RECENSIONE "La regina delle sirene" di Alexandra Christo

Titolo: La regina delle sirene
Autore: Alexandra Christo
Editore: Fanucci Editore
Prezzo ebook: 7.99 €
Prezzo cartaceo: 14,15
Genere: fantasy
Data pubblicazione: 13 Maggio 2021


La principessa Lira è una sirena regale e la più letale di tutte; con il cuore di diciassette principi nella sua collezione, è venerata in tutto il mare. Fino a quando uno scherzo del destino la costringe a uccidere uno della sua razza. Per punire sua figlia, la regina del mare trasforma Lira nell'unica cosa che detesta di più: un essere umano. Derubata del suo canto, Lira ha tempo fino al solstizio d'inverno per consegnare il cuore del principe Elian a sua madre o rimarrà un’umana per sempre.

L'oceano è l'unico posto che il principe Elian chiama casa, anche se è l'erede del regno più potente del mondo. La caccia alle sirene è più di un hobby per lui: è la sua unica passione. Quando salva una donna che sta annegando nell'oceano, lei in cambio promette di aiutarlo a trovare la chiave per eliminare per sempre tutta la specie delle sirene. Ma può fidarsi di lei? E quanti accordi dovrà negoziare Elian per annientare il più grande nemico dell'umanità?

Un nuovo fantasy romance e dark, una lettura imperdibile per chi ama Leigh Bardugo e Sarah J. Maas, la storia di una sirena con il gusto del sangue reale e di un principe che ha giurato di distruggerla. Per sempre.
Buongiorno Librosi,
Per la prima volta eccomi a parlarvi di sirene. Sono felice di averlo letto perché di libri con queste creature non ne ho mai letto ma solo visto film. Quindi ero molto curiosa e ringrazio la Fanucci per la copia ARC. Quello di cui vorrei parlarvi oggi è "La regina delle sirene" di Alexandra Christo, un romanzo che ha avuto un buon riscontro all'estero e ci ha reso felici la notizia che sarebbe arrivato anche da noi. 
La prima cosa che ha lasciato un po' sconcertati i lettori è la cover però...

Senza entrare nel dettaglio della grafica, campo che non mi compete, ma  da lettore posso dire che: 
Senz'altro la cover Inglese è più evocativa e in sintonia con il titolo. "To Kill A Kingdom" - "Uccidere un regno". Sono presenti i tentacoli che rappresentano la regina delle sirene e un pugnale che serve appunto per uccidere e poi sullo sfondo l'acqua. Quindi corrispondenza titolo cover top.

La cover Italiana invece, dato che hanno cambiato il titolo "La regina delle sirene" hanno dovuto di conseguenza adattare la cover. 
Nel centro si può ben notare un design di una sirena con la corona. Ai lati del libro un design che raffigura le onde e sullo sfondo figure stilizzate di pesci/ sirene. I colori la rendono più elegante e l'oro ha un significato ben preciso nella trama. Quindi a primo impatto può non catturare l'attenzione ma i dettagli ci sono tutti, quindi per me è approvata.

Altro motivo per cui ho voluto leggerlo è che nella trama sono citate due autrici fantasy che apprezzo molto. 
Un'altra precisazione: È un enemy to lovers (da nemici a amanti) e molti lo targano come un retelling (ispirato ad una favola), ma per me no. 
Insomma ok che parla di sirene ma ci vedo poche somiglianze con la fiaba di Ariel. È come dire che ogni romanzo sui vampiri è un retelling di Dracula di Bram Stocker.
Senza dilungarmi troppo, tanto la trama l'avete sopra, mi butto sulle considerazioni.

Considerazioni
Romanzo scorrevole e relativamente breve. Letto entro un giorno. Lo stile semplice cattura e aumenta il desiderio nel lettore  di scoprire come va a finire la storia. Presente il doppio POV in modo da avere una visione completa della storia. Presenti anche alcuni flashback che ci aiutano a capire alcuni comportamenti dei protagonisti. 
Essendo classificato come Y/A fantasy è adatto a un pubblico giovane perché ci sono solo delle scene romantiche. Però in compenso ci sono delle scene cruenti che secondo me non sono molto raccomandabili per una fascia d'età tanto giovane. 
L'autrice è brava a trasmettere le emozioni dei protagonisti, sapendo bene che non sono i classici "eroi" della storia. In effetti le sirene vengono presentate come mostri e in particolar modo la protagonista, Lira. Uccidono i marinai ma Lira colleziona cuori di principi per ogni anno di età. Elian non è da meno in quanto pure lui uccide le sirene. 
Una cosa che mi è piaciuta parecchio è lo scambio di battute tra i due e in particolar modo il carattere di lei.

"Veleno?" rifletto ad alta voce. "Lo stavi conservando per la tua futura moglie?"
"No è letale" dice Elian. Per essere un assassino, sembra stranamente offeso all'idea. "E no." Si interrompe e poi si volta verso di me con un mezzo sorriso. "A meno che tu non fossi mia moglie." 
"Se fossi tua moglie, lo berrei di mia volontà."

Il romanzo per un 75% mi è sembrato un po' lento e verso la fine, al contrario, corre troppo. Avrei preferito vedere più approfondito il rapporto e la progressione tra i protagonisti. 
Consiglio la lettura a chi vuole un fantasy con nuove creature e a chi ama gli enemy to lovers.

Alla prossima,
XoXo
Jenny K.


Commenti

Post popolari in questo blog

RECENSIONE - "Io sono mio fratello" di Giorgio Panariello

RECENSIONE - "A un millimetro di cuore" di Massimo Bisotti

RECENSIONE IN ANTEPRIMA - "Io non ti lascio solo" di Gianluca Antoni