RECENSIONE "Una vita fa" di Celeste Wood


Titolo: Una vita fa

Autore: Celeste Wood

Editore: Self Publishing

Prezo ebook: 2,99 € + KU

ORDER


Può il solo tocco di una mano sconvolgere una vita intera?

Lo scoprirà Emily quando lo scontro con uno sconosciuto trasformerà in un attimo la sua vita tranquilla.
Lui è bello, affascinante, tutto ciò che lei ha sempre desiderato ma non è come sembra: quello sconosciuto in un’altra realtà, in un’altra epoca, era tutto il suo mondo.

Tra Woodstock, Charleston e locali proibiti inizierà per Emily un viaggio incredibile che la porterà a chiedersi se è davvero possibile che due persone siano legate da un destino che oltrepassa il tempo e che le farà scoprire perché odia a morte i broccoli.

Buon pomeriggo Librosì, 
Oggi vi parlo di una romanzo diverso dal solito, in bilico tra il fantasy e contemporary romance. Si tratta di "Una vita fa" di Celeste Wood. 


Emily, una donna adulta che ha avuto pochissime relazioni, dopo uno scontro con uno sconosciuto si ritrova uno spasimante dietro l'altro. L'evento particolare la influenza così tanto che non riesce a godersi il presente. Alcuni eventi rasentano quasi l'assurdo. Il messaggio che l'autrice lancia è molto importante. Godersi il presente e viverlo al massimo. 

Lettura scorrevole e abbastanza breve. All'inizio mi sono ritrovata frastornata, ma una volta capito di cosa si trattava, andavo veloce come un treno.
Nonostante non sia riusciuta a empatizzare molto con Emily all'inizio, la storia in sè è interessante e singolare. La parte centrale del romanzo è intrigante e scorre bene. 
Il finale si conclude con un flashback che rivela una parte importante della storia. Una storia scorrevole e divertente. Consigliato a chi crede nel destino. 

Alla prossima,
Jenny







Commenti

Post popolari in questo blog

RECENSIONE "Deviant" di Ellie B. Luin

RECENSIONE - Il narratore di storie, di Rita Nardi

RECENSIONE - La piccinina, di Silvia Montemurro

RECENSIONE - Il libro delle storie a lieto fine, di Sally Page

RECENSIONE - La sposa gitana, di Carmen Mola