REVIEW TOUR - RECENSIONE IN ANTEPRIMA "Schegge di vetro" di Irene Catocci


Titolo : Schegge di vetro
Autrice: Irene Catocci
Editore: Words Edizioni
Genere: Forbidden Romance
Data Pubblicazione: 30 settembre 2020
Protagonisti: Anita, Nicola, Enea, Livia
Prezzo lancio: € 0,99
Prezzo cartaceo: € 15,90
Serie: autoconclusivo



I segreti possono distruggere la vita. Lo sanno bene Livia e Anita, madre e figlia. La prima accompagnata da una intima sofferenza che si porta dietro dall'adolescenza, la seconda fragile e insicura, alla disperata ricerca dell'affetto che le è mancato per tutta la vita. Un equilibrio precario il loro, che crolla definitivamente quando, attraverso i diari di Livia, Anita scopre un segreto inconfessabile, tenuto nascosto per anni: non è la figlia legittima di quello che ha sempre creduto suo padre, ma frutto di un amore tossico come il più letale dei veleni. Due donne alle prese con i propri tormenti: Anita e l'amore per il suo migliore amico Nicola; Livia succube di un sentimento deviato e un cruore fragile come vetro, fratumato sotto il peso delle bugie.
Un libro intenso, tra segreti inconfessabili e le inevitabili conseguenze a cui si va incontro quando la verità, scomoda, dannata e proibita, viene a galla.



Ciao Librosi,
oggi ho il piacere di parlarvi del nuovo romanzo di Irene Catocci "Schegge di vetro" edito Words Edizioni. L'autrice aveva già pubblicato in self questo romanzo, ora rieditato con la casa editrice. Vi preannuncio che si tratta di un libro intenso, pieno di colpi di scena, che sarà in grado di tenervi incollati a quelle pagine con il fiato sospeso. La scoperta della verità e dei segreti che, soprattutto Livia, nasconde saranno il vero tarlo del libro. Vi racconto un po' questa storia.

Anita è un'artista di talento, i suoi quadri sembrano delle vere e proprie fotografie. La sua particolarità è sicuramente il fatto che sia daltonica. Sì, avete capito bene. Un'artista del suo calibro ha una visione distorta dei colori, ma è proprio questo che la rende unica. Ha da sempre un rapporto molto particolare con la madre, Livia. Durante un pranzo fra le due, quest'ultima cede alla figlia i suoi diari, scritti da quando aveva 17 anni. Il tutto per riuscire a confidare alla figlia, segreti che a voce non riesce a dirle. 

"Cosa posso dirgli? Che quei libri, in realtà, sono dei diari che pesano come un macigno e sono pieni di verità nascoste? Che probabilmente all'interno ci sono delle cose che mi toglieranno il sonno per il resto della vita?"

Ed è proprio tra le pagine di quei diari che conosciamo meglio la nostra Livia. La sua vita, le sue avventure, i suoi amori, i suoi segreti. Livia infatti durante la sua adolescenza ha avuto un amore particolare, malato, tossico. Un amore che non doveva proprio esserci. Qualcosa di proibito. Quelle parole nascoste in quei diari pesano come un macigno per Anita. Con lo scorrere delle pagine viene a conoscenza di un segreto inconfessabile. La persona che ha da sempre considerato suo padre in realtà non lo è affatto, anzi è la figlia illegittima di un altro uomo. E per Anita sarà sconvolgente scoprire chi è questo uomo. Mai si sarebbe aspettata di leggere quelle parole.

"Noi siamo come schegge di vetro piantate in profondità nella pelle, Livia. Più cerchi di strappartele di dosso e più loro penetrano nella carne lasciando delle ferite inguaribili..."

Fortunatamente Anita non affronta tutto questo da sola, ma ha al suo fianco Nicola, da sempre il suo migliore amico. Di cui però ne è follemente innamorata. Un amore travagliato anche il suo. Fatto di parole non dette, di sentimenti taciuti, di tempo passato inesorabile senza che nessuno dei due ascoltasse realmente cosa aveva loro da dire il cuore. 

"Anche dopo un dolore, un lutto, la perdita di se stessi e delle certezze della vita, si rinasce sempre; più forti, più deboli, non importa, l'importante è vivere"

Cosa diranno quei diari? Quale sarà il segreto inconfessabile di Livia? Anita riuscirà a vivere il suo amore? Ma soprattutto riuscirà a perdonare la madre per quei segreti a lungo taciuti? 

Non mi resta che lasciare a voi il piacere di leggere questo romanzo e augurarvi Buona Lettura!

CONSIDERAZIONI
Ho scelto di leggere questo libro dalla copertina. Sì lo so che normalmente non lo faccio, soprattutto dato che la copertina di questo romanzo già prospettava un libro molto intenso. Non avevo mai letto nulla di questa autrice, pertanto non sapevo veramente cosa aspettarmi. Devo ammettere che questo romanzo mi ha stupito, mi ha stravolto e coinvolto in egual misura. L'ho amato in tutto e per tutto, dalla prima all'ultima pagina. I colpi di scena poi sono stati la cosa che ho amato di più, soprattutto nel finale (non vi dico altro perché potrei fare spoiler). L'intreccio tra la vita di Anita e quella di Livia tramite i diari mi ha permesso di scoprire un poco di ognuna di loro un pezzetto alla volta. Davvero un romanzo coinvolgente e da leggere tutto d'un fiato. 
Dal punto di vista tecnico il libro è scritto in terza persona, tranne in alcuni punti in cui l'autrice dà voce ai pensieri delle protagoniste. Lo stile di scrittura è molto scorrevole, piacevole alla lettura, mai monotono o ripetitivo. Le descrizioni sia degli ambientazioni che dei personaggi è molto esaustivo e mai banale. 
Un libro che mi rimarrà sempre nel cuore. Ve lo consiglio assolutamente!
Alla prossima librosi!!!


Commenti

Post popolari in questo blog

RECENSIONE - "Io sono mio fratello" di Giorgio Panariello

RECENSIONE - "A un millimetro di cuore" di Massimo Bisotti

RECENSIONE IN ANTEPRIMA - "Io non ti lascio solo" di Gianluca Antoni