RECENSIONE "White love" di Alice Winchester e Fanny D. Ross

Titolo: White love
Autore: Alice Winchester e Fanny D. Ross
Editore: Self publishing
Genere: Romanzo New Adult
Prezzo ebook: 2,99€
Prezzo cartaceo: 10,40€
Data pubblicazione: 1 Dicembre 2020
Pagine: 279 pagine
Serie: Autoconclusivo
ORDER


E se il primo vero amore ti trascinasse all'inferno?Kara Martin si è appena trasferita in America dall'Australia dove ha lasciato un pezzo di se stessa: i ricordi dell'adorata madre, le amiche, le giornate tranquille. Ha seguito suo padre, incoraggiata dalla promessa di una nuova vita. E ci sta provando davvero. Tutto il suo mondo, però, viene sovvertito e lei si sente troppo debole e sola per resistere quando gli occhi magnetici e bramosi del bullo della scuola, Atlas White, si posano su di lei. Lui è desiderio, trasgressione, pericolo allo stato puro e amore, ma un amore malato che la trascinerà in un baratro bianco.


Ciao a tutte ragazze, vi scrivo e vi racconto un po' l'impressione che ho avuto sul libro “White love” delle autrici Alice Winchester  e Fanny D. Ross.
Il libro è scritto benissimo, è infatti molto fluido e lineare, non si fa per niente fatica a leggerlo. Come avete constatato nella trama, la storia di questi due ragazzi è un vero e proprio viaggio all'inferno. Entrambi vittime di una serie di situazioni familiari molto devastanti, si ritrovano a sfogare le loro frustrazioni e la loro rabbia, compiendo bravate tipiche degli adolescenti senza rendersi conto che in un modo o nell'altro, dovranno fare i conti con le conseguenze di queste azioni.

“Non mi sono mai sentita attratta dai ragazzi pericolosi, quelli con una reputazione da dimenticare, ma Atlas White ha qualcosa in quel suo sorriso famelico, quello sguardo beffardo, quella voce sicura.”

Kara e Atlas entrano in un vortice di eventi tragici che segnano per lui, una svolta definitiva ma decisamente una rinascita e per lei non saranno altro che l'inizio della sua auto-distruzione. 

Kara è un personaggio apparentemente forte, una ragazza che con la sua forza di volontà, raccoglie i cocci di una vita ormai in frantumi e cerca di ripartire verso una vita nuova, tranquilla e soprattutto lontana dai guai. Ma è proprio l'incontro con il bellissimo Atlas che cambierà i suoi piani. Lui la spingerà oltre i suoi limiti, la trascinerà nei vicoli bui della sua vita e la cambierà completamente tanto da farle dimenticare la vecchia Kara, la brava figlia, timida e chiusa che un tempo viveva in Australia.

“Mi guarda, Mi vede. Le tremano le labbra, le trema il mento. Rivoli di lacrime tracimano dai suoi occhi bagnandole le guance, rigando lo strato di fondotinta e fard. Graffiandolo via, riportando alla luce il vero colore della sua pelle. Ecco cosa farò io, graffierò via lo sporco che ti sta mangiando dentro, ti riporterò indietro.”

So che resterete a bocca aperta nel leggere come la sofferenza, la debolezza e la rabbia possano trasformare una persona radicalmente, ma il bello di questo libro è proprio questo. Ti sconvolge! Personalmente penso che sia uno scritto abbastanza impegnativo dal punto di vista tematico. Penso che non sia un libro alla portata di tutti e  io non lo consiglierei a delle giovani lettrici che pensano di trovare una classica storia tutta rose, fiori e qualche spina. Qui ci ritroviamo davanti a una storia molto forte e decisamente diversa da quelle che ci si aspetta nei soliti romanzi. Qui troverete la tragedia, la sofferenza e il dolore profondo. Troverete un amore struggente, un amore distruttivo, un amore che sicuramente va oltre il “nonostante tutto”. E proprio per questo care lettrici, sarà speciale. Ah dimenticavo! A un tratto sono sicura che odierete quanto me un personaggio secondario: il padre di Kara. Un padre assente, distratto e che nel corso del racconto commetterà tanti errori nei confronti della figlia, ma tranquille ragazze, saprà farsi perdonare! E ora mie care amiche, armatevi di fazzoletti e preparatevi a leggere “White Love”

Un abbraccio Terry  



Commenti

Post popolari in questo blog

RECENSIONE - "Io sono mio fratello" di Giorgio Panariello

RECENSIONE - "A un millimetro di cuore" di Massimo Bisotti

RECENSIONE IN ANTEPRIMA - "Io non ti lascio solo" di Gianluca Antoni