REVIEW PARTY - RECENSIONE - Draw down the moon. L'accademia della luna, di P.C. Cast & Kristin Cast


Titolo: Draw down the moon. L'accademia della luna
Autore: P.C. Cast & Kristin Cast
Traduttrice: Veronica Sibilla Ghiorzi
Editore: casa editrice Nord
Genere: fantasy young adult
Prezzo: ebook € 9,99 cartaceo € 18,05
Data Pubblicazione: 2 luglio 2024
Pagine: 360

Wren Nightingale ha sempre pensato di essere la pecora nera della famiglia, perché lei è l'unica a non avere nessun potere magico. Si è quindi rassegnata non solo a vivere una grigia esistenza da Mondana, ma anche a separarsi da Lee, il suo migliore amico, che sta per entrare all’Accademia della Luna, una scuola in cui i Lunari – ovvero i ragazzi dotati di potenziale magico – imparano a sviluppare i propri poteri. Tuttavia, quando scocca la mezzanotte del suo diciottesimo compleanno, Wren sente una strana energia scorrerle nelle vene, forte e dirompente, e capisce subito: è diventata una Lunare. E così la sua vita cambia per sempre…
 
Lee Young non crede alla sua fortuna. Proprio quando pensava di dover rinunciare a Wren, ecco che il destino gli concede una seconda occasione per confessarle i suoi sentimenti e un’intera estate per trasformare la loro amicizia in qualcosa di più. Nel giro di poche settimane, però, strani eventi sconvolgono il normale addestramento all’interno dell’Accademia, come se le varie Prove che gli studenti devono affrontare fossero molto più reali e pericolose di quanto non ci si aspetterebbe da un’esercitazione. Insospettita, Wren decide d’indagare, mentre Lee non vuole rischiare di mettersi nei guai: per lui, la cosa più importante è guadagnarsi il rispetto dei genitori eccellendo nelle Prove e non vuole rinunciarvi. Nemmeno se ciò significa lasciare Wren da sola sulle tracce di un segreto che, se rivelato, potrebbe costarle la vita…
P.C. Cast è nata a Watseka, Illinois, ma ha trascorso parte della sua giovinezza in Oklahoma, imparando ad amare i cavalli da corsa e la mitologia. Dopo il liceo, si è arruolata nell’Aeronautica e ha lavorato per quindici anni come insegnante. Non ha mai smesso di nutrire la sua passione per la narrativa, alla quale adesso si dedica interamente.

Kristin Cast è la figlia di P.C. Cast. Dopo aver frequentato la University of Tulsa, dove ha studiato Comunicazione, ha scoperto la passione per la scrittura, che l’ha portata a diventare un’autrice di successo. I romanzi scritti insieme con la madre hanno ottenuto un enorme successo in tutto il mondo.

Buongiorno a tutti,
con vero piacere partecipo al review party organizzato dal blog romance & Fantasy for cosmopolitan girls per l'uscita di "Draw down the moon. L'accademia della luna", di P.C. Cast & Kristin Cast, edito dalla casa editrice Nord, che ringrazio che per la copia cartacea.

Torno dopo tanto tempo a leggere un romanzo fantasy e devo dire che ne sono felice perché la storia mi ha coinvolto in modo completo.

Wren è rassegnata al suo ruolo di Mondana, ha un futuro prefissato e si vede già come libraia, a vivere lontana dai suoi amici storici e da ciò che li attende visto le loro doti magiche. Mancano pochi giorni al momento in cui le loro vite si divideranno, ma il destino prende vie impreviste decidendo per lei.
È una ragazza vivace e piena di risorse, con un animo riflessivo e una vena malinconica. Poco incline a lasciarsi andare con chi conosce poco, ma pronta a intraprendere lotte in difesa delle persone in difficoltà. Ha un bel caratterino che però cela anche insicurezza.

