RECENSIONE IN ANTEPRIMA -"insegnami ad amare" di Jane Harvey-Berrick

Titolo: Insegnami ad amare
Autore: Jane Harvey-Berrick
Editore: Delrai edizioni
Genere: romanzo contemporaneo/ age romance
Prezzo ebook: € 4,99
Prezzo cartaceo: € 19,90
Data pubblicazione: 24 giugno 2021
Pagine: 706
Serie: autoconclusivo


Intrappolata in un matrimonio senza amore, la trentenne Caroline Wilson si trasferisce a San Diego perché suo marito ha ottenuto una promozione. Sentendosi sola e smarrita, Caroline fa amicizia con un giovane surfista del posto: Sebastian Hunter. Sebastian prova qualcosa di più che semplice amicizia per Caroline e approfitta degli incontri sulla spiaggia per avvicinarla e trasmetterle ciò che prova. Tra i due scocca la scintilla dell’attrazione e l’affetto si trasforma in un amore proibito che li minaccia entrambi, perché il ragazzo ha solo diciassette anni e Caroline è divisa tra la cosa giusta da fare e i suoi sentimenti per lui.
Jane Harvey-Berrick è un’autrice di romance contemporanei e new adult originali ed emotivamente profondi. Trova la sua ispirazione camminando sulla spiaggia dell’Oceano mentre ascolta il rumore delle onde. Ama l’Italia e ne apprezza profondamente la cultura, a partire da quella culinaria. Per la Delrai Edizioni ha pubblicato la Traveling Series e la dilogia sport romance scritta a quattro mani con Stuart Reardon, ex giocatore di rugby: Invincibile e Idolo. - Pagina Amazon

Buongiorno a tutti, oggi vi parlo di un libro che inizialmente non ero convinta di leggere. Il genere forbidden mi ha quasi sempre delusa se non rare, quasi uniche, eccezioni. Si tende a esagerare o a mettere sotto questo genere qualsiasi cosa e siccome ognuno di noi ha una differente percezione della morale, è piuttosto complicato definire i limiti di questa tipologia di romanzo.

Caroline ha raggiunto i trent'anni e si rende conto di essere sempre stata l'appendice di qualcuno. Prima era figlia di qualcuno e subito dopo era moglie di qualcuno. Ma lei chi è? Si è mai ritagliata uno spazio per se stessa, per conoscersi, ascoltare i suoi bisogni e crescere? La risposta è no. 
Tutte queste domande le si parano dinnanzi quando l'ennesimo trasloco la porta in una nuova città dove deve ricominciare la routine di inserimento, conoscenze, salvaguardia delle apparenze. A tutto ciò si aggiunge una vita matrimoniale triste e non appagante, ma dove tutto è scontato e ogni gesto è un obbligo.

Poggiò una mano sulla mia e mi gustai il contatto gentile. Quando mi resi conto che il suo tocco mi piaceva, spalancai gli occhi, sorpresa, e allontanai di scatto la mano. «Mi dispiace» riprese, mentre le guance gli bruciavano di imbarazzo. «No, sono stata maleducata io. È che…» La tensione tornò e, con orrore, mi accorsi che le mani mi tremavano.

Sebastian è un ragazzo, ma l'aspetto fisico e la maturità che dimostra lo fanno apparire un uomo, seppur giovane, a cui potersi aggrappare. Bello, solare e gentile riesce a conquistare l'attenzione di Caroline che non è abituata a sentirsi apprezzata.

Sentii la sua mano sfiorarmi il braccio: stava tremando. Dovetti alzare lo sguardo. Aveva un’espressione piena di desiderio, mischiata a un velo d’ansia. Abbassai gli occhiali, facendoli scivolare dai capelli per coprirmi gli occhi. Mi alzai in piedi di scatto.

