RECENSIONE IN ANTEPRIMA- "Crudele da morire" di J.T. Geissinger

Titolo: Crudele da morire
Autrice: J.T. Geissinger
Editore: Newton Compton editori
Genere: romanzo contemporaneo
Prezzo ebook: € 5,99
Prezzo cartaceo: € 9,40
Data pubblicazione: 23 settembre 2022
Pagine: 385
Serie: autoconclusivo
Credeva di sapere tutto sull’amore. Poi è arrivato Liam Black.
Truvy è una ragazza che lavora sodo. Dividersi tra gli studi in legge e il lavoro in una tavola calda non è semplice, ma ha imparato a sue spese che nella vita è meglio poter contare solo sulle proprie forze per ottenere qualcosa. E così si fa in quattro per pagare le bollette e mantenere voti decenti mentre osserva, da dietro il bancone, il viavai di clienti. Sono tanti e sempre diversi, e difficilmente Truvy ricorda qualcuno dei loro volti. Tranne uno. Un uomo misterioso, in abiti costosi, da qualche tempo frequenta assiduamente il locale. E non fa che fissarla. Truvy capisce al volo che quello è il genere di uomo che porta solo guai, ma non può fare a meno di esserne affascinata. Qualcosa, in lui, la attrae come una fiamma attira la falena… Una sera, sul finire del turno di lavoro, Truvy viene aggredita. Terrorizzata, tenta di reagire e affronta i delinquenti, finché in suo soccorso appare dal nulla il cliente misterioso. Bastano pochi istanti tra le sue braccia per sentirsi al sicuro. Come è possibile che un perfetto sconosciuto riesca a risvegliare in lei emozioni tanto forti? Una cosa è certa: Liam Black – questo il nome del suo salvatore – non è un uomo come tutti gli altri.
Buongiorno Librosi,
Ho avuto il piacere di leggere in anteprima: "Crudele da morire" di J.T. Geissinger, edito da Newton Compton editori che ringrazio per la copia ARC.

Non è facile classificare questo romanzo perché ha diversi elementi più o meno accennati che vanno dal dark soft alla criminalità, ma non prioritari da poterli usare come categoria. Trovo che il genere contemporaneo lo contenga al meglio piuttosto che relegarlo in un sottogenere e distogliere l'attenzione dalla storia.

Liam e Truvy sono stati due degni avversari che si sono studiati da lontano e non si spingono, almeno per la prima metà del libro, oltre a qualche frase di circostanza. In questo frangente ho respirato l'aspettativa di Truvy, il suo non sapere e la magia del tessere possibili spiegazioni al magnetismo animale che emana l'uomo misterioso che l'attira così tanto.

"Eccolo, in piedi dall’altra parte del bancone, moro e fiero e stupendo, mentre mi guarda come se non esistesse nient’altro, lì, nella tavola calda. O in città. O nel mondo."

Liam, dal canto suo, emana sicurezza e freddezza, attira e respinge allo stesso momento. Impeccabile nell'abbigliamento, ma con una tempesta negli occhi.
Chi è quest'uomo? Cosa vuole è più che palese, ma perché non si espone facendo il passo necessario?
Tutto capitola quando Truvy rischia la vita. La loro storia prende piede in un crescendo che fa sognare e al contempo accende la spia del pericolo.

"Non ho paura di te. Ho paura per te, per tutto quello che voglio da te e che penso che mi daresti."

Considerazioni

Sono stata attirata subito dal connubio di cover, trama e curiosità. Devo dire che sono entrata nella storia immediatamente. L'autrice ha dato vita a qualcosa di estremamente piacevole ed elettrizzante. La lettura mi ha stimolato varie emozioni e acceso l'interesse verso la scoperta dei due protagonisti, che si raccontano in prima persona anche se il pov principale è quello di Truvy.
La caratterizzazione risulta completa, la trama è studiata nei dettagli nel creare aspettativa e svelare i segreti. Il passato viene rievocato in modo chiaro e suggestivo, punto essenziale per comprendere chi sono e il perché delle loro decisioni.

«Dimmi di andarmene», sussurra, con una voce gutturale ma impellente. «Dimmi che è finita. Dimmi che non vuoi vedermi mai più».

Descrizioni dettagliate senza arrivare a essere pensati anche quando si tratta delle scene di sesso che risultano rudi, ma non volgari.
Faccio i complimenti all'autrice perché poteva essere una trama scontata e invece l'ha resa particolare.
La traduzione ha senz'altro avuto il suo peso nel rendere al meglio il testo e dare così uno sprint alla lettura. Mi auguro di poter leggere altro di J.T. Geissinger.

Se vi piacciono le storie con atmosfere misteriose e tutte da scoprire, questo libro fa al caso vostro.

Buona lettura!
Monica S. 




Commenti

Post popolari in questo blog

RECENSIONE IN ANTEPRIMA - "Io al posto tuo" di Valentina Torchia

RECENSIONE - "Un tè con Mrs. Brown" di Simona Fruzzetti

RECENSIONE IN ANTEPRIMA - "Crash bang wallop" di Laura Rocca