RECENSIONE " Waiting me" di Sofia Mancini

Titolo: Waiting me
Autore: Sofia Mancini
Editore: Self Pubblishing
Genere: Age gap/ romance- suspense 
Data di pubblicazione: Prevendita dal 1 aprile, in pubblicazione dal 22 aprile  
Prezzo: 1,99 ( In offerta per tutto il periodo della prevendita a 0,99). Disponibile in KU 


Scappare dal passato non è mai una scelta logica, mentre ti godi la vita potrebbe arrivare, di punto in bianco, e trascinarti di nuovo nell'inferno che hai tentato di lasciarti alle spalle, riportando a galla vecchie ferite che credevi fossero cicatrizzate.
Rebecka e Joseph non si conoscono, non sanno niente dell'esistenza dell'altro, eppure hanno un passato simile che li accomuna.
Rebecka scappa da una realtà orribile, abbandonata in fasce, cresce in un orfanotrofio in cui l'amore e la compassione non sanno cosa significhi. Quando diventa maggiorenne fugge con l'unico ragazzo che la fa sentire amata, peccato che questa sia solo una facciata e finisce nella rete di un manipolatore narcisista capace di distruggere la sua mente e renderla assuefatta da lui. Un giorno, però, prende coraggio e decide di scappare.
Joseph è un avvocato di successo, ma ha un passato oscuro. Cresciuto da solo, dopo la morte dei genitori, finisce in un giro poco raccomandabile che gli permette di continuare gli studi. Uscire da certi giri, si sa, non è mai semplice e una volta dentro, lo sei per sempre anche se fai perdere le tue tracce.
Valencia non è mai stata così accogliente come nell'ultimo periodo e quando Joseph incontra lo sguardo magnetico di Rebecka, qualcosa cambia. Ma non c'è spazio per i sentimenti quando entrambi hanno un killer in comune che li vuole morti.


Buon pomeriggio lettori, oggi voglio parlarvi di "Waiting me" di Sofia Mancini.
Un libro insolito e con una buon dose si suspense. Ci ritroviamo con i due punti di vista dei protagonisti, due personaggi che non si conoscono ma che hanno molte cose in comune, entrambi scappano dal passato, da una persona in particolare, ed entrambi si ritrovano nello stesso posto e a chiedere aiuto proprio alla stesse persone. Una bella coincidenza, insolita, che li porterà a conoscersi e ad avvicinarsi. L'affinità tra loro sarà molto forte tanto da far decidere a Joseph di prendere in mano la situazione e di farsi trovare dal nemico per poter tenere Rebecka al sicuro. 

"Accanto a lui mi sento a casa, io che una casa non l'ho mai avuta, ma  come se non mi mancasse più niente, come se tutto quello che ho vissuto fosse solo un lontano ricordo".

Due destini segnati, due vite lasciate in sospeso per sfuggire da un aguzzino che ha avuto entrambi come pedine. Joseph era un avvocato di successo e a causa delle sue amicizie sbagliate, ha commesso molti sbagli, diventando proprio un sicario di Ivan Smith, un malvivente che lo ha sfruttato ma ha anche sfruttato Rebecka, che è stata per diverso tempo la sua donna e ha subito da lui maltrattamenti e abusi fino a che non è riuscita a scappare e a nascondersi.

Un libro che poteva aver del potenziale alto se sfruttato adeguatamente. Alcune scene se ridimensionate e sistemate avrebbero potuto rendere di più. Inoltre andrebbe anche risistemata la parte editing che presenta diversi refusi. Nonostante tutto è un libro che può piacere specie a chi cerca libri romance-suspense, qui può trovare la giusta dose di adrenalina. La scrittura è molto fluida e ben strutturata, forse ancora un po' acerba ma che ha del potenziale. Consiglio all'autrice di revisionare almeno un po' l'editing per aver un libro più curato.

Buona lettura.




Commenti

Post popolari in questo blog

RECENSIONE - "Io sono mio fratello" di Giorgio Panariello

RECENSIONE IN ANTEPRIMA - "Io non ti lascio solo" di Gianluca Antoni

RECENSIONE IN ANTEPRIMA - "Le parole che ho trovato per te" di Alessio Tavino