RECENSIONE - Sugar Sin, di Marianna Vidal

Titolo: Sugar sin
Autore:  Marianna Vidal 
Editore: self publishing
Data di pubblicazione: 18 novembre 2023
Prezzo: € 2,99 ebook -  € 13,99 cartaceo
Pagine: 527 pagine
Serie: Una favola moderna 

Giulia
A volte ci si confonde. Si pensa di aver incontrato il principe azzurro e invece… Avevo tutte le ragioni per non credere alle favole. Aaron è bellissimo, fascinoso, ricco, ma pieno di segreti. L’ultimo, poi, è uno di quelli che farebbe perdere la testa anche alla più virtuosa delle principesse! Uno di quelli che potrebbe contendergli il trono.
Ma sono pronta a sfidare le convenzioni e a riscrivere il mio destino? In fondo sono una Cenerentola, una di quelle moderne, sì, ma l’amore è sempre al centro dei miei pensieri, e per un bacio del principe sarei disposta anche a perdere la scarpetta.
Che il problema sia questa? La mia scarpetta di cristallo, luccicante e terribilmente scomoda? Forse la dovrei nascondere nell’armadio, insieme all’altra, a favore di un più comodo paio di sneakers. Con quelle sì che potrei rincorrere il mio fato… o il mio principe.

Clark
Quante favole conoscete? Io non molte. Quella di Cenerentola, poi, che sposa il principe, dopo aver perso la scarpetta di cristallo, la trovo davvero fuori dalla realtà. Forse perché questo colpo di testa di mio padre rischia di privarmi di quanto mi spetta fin dalla nascita. Senza contare che la Cenerentola in questione può avere la faccia da brava ragazza, ma è più interessata ai soldi di mio padre della Matrigna Cattiva.
E se invece mi sbagliassi? E se quella che reputo una strega cattiva non fosse altro che una moderna Cenerentola che crede davvero nel principe azzurro? Be’, se così fosse, cederei persino il mio regno, per conquistare il cuore della mia regina.

Ma quali sono i piani di Aaron? Lascerà che la sua principessa spicchi il volo o ancora una volta farà di tutto per conquistare il cuore dell’unica donna degna di sedere sul suo trono?

Scopri il secondo capitolo di questa dilogia avvincente e lasciati trasportare dalle emozioni, dalle sorprese e dalle passioni che la storia di Giulia ha in serbo per te.

N.B. Il romanzo tocca argomenti sensibili che potrebbero turbare un pubblico non adulto e consapevole.

Ciao Lettori,
Oggi ho il piacere di parlarvi del nuovo romanzo di Marianna Vidal, “Sugar Sin” secondo volume della serie Una favola moderna. Ringrazio l’autrice per avermi dato la possibilità di leggere questo libro. 

Vi ricordate Come ci eravamo lasciati? Giulia aveva appena scoperto che Aaron aveva un figlio, Clark. Giulia era fermamente convinta di aver trovato il suo principe azzurro, per poi scoprire che in realtà altro non era che un bugiardo. Infatti Aaron non aveva detto nulla a Giulia di suo figlio. Un matrimonio basato su segreti e omissioni può essere considerato un matrimonio felice? È vero che in amore spesso si passa sopra a tutto ma sarà realmente così? Scopriamolo in questa nuova avventura.

“Come ho fatto a illudermi che fosse diverso da come avevo intuito? Aaron Richardson è un treno in corsa che travolge tutto quello che trova sulla sua strada.”

Il nucleo centrale di questa narrazione si compone di un segreto custodito con attenzione e di numerose omissioni di minore entità. Protagonisti del volume precedente, Giulia ed Aaron, sono ora affiancati dal figlio di quest’ultimo, Clark. Mosso dal risentimento verso il padre e dalla nuova posizione di Giulia come moglie, Clark è determinato a rivendicare ciò che gli è stato sempre negato e che ritiene di meritare. L’intento è dimostrare ad Aaron che Giulia è semplicemente un’arrivista alla ricerca di una vita agiata.

Tuttavia, le intenzioni iniziali di Clark subiscono una svolta quando si imbatte negli occhi speciali e autentici di Giulia. Le sue certezze vacillano, e si trova presto a confrontarsi con sentimenti ed emozioni mai sperimentati prima, sfidando le sue convinzioni. Può un semplice sguardo cambiarti la vita? 

«Non potremo mai più essere allo stesso punto, perché tra noi sono successe cose difficili da cancellare». 

La convivenza forzata imposta da Aaron si rivela decisiva, portando alla comunicazione tra i due protagonisti e all’abbandono dei preconcetti. Ciò che si sviluppa tra loro è complicato e sconveniente: una donna non dovrebbe perdere la testa per il figlio del marito, nonostante la modesta differenza di età e di fatto il figlio non dovrebbe mai innamorarsi della propria matrigna.

“L’amore non è al di sopra di tutto? Non è questo che ho sempre pensato? E allora perché non riesco ad accettare che il prezzo da pagare sia così alto? Perdere tutti e tutto per provare ad avere lui, l’amore della mia vita.”

Cosa succederà invece quando questo accadrà? Come si comporteranno Giulia e Clark? Cederanno alle loro emozioni o il buon senso la farà da padrone? E invece fra Giulia e Aaron cosa succederà?

Non mi resta che lasciare a voi il piacere di leggere questo libro e scoprirlo!

CONSIDERAZIONI

Come avrei potuto non leggere anche il secondo volume di questa favola moderna? Soprattutto dopo il colpo di scena finale con cui ci aveva lasciato l'autrice. La trama, intrisa di colpi di scena, suscita riflessioni su vari temi. I colpi di scena sono come fulmini a ciel sereno, rivelando gradualmente la vera natura dei personaggi. La presenza di amici e parenti aggiunge ulteriori elementi alla storia, evidenziando l’importanza dei legami nella vita, siano essi di sangue o meno. Si pone l’interrogativo su quale sia la scelta giusta: perseguire una decisione ponderata o vivere con il cuore pur di non ferire le persone amate? La felicità, si scopre, ha un prezzo, a volte molto alto. Affrontare la vita con coraggio è un tema centrale, poiché si suggerisce che solo così si potrà sperare in un sorriso da parte della vita stessa.
Non sempre testo e cuore vanno nella stessa direzione, ma quale sarà realmente la scelta giusta da fare? Anche in questo libro abbiamo un pov doppio, alternando i pensieri di Giulia e in questo caso di Clark. Il modo di scrivere di questa autrice è scorrevole e fluido, ricco di descrizioni e dettagli mai superflui. Faccio il mio personale in bocca al lupo all'autrice e con voi ci vediamo alla prossima!

Buona lettura!
Costanza



Commenti

Posta un commento

Post popolari in questo blog

RECENSIONE "Deviant" di Ellie B. Luin

RECENSIONE - Il narratore di storie, di Rita Nardi

RECENSIONE - La sposa gitana, di Carmen Mola