RECENSIONE "Non baciare la sposa" di Carian Cole

Titolo: Non baciare la sposa
Autore: Carian Cole
Editore: Newton compton
Prezzo ebook: 2.99 €
Genere: NA romance

ORDER


Un solo bacio ha segnato il loro destino. Un solo bacio ha cambiato le loro vite. 

Jude “Lucky” Lucketti non era solo un operaio sexy e silenzioso. Era il mio eroe personale: sembrava essere sempre nel posto giusto al momento giusto. Come quando mi si è rotta la macchina e ho avuto bisogno di un passaggio, o quando sono caduta a faccia in giù sul marciapiede proprio di fronte a lui e ha dovuto portarmi al pronto soccorso. Siamo diventati amici e non importava che avesse sedici anni più di me. Avevamo molto in comune, come l’amore per il rock e le auto d’epoca, e un’avversione per le storie lunghe. Quando mi ha spiegato la sua folle idea per aiutarmi, non ho potuto dire di no. Doveva essere un matrimonio sulla carta e nient’altro. Doveva essere facile, ma non lo è stato. Perché eccomi qui, diciottenne, ancora al liceo, e sposata con un uomo di cui non avrei mai dovuto innamorarmi. C’era una sola regola: non baciare la sposa. Ma abbiamo infranto quella regola e il nostro destino è stato segnato per sempre.
Buongiorno Librosi,
Rieccomi con questo romance che mi ha sorpreso. Oggi vi parlerò di "Non baciare la sposa" di Carian Cole, edito Newton. Primo libro che leggo di questa autrice.
La cover e il titolo mi incuriosivano e così quando la CE fece la promo tutto a 0.99 €, non potevo non prenderlo. 

Lo stile della cover può trarre in inganno il lettore, facendolo passare per un chick lit, e invece no. Si tratta un romance age gap, sentimentale e profondo. 

Jude, il look da bad boy, alla soglia dei 30 anni ha una azienda edile. 
Skylar si mostra una ragazza tosta dallo look vintage ma è tutta una corazza per nascondere la situazione precaria in cui si trova. Lui lavora accanto alla scuola di lei e così iniziano a vedersi e a legare. Lui è sempre lì quando ne ha bisogno come un angelo custode. Iniziano a conoscersi e lei gli racconta della situazione in cui si trova. Dopo un episodio delicato e allarmante lui decide di aiutarla e le propone di sposarsi, ma solo sula carta e a tempo determinato finché lei non riassesta la sua vita. 


«Anche tu mi piaci. Più di un’amica. Più di quanto dovresti e più di quanto io voglia, cazzo. Ti trovo carina e sexy e mi fai ridere. Mi rendi felice. Amo i tuoi vestiti bizzarri e il tuo gatto dal nome assurdo. Vorrei solo che tu non avessi diciotto anni».

Considerazioni

Lettura scorrevole e a doppio POV. Non avevo mai letto qualcosa sul tema dei disturbi alimentari e sapete che sono sempre contenta di scoprire nuovi temi. L'autrice riesce a farci sentire il disagio che la protagonista vive in famiglia, l'unica cosa è che verso la fine non è stato approfondito. 
Il comportamento di Jude, da bravo ragazzo, che mette in primo piano i bisogni dei cari mi è piaciuto. Il dilemma che lui sente per questa differenza d'età si percepisce. In complesso è una buona storia, tranne qualche piccola imprecisione o mancanza di approfondimenti. 
Lo consiglio a chi ama provare  nuove esperienze e chi crede nell'amore.  

Alla prossima,
XoXo
Jenny K.


Commenti

Post popolari in questo blog

RECENSIONE - "Io sono mio fratello" di Giorgio Panariello

RECENSIONE IN ANTEPRIMA - "Le parole che ho trovato per te" di Alessio Tavino

RECENSIONE IN ANTEPRIMA - "Io non ti lascio solo" di Gianluca Antoni