RECENSIONE "La lettrice di nuvole" di Antonella Enrica Gramone

Titolo: La lettrice di nuvole
Autrice: Antonella Enrica Gramone
Editore: More Stories
Genere: Contemporary Romance
Prezzo: ebook 2,99 € 
Data di pubblicazione: 16 maggio 2021
Protagonisti: Mic e Michelle
Pagine: 408 pagine



Mic, giovane e intraprendente speaker radiofonica, lavora da tre anni in una piccola emittente privata e conduce Cappuccino News, una trasmissione sul meteo e sul traffico di Milano. La svolta nella sua vita le arriva insieme ad una inaspettata eredità: il Petit Carnet de nébulosité di sua zia Michelle. Grazie ai segreti del passato contenuti in quelle pagine, Mic trova la spinta per raggiungere nuovi traguardi e il coraggio per riuscire ad affrontare il suo affascinante collega. Il piccolo diario e la magia del cielo di Parigi riusciranno ad aprire gli occhi e il cuore di Mic a nuovi orizzonti e prospettive che, fino a quel momento, non aveva osato immaginare e che la trasformeranno in una vera e propria lettrice di nuvole.



Ciao Librosi,
oggi ho il piacere di parlarvi del romanzo di Antonella Enrica Gramone edito More Stories, "La lettrice di nuvole". In questo libro le nuvole diventano quasi co-protagoniste. La loro lettura e interpretazione, la poesia e il fascino che riescono a emanare... 

La nostra protagonista principale è Mic. Una giovane ragazza che lavora da anni in una radio. All'inizio svolge una piccola trasmissione al mattino, chiamata Cappuccino News, dove tratta argomenti di meteo e traffico di Milano. La sua trasmissione va in onda all'alba prima di quella di punta del suo collega affascinante e arrogante, Claudio. La svolta sembra arrivare quando il suo capo le affida una nuova trasmissione, questa volta serale. All'inizio non sarà per niente facile ma la sua caparbietà e al sostegno dei suoi amici (e un corteggiatore misterioso) Mic riuscirà a decollare.

“Le nuvole sono emozioni sospese sopra le nostre teste, capricciose, volubili, cupe o lievi come i nostri umori”

Una delle sue più care amiche è Michelle. Una ragazza parigina con la passione per le nuvole. Quando quest'ultima verrà a mancare le lascerà in eredità  il Petit Carnet de nébulosité. In questo diario ci sono tutti i segreti per "leggere le nuvole". E sarà proprio grazie a Michelle e all'interpretazione delle nuvole che Mic darà una svolta nella sua vita. Raggiungerà nuovi traguardi e troverà il coraggio per affrontare non solo il suo arrogante collega, ma anche sua madre. 

"Le nuvole insegnano moltissimo: basta prestare loro attenzione. Ti conducono a cambiare prospettiva, ribaltano il tuo modo di affrontare le cose, mettono a testa in giù i tuoi pregiudizi"

Sarà l'inizio di una nuova vita per Mic. Questo piccolo diario e il fascino di Parigi faranno aprire gli occhi alla nostra protagonista, cercando nell'orizzonte e nelle nuvole una nuova prospettiva sulla vita e divenendo pian piano una vera e propria lettrice di nuvole.

“Le persone sono come le nuvole, cambiano forma e apparenza, si spostano nel cielo, ma non muoiono mai, solo, infinitamente si trasformano” 

Non mi resta che lasciare a voi il piacere di leggere questo romanzo e augurarvi Buona Lettura!

CONSIDERAZIONI

Quando mi hanno proposto di leggere questo libro ne sono rimasta subito affascinata. La cover e la trama hanno aiutato molto. E devo ammettere che non mi hanno deluso. Questo romanzo ti permette di fare un viaggio interiore, di porti delle domande e di guardare la vita da un'altra prospettiva. E così come Mic anche tu mentre leggi questo libro, subirai una crescita personale. 
Sicuramente da oggi in poi non guarderò più le nuvole allo stesso modo. 
Non si tratta del classico romance con la storia d'amore come fulcro principale, ma sarà la vita e la crescita di Mic al centro di tutta la storia. E le nuvole ovviamente!
Dal punto di vista tecnico il romanzo è scritto in prima persona. La modalità di scrittura è molto scorrevole e precisa. A volte le spiegazione sulle nuvole sono state un po' pesanti ma nulla di eccessivo. 
Che altro dirvi? Un romanzo adatto a chi ha voglia di sognare, anche ad occhi aperti guardando le nuvole. E se anche voi almeno una volta vi siete ritrovati sdraiati su un prato con gli occhi rivolti al cielo a guardare le nuvole, non potete non leggere questo romanzo. 
Alla prossima!

Commenti

Post popolari in questo blog

RECENSIONE - "Io sono mio fratello" di Giorgio Panariello

RECENSIONE IN ANTEPRIMA - "Le parole che ho trovato per te" di Alessio Tavino

RECENSIONE IN ANTEPRIMA - "Io non ti lascio solo" di Gianluca Antoni