REVIEW PARTY - RECENSIONE - " Un amore in alto mare" di Alessandra Cigalino


Titolo: Un amore in alto mare
Autore: Alessandra Cigalino
Editore: More stories
Genere: Spy romance
Prezzo e-book: € 2,99
Prezzo Cartaceo: -
Data di pubblicazione: 28/06/2021
Pagine: 155
Serie: S.P.Y. #4



La chiamano Caroline, ma quello non è il suo vero nome.
Abituata a vivere da infiltrata, cambiando nome e aspetto ogni volta, “Caroline” è un’agente dell’F.B.I. impiegata in missioni ad alto rischio. Ma quella che la impegna da ormai due mesi, su quella nave da crociera, ha codice rosso.…
Matt ha tutto da dimostrare. Il giovane agente della S.P.Y. è alla sua prima missione da infiltrato, e tutto quello che dovrebbe fare è rimanere concentrato. Ma mantenere i nervi saldi
è quasi una missione impossibile quando, di fronte si trova colei che è già riuscita in passato a scatenare uno tsunami nel suo cuore...
Impegnati su due diversi fronti per un obiettivo comune, Caroline e Matt dovranno riuscire non solo a sgominare una delle più potenti organizzazioni criminali della Costa Est, ma anche, e soprattutto, perdonarsi e togliersi finalmente quelle maschere che fanno da corazza al loro cuore.

QUARTO VOLUME DELLA SERIE S.P.Y.


Alessandra Cigalino è nata a Pavia nel 1978 e vive in un piccolo paese di provincia, immerso nelle campagne lombarde. Grazie alla passione ereditata dalla madre, da sempre adora leggere, ma con la scrittura riesce a rifugiarsi ancor meglio nel suo mondo, e dar sfogo alle forti emozioni segregate in lei da tempo. Dopo la pubblicazione del suo romanzo d'esordio di genere paranormal nel 2014, ha partecipato a vari contest letterari e scritto racconti brevi che sono stati inseriti in diverse antologie a scopo benefico. È autrice di “Gli occhi del tuo cuore”, primo romanzo della serie S.P.Y.


Ben ritrovate chiacchierine, eccomi qua a parlarvi del quarto capitolo della serie S.P.Y. di Alessandra Cigalino, “Un amore in alto mare”, edito da More Stories, che come gli altri è autoconclusivo e leggibile anche singolarmente. 
In questa nuova avventura il protagonista è Matt. Il nostro agente viene inviato in una missione molto delicata, in uno scenario affasciante che però nasconde parecchie insidie, una nave da crociera. Insieme al suo collega Peter dovrà collaborare con due infiltrati dell’FBI.
Quando però Matt incontra Caroline, l’agente dell’FBI sotto copertura, le cose si complicano subito in quanto i due si erano già incontrati in passato, e i sentimenti e le incomprensioni tra loro rischiano di compromettere la buona riuscita della missione.


“Il cuore doveva restare privo di emozioni e soprattutto non doveva sopraffare la ragione, altrimenti le certezze sarebbero crollate senza preavviso”


Caroline, è abituata a indossare una maschera, e considera questo come parte della finzione, l’unico modo per poter sopravvivere. Tanto più quando si è infiltrati in missione, dove bisogna essere freddi e razionali. Eppure la vicinanza di Matt la fa vacillare.
Entrambi cercano di mantenere le distanze, ma ogni volta che i loro occhi si incontrano le barriere costruite si rompono lasciando trapelare i loro veri sentimenti.
Oltre a dover tenere a bada le proprie emozioni i nostri protagonisti, dovranno cercare di catturare Connor Brooke, nuovo boss della mafia, che si è invaghito di Caroline, la quale deve approfittarne per portare a termine la missione.


“L’amore non è sofferenza. L’amore è e deve essere soltanto gioia continua: gioia del corpo, gioia dell’anima, gioia del cuore”


Riusciranno Caroline e Matt ad abbattere le barriere dell’apparenza e del pregiudizio, lasciando spazio ai loro sentimenti più veri?

Considerazioni
In questo capitolo della serie, entrambi i protagonisti sono disillusi nei confronti dei sentimenti, soprattutto per quanto riguarda l’amore. Nella prima parte della storia è più incentrata sull’azione e il tormento interiore dei due protagonisti, mentre la seconda ha dato più spazio ai protagonisti e alla loro storia, rendendo il romanzo più coinvolgente.
Come già negli altri volumi, l’autrice dà poco spazio all’evoluzione della storia d’amore tra i due protagonisti, dando maggior risalto alla missione.
Come sempre lo stile è semplice ma d’impatto, con un ritmo sostenuto, che tiene alta la suspense. La narrazione è sempre in terza persona, dal punto di vista di entrambi i protagonisti, e questo rende la lettura un po’ meno coinvolgente.
Consigliata a chi ama le storie piene di azione e suspense, con un pizzico di romanticismo.
Buona lettura.



Commenti

Posta un commento

Post popolari in questo blog

RECENSIONE - "Io sono mio fratello" di Giorgio Panariello

RECENSIONE IN ANTEPRIMA - "Le parole che ho trovato per te" di Alessio Tavino

RECENSIONE IN ANTEPRIMA - "Io non ti lascio solo" di Gianluca Antoni