REVIEW PARTY - RECENSIONE - Kari di Monica B.

TITOLO: Kari
AUTRICE: Monica B.
EDITORE: self publishing

DATA: 1 settembre 2023

GENERE: Urban fantasy / Paranormal romance

PREZZO EBOOK: € 2,99

PREZZO CARTACEO: € 14,00

PAGINE: 346

SERIE: The Crimson Thrones





Kári, gigante norreno del vento, non si è mai guardato indietro da quando il suo Pantheon gli ha voltato le spalle, preferendo vivere tra gli umani come cantante di una rock band conosciuta a livello mondiale.
Partecipare al torneo che lo vede come uno dei Quattro Divini Re in grado di salvare il mondo è solo un vanto in più al suo curriculum. Peccato che lui non abbia nessuna intenzione di rischiare la vita per gli altri, mortali o meno.
Cora Ivanova è un geofisico pluripremiato e la sua vita gira attorno alla sua carriera. Negare tutto ciò che è paranormale è per lei una legge inviolabile, finché il mondo che conosce non viene minacciato proprio da ciò che lei crede impossibile.
Fidarsi del gigante norreno piombato nel suo ufficio sarà l’unica soluzione per salvare ciò che ama e ciò in cui crede. Riusciranno i due a mettere da parte le loro diffidenze per salvare il mondo?


Buongiorno a tutti, ho avuto il piacere di leggere in anteprima il quarto e ultimo volume della serie The crimson thrones, si tratta di Kari, di Monica B. che ringrazio per la copia ARC.

Kari è molto terreno sia nel modo di vivere che nel pensare. È sì una divinità, ma del palcoscenico, il frontman di una rock band che viene invocato dai fans e idolatrato dalle grupie anche grazie al suo modo di concedersi dopo i concerti. No, con concedersi non parlo di autografi.
Ha l'aspetto da cattivo ragazzo con un fisico possente, una bellezza mascolina e la pelle ricoperta da tatuaggi, i suoi atteggiamenti non hanno nulla di angelico. La parte più umana è riservata ai sentimenti perché Kari è parecchio orgoglioso e un po' rancoroso. È anche questo il motivo per cui preferisce vivere sulla terra condividendo esperienze con i musicisti del gruppo.

"Restai un attimo a riflettere sulle sue parole. Il destino. Quante volte mi ero scontrato con quello stronzo? Quante volte ero finito a terra per colpa sua?"

Cora è la quintessenza della razionalità, una mente brillante e analitica che sfrutta nel suo lavoro con un cipiglio che la rende distaccata e inavvicinabile. Al mondo presenta una versione di sé estremamente rigida e severa, ligia al dovere a livelli maniacali. Non permette a nessuno di superare la barriera dietro cui si cela e pur sapendo fare un lavoro di squadra preferisce lavorare in solitudine. Una volta dismesso il camice da dottoressa però torna a essere Cora, una donna empatica e pronta verso il prossimo.

"Ogni mia convinzione era stata messa in discussione. Ogni mia certezza, spazzata via come se non fosse mai esistita. Ora avrei dovuto prestare attenzione affinché il mio cuore non venisse distrutto."

I due sono davvero agli antipodi, lui arriva da un mondo dove le credenze e le superstizioni la fanno da padrone. Mentre lei studia nel dettaglio effetti e cause, se una cosa non può essere spiegata dalla scienza è perché quella cosa non esiste. Un punto di incontro tra loro è praticamente impossibile da pensare, eppure qualche legame deve esserci se le loro strade si incontrano.

Considerazioni


Pov alternati e una narrazione serrata risultano vincenti in questa storia che rischiava di essere una ripetizione delle precedenti, visto che il male va affrontato per la quarta volta.
I personaggi sono molto diversi tra loro, ma si completano, sono caratterizzati bene, si riesce a entrare nei loro ragionamenti anticipandone le mosse. La storia questa volta evolve su un piano più personale. Cora e Kari vengono messi a nudo e spogliati di tutti i muri che hanno eretto. Solo successivamente l'autrice intreccia il destino del mondo con il loro. La profezia è sempre metaforica e di difficile interpretazione, ma qui Monica B. si è divertita a renderla davvero incomprensibile fino alla fine. Questo, secondo me, ha aggiunto un elemento in più a questa storia per via dei risvolti.
I personaggi secondari sono uno spasso e il loro intervento mi ha divertita.
Faccio i complimenti all'autrice per esser riuscita a darmi delle emozioni intense grazie ai suoi personaggi che si sono messi in gioco e hanno dato tanto.

Ne consiglio la lettura agli appassionati del genere paranormale.

Buona lettura!
Monica S.

Commenti

Post popolari in questo blog

RECENSIONE "Deviant" di Ellie B. Luin

RECENSIONE - Il narratore di storie, di Rita Nardi

RECENSIONE - La piccinina, di Silvia Montemurro

RECENSIONE - Il libro delle storie a lieto fine, di Sally Page

RECENSIONE - La sposa gitana, di Carmen Mola