Tra i due l'amicizia si trasforma subito in chimica e il passo per desiderare qualcosa di più è breve.
Sono tanti, troppi, gli ostacoli che si frappongono tra i loro desideri e la realtà che incombe sulle loro fantasie.
Inizia così una lotta tra lecito e illegale, tra giusto e sbagliato, tra i desideri e i doveri.
Mente e cuore non vanno quasi mai d'accordo e le convenzioni, imposte dagli uomini, giocano un fattore determinante sulla libertà che i due vogliono, ma non possono avere.

«Ero troppo debole per starti lontana» mormorai. «E oggi è stato così… Non mi sono mai sentita così prima. Mi fai sentire viva. Ma questo non significa che non sia sbagliato…» «Come fai a dirlo?» domandò arrabbiato, il suo corpo si irrigidì di colpo. «Come fai a sapere che è sbagliato? Come…» Balbettò nel tentativo di trovare le parole e io gemetti di dolore. «Non essere arrabbiato con me.» Non lo sopporterei, se tu mi lasciassi proprio ora. «Solo… ti prego, non dire che è sbagliato. Non ce la faccio a sentirtelo dire.»

Considerazioni

Sarebbe facile darvi un'opinione potendo entrare nel merito della storia, ma dovendomi attenere alla sinossi non posso addentrami nel merito delle dinamiche.
Vi anticipo che le settecento pagine sono giustificate dal fatto che la Delrai edizioni ha unito in un unico volume quella che era nata come una dilogia. Infatti questo volume contiene, di fatto, due libri che si suddividono in una prima e una seconda parte. Ho compreso le motivazioni di questa scelta, ma ho trovato la lettura lunga e a un certo punto ripetitiva. A mio giudizio andava rivista l'unione dei testi e sarebbe bastato riadattare qualche capitolo per rendere più veloci alcuni eventi. Ringrazio la casa editrice per avermi dato il file ARC per la lettura.

La voce narrante è quella di Caroline, è lei che racconta cosa è successo nel corso degli anni e a tratti mi è mancato il punto di vista di Sebastian. Mi domando se verrà tradotto anche il pov di lui che consiste in un terzo volume nella serie in lingua.
L'autrice ha messo insieme un sacco di elementi e ha affrontato differenti tematiche tutte delicate e capaci di creare una serie infinita di variabili. 
Questa non è solo una storia tra un diciassettenne e una trentenne, ma contiene tanti micro mondi che meriterebbero una lunga divagazione che non posso fare per non rovinarvi la lettura.
Una storia del genere non può lasciare indifferenti e di fatti mi sono trovata spesso a oscillare tra il senso della morale e l'inevitabile svolgimento dei fatti, che appaiono giusti oltre ogni logica. Preparatevi a qualche colpo al cuore perché tra Caroline e Sebastian, una volta che escono dalla loro bolla di intimità e confidenze, nulla è semplice.

«Ogni volta che va storto qualcosa, tu rinunci a noi. Mi stai uccidendo.»

Le descrizioni sono un punto importante del libro, l'autrice si è impegnata a rendere vivido ogni dettaglio dalle varie scene che vede coinvolti i due protagonisti che si tratti di sesso o di luoghi, le immagini e le emozioni sono vivide.
I personaggi secondari gravitano intorno a quelli principali e impongono le loro decisioni mutando gli eventi.
Complimenti a Jane Harvey-Berrick per aver dato vita a questi due personaggi così particolari e per il lavora che ha svolto nel ricreare le ambientazioni.
La lettura è stata coinvolgente e mi ha coinvolta quindi non posso che consigliarvela e attendere la vostra opinione. Successivamente mi piacerebbe potermi confrontare con chi lo ha letto e poter finalmente scendere nel dettaglio.


Buona lettura!
Monica S.

Commenti

Post popolari in questo blog

RECENSIONE - "Io sono mio fratello" di Giorgio Panariello

RECENSIONE IN ANTEPRIMA - "Le parole che ho trovato per te" di Alessio Tavino

RECENSIONE IN ANTEPRIMA - "Io non ti lascio solo" di Gianluca Antoni