RECENSIONE "Drive me Crazy" Lara Coraglia

Titolo: Drive me crazy
Autore: Lara Coraglia
Editore: Self
Prezzo ebook: 0.99 + KU
Genere: sport romance/ contemporary romance
ORDER





Crystal, una donna fuori dagli schemi, una donna che vuole solo salire sulla sua auto e sfrecciare sull'asfalto fino alla linea del traguardo perché è una grande pilota. Thomas, un avvocato testardo e determinato, che odia le auto e tutto ciò che ruota attorno ad esse, è figlio di un magnate del petrolio e ha sempre avuto tutto dalla vita. Si incontrano per caso e il destino inizia subito a giocare con le loro vite. I loro mondi sono davvero troppo diversi o esiste una linea che può unirli e fargli superare quelle cicatrici che il passato ha scavato in loro e non si è mai preoccupato di rimarginare? Se è vero che il destino non esiste, allora perché loro si sono incontrati e continuano a sbattersi contro come due calamite impazzite? Un romanzo che vi catapulterà nel mondo delle corse automobilistiche, che vi farà ridere e anche arrabbiare. Crystal riuscirà a farvi innamorare della sua passione e vi darà quella spinta per credere nelle proprie capacità e nei propri sogni che ogni tanto perdiamo di vista e, insieme a Thomas, riuscirà a portarvi nelle loro vite così diverse ma anche così dannatamente simili...

Buongiorno Librose,
Oggi vi parlo del "Drive me crazy" di Lara Coraglia, un sport- romance uscito a dicembre 2020. Per me è il primo libro che leggo dell'autrice e devo dire anche il primo con le macchina da corsa.  Non amo particolarmente gli sport romance forse perché non amo lo sport, ma mi incuriosiva molto la trama.


Lei sogna di diventare pilota con la Nascar. Lui è l'avvocato della compagnia per cui lavora lei. Lui non ama guidare. A lei brillano gli occhi quando freccia a 200 km/h. Lui è il figlio del capo e lei non vuole distrazioni, soprattutto  quando è così vicina dal raggiungere il suo obiettivo. Scopriranno di avere un passato molto simile che potrebbe legarli ancor di più ma devono decidere se vale la pena rischiare di vedere sfumare i propri sogni. 


«Perché non ti sei più fatto sentire?» Lui si blocca e fa un passo indietro per arrivare di nuovo al mio fianco, compiaciuto e soddisfatto per aver ricevuto l’attenzione richiesta. «Sono stato impegnato, scusa.» «Sai, dovresti imparare a mentire meglio, avvocato» ribatto facendogli strabuzzare gli occhi per lo stupore. Colpito e affondato! «Come scusa?» «Hai capito benissimo, stai mentendo e mi sta bene tranquillo. Anch’io ho la mia vita e non ho intenzione di condividerla con nessuno, tanto meno con te.»

Considerazioni
La protagonista femminile Crystal, mi piace. Mi piace il suo temperamento, la sua tenacia, la sua determinazione. 
Riuscire a emergere in un settore dove regna il maschilismo non è facile e Crys non si arrende. E io ho ho apprezzato molto questa cosa. Anche il fatto di avere successo solo per le sue qualità, non dipese dalla posizione sociale. 
Però, a mio avviso, il comportamento dei protagonisti non rispecchiava molto l'età. Si comportavano da ragazzini. 
Tema interessante, una storia scorrevole che rapisce e con doppio POV che completa la visione della storia. In contrapposizione al suo carattere e all'indipendenza che dimostra, l'influenza del padre anche nell'ambito sentimentale mi è sembrato un po' troppo. Alcuni personaggi secondari li ho particolarmente apprezzati come il fratello di lei. L'affetto e il sostegno che la famiglia di lei le offre è davvero bello e commovente. Nel complesso ho apprezzato e letto con piacere, però ci sono alcuni aspetti, come sopra citati, che secondo me andrebbero riguardati per dare il potenziale che merita. 
Consiglio a chi ama le storie romantiche con protagoniste forti e a chi crede nell'amore.

Alla prossima,
XoXo
Jenny K.


Commenti

Post popolari in questo blog

RECENSIONE - "Io sono mio fratello" di Giorgio Panariello

RECENSIONE IN ANTEPRIMA - "Le parole che ho trovato per te" di Alessio Tavino

RECENSIONE IN ANTEPRIMA - "Io non ti lascio solo" di Gianluca Antoni