"Dovrò andarmene da qui, dal luogo in cui mi sento al sicuro. Dalla casa in cui sono sopravvissuta alla perdita dei miei genitori e dove mi sono reinventata. Dove ho ritrovato la felicità che credevo persa per sempre."

Lee ha un obiettivo: diventare il primo allievo della scuola, ottenere il massimo dei voti per affermare il ruolo della famiglia Young. Tutto ciò con la speranza di ricomporre le crepe che un grosso dolore ha lasciato a tutti loro. Segretamente innamorato della sua migliore amica, vive il rapporto in modo conflittuale perché vorrebbe dichiararsi, ma teme di perderla del tutto.
Scoprire di avere altro tempo, all'interno dell'accademia, per starle vicino lo rende euforico, ma sarà davvero così lieto il percorso insieme?

"Ogni volta che mi guarda è come fosse la prima e, se continua così, non sono certo di riuscire a tenermi alla larga da Cupido. Con le mani sudate e il cuore dolorante per tutte le parole non dette, tolgo il braccio dalle spalle di Lily. So come sembra."

Non è certo facile capire il momento in cui un'amicizia si trasforma in un sentimento più intenso e la paura di dichiararsi non è d'aiuto quando il rischio è quello di perdere tutto. I due ragazzi dovranno affrontare prove fisiche e anche più introspettive. Il tutto mentre si renderanno conto che all'accademia della luna non è tutto come appare, che le luci nascondono più oscurità delle ombre stesse.

Considerazioni

La narrazione in prima persona al presente, con pov alternati è stata la scelta ottimale per dare una marcia in più a questa storia. La lettura è stata coinvolgente anche grazie agli eventi che fin dalle prime battute hanno un ritmo sostenuto e mutano la scena in modo repentino. Le personalità dei protagonisti sono delineate in modo chiaro, questo rende anche più intense le parti introspettive dove si mostrano senza riserbo. È Wren a dimostrare una maggiore consapevolezza di se stessa, di ciò che la circonda e dei misteri dell'accademia. Si assiste a una vera e propria trasformazione che la rende protagonista indiscussa. Al fine della struttura narrativa sono fondamentali anche i personaggi secondari che, a loro volta, hanno un'identità e caratteristiche che li rende unici e riconoscibili.

"Poi aggrotta la fronte e non saprei dire se quello che sento è il battito del suo cuore o del mio, ma so che siamo nello stesso posto, persi nelle memorie del passato, tormentati dal ricordo di coloro che non abbiamo potuto salvare."

La componente magica e l'ambientazione hanno una descrizione minuziosa che aiuta il lettore a visualizzare i luoghi per trovarsi al centro dell'azione, dove la magia assume un ruolo chiave. Mi sono piaciute molto le vari classificazioni e le doti che ogni personaggio, anche secondario, ha acquisito in base all'influenza della luna al momento della sua nascita.
Ogni fantasy ha la suprema lotta tra bene e male, questo libro non fa eccezione però ho trovato degli elementi che mi hanno stupita in modo gradevole. Inevitabile la presenta di scene più cruente che però vengono raccontate in modo non eccessivo.

Faccio i miei complimenti alle autrici della storia per aver osato senza esagerare, trovando un equilibrio perfetto; alla traduttrice per aver reso al meglio le atmosfere del testo. Concludo con la speranza di poter leggere quanto prima il secondo volume, questo ha un finale che in un certo senso conclude il libro, ma non mette la parola fine alla storia perché ci sono domande che attendono ancora la risposta.

Ne consiglio la lettura agli appassionati del genere e a ritengo il testo adatto a lettori dai 15 anni in su.

Buona lettura!
Monica S.





Commenti

Post popolari in questo blog

RECENSIONE "Deviant" di Ellie B. Luin

RECENSIONE - Il narratore di storie, di Rita Nardi

RECENSIONE - Daisy Haites. Spara dritto al cuore, di Jessa Hastings