprio lei. Aurora non può credere ai suoi occhi e soprattutto a chi si ritrova davanti. Aveva di certo altri piani per la sua vigilia di Natale in solitudine, una serata tranquilla, indossando il suo abbigliamento preferito. Tuttavia, appena apre la porta, la tormenta spinge dentro Stefano, il suo primo amore.

L’incrocio di due anime sole, intrappolate nella magia di una Vigilia di Natale imprevista. Nonostante l'imbarazzo iniziale però Aurora decide di farlo accomodare, e i due iniziano a confidarsi reciprocamente. Durante la notte più lunga dell'anno, tra confessioni, ricordi e rivelazioni, la passione si accende, e i protagonisti vivono momenti indimenticabili.
Non mi resta che lasciare a voi il piacere di leggere questo libro e scoprirlo!

CONSIDERAZIONI

Amo il Natale la sua atmosfera, le luci colorate, l'odore di biscotti appena sfornati e perché no anche qualche fiocco di neve. Di certo non la tormenta di neve che vede coinvolti i nostri personaggi. Questo libro è un intreccio tra passato e presente, fatto di ricordi poesie confessioni e segreti. Per chi mi segue sa che amo il doppio pov in quanto riesco ad apprezzare di più il punto di vista di entrambi i personaggi. La capacità di scrittura di questa autrice è un linguaggio fluido e coinvolgente, in questo libro i personaggi sono ben delineati e anche gli ambienti sono ben descritti, tanto da immaginarci esattamente l'atmosfera che vivono i due. Mi è piaciuto molto il fatto che sia Aurora che Stefano riescono ad affrontare il proprio passato per abbracciare appieno il presente e quindi il futuro. Si tratta sicuramente di un romanzo sulle seconde possibilità con la cornice del Natale a fare da sfondo, il romanzo infatti sembra quasi invocare la fiducia nella magia natalizia.
Ovviamente per chi ci crede.
Per chi cerca un romanzo coinvolgente e romantico durante le festività, questo libro potrebbe essere la scelta ideale. Faccio il mio personale in bocca al lupo all’autrice e alla casa editrice per questo romanzo. Colgo l’occasione per fare gli auguri di buone feste a tutti voi, ci vediamo a gennaio!


Commenti

Post popolari in questo blog

REVIEW TOUR - RECENSIONE "Jaded" di Robin C.

RECENSIONE "Deviant" di Ellie B. Luin

RECENSIONE - Il narratore di storie, di Rita Nardi