RECENSIONE - "Munro. Il guerriero immortale" di Kresley Cole

Titolo: Munro. Il guerriero immortale
Autore: Kresley Cole
Editore: Leggereditore
Genere: Paranormal romance
Prezzo ebook: 8,90 €
Prezzo cartaceo: 16,00 €
Data pubblicazione:  2 settembre 2022
Serie: Gli immortali  
#0.5 Dark Forever  
#1  Dark Love    #2  Dark Pleasure   #3  Dark Passion   #4  Dark Night   #5  Dark Desire  
#6  Dark Dream    #7  Dark Whisper    #8  Dark Prince     #9  Dark Demon    #10 Dark Warrior   #11 Lothaire   #12 Il richiamo dell'ombra   #13 MacRieve   #14 Dark Skye   #15 Dark Heart   #16 La seduzione dell'ombra   #17 Stregata   #18 Munro. Il guerriero immortale

Reduce dalle torture per mano dei suoi rapitori stregoni, Munro MacRieve non si sarebbe mai aspettato di trovare la sua compagna, o di perderla altrettanto rapidamente. Portato alla disperazione, lo spietato guerriero lykae usa i poteri dei suoi nemici per ricongiungersi con lei in un lontano passato. Ed è in questo modo che il lupo mannaro irrompe durante il matrimonio di Kereny “Ren” Codrina, scoprendo che la sua compagna predestinata è un’astuta cacciatrice di mostri ed è mortale. Mentre il pericolo aumenta, Munro sconvolgerà il futuro di Ren e farà di tutto per renderla immortale, persino vendere la sua anima a una strega malvagia. Ma prima dovrà convincere la sua testarda e focosa compagna che lei gli appartiene. Se la seduzione può assicurarle la sopravvivenza, Munro userà tutte le armi del suo arsenale per possederla, per sempre.

Il nuovo romanzo stand-alone dell’elettrizzante serie Gli Immortali, dell’autrice di bestseller per il New York Times, Kresley Cole.
Buongiorno a tutti, oggi vi parlo di Munro. Il guerriero immortale, di Kresley Cole, edito da Leggereditore che ringrazio per la copia cartacea.
Si tratta del diciottesimo volume della serie Gli immortali approdata in Italia nel 2011 e che seguo da allora. I libri sono tutti autoconclusivi, ma una volta entrati nel Lore è difficile smettere di seguire le vicende dei suoi abitanti. Potete trovare altre recensioni QUI

Immaginatevi un mondo parallelo al nostro, dove le varie fazioni (maghi, valchirie, licantropi, vampiri, fate, ecc.) vivono allegramente le loro esistenze ingaggiando lotte tra loro, consumando avventure di ogni tipo e facendo avanti e indietro per i portali magici. Gli esponenti dei vari Clan sono magnifici nelle loro caratteristiche umane e devastanti nella trasmutazione, a parte alcuni casi.

In questo caso i protagonisti sono Munro MacRieve e Kereny “Ren” Codrina.

‘Quando trovi la tua compagna, ti sembra di essere toccato dalle mani degli dèi, è come se la tua anima venisse marchiata a fuoco.’

Munro è un lykae, un licantropo che possiede in sé la Bestia, il lupo, puro istinto selvaggio e forza bruta che si sprigiona per decisione razionale o per influenza della luna.  Nella forma umana è perfetto nei suoi quasi due metri di altezza, con muscoli ben sviluppati, modi garbati e un fascino che gli è valso il soprannome di strafigo. Nella forma di lykae è devastante, un assassino freddo e determinato. 
In questo caso il protagonista ha una forza di volontà ferrea che gli permette di controllare la sua Bestia in maniera ossessiva. Questo fino a che la sua ossessione non viene catturata dalla sua sposa predestinata che ha aspettato per 900 anni. 

«Forse sei un sogno.» 
La sua voce era rauca e profonda e aveva un forte accento scozzese. 
«Un sognodolcissimo.» 
Le parlò come se intorno non esistesse nessun altro. 
«Sei la cosa più bella che io abbia mai visto.»

Kereny “Ren” Codrina è una cacciatrice di mostri, abituata al comando, ai sacrifici ed è un'abile stratega. Un umana che riesce a tenere testa e  a contrapporsi alle forze smisurate degli immortali. Ren è determinata e legata a un giuramento che la rende ancor più temibile perché non ha più nulla da perdere. Ha fatto della sua missione la sua ragione di vita e trovarsi legata a Munro, è quanto di peggio potesse capitarle.

Ren odiava gli immortali. Non vagavano nella notte, loro erano la notte. Come una grande, famelica oscurità chepoteva essere placata, ma che tornava sempre. Infatti il circo aveva chiamato la lotta contro di loro la ‘Guerra della Notte’.

Ma il destino è beffardo e chissà che non si possa trovare un punto di incontro tra le ragioni dell'uno e quelle dell'altra. Naturalmente nel Lore non può filare tutto liscio e la loro storia presenta pericoli continui che li metterà a dura prova.

Considerazioni

Rispetto ad altri volumi questo è meno rocambolesco, ma non meno interessante. La lotta razionale che i protagonisti ingaggiano tra loro, e con loro stessi, rende la storia molto introspettiva. Si potrebbe  pensare che tutto si svolga solo intorno alla love storie, ma così non è perché c'è una minaccia, in realtà più di una, che incombe su Ren e Munro rendendo il loro percorso irto di ostacoli di cui uno insormontabile: la morte, la fine di tutto.

"Aveva combattuto i mostri per anni, ma non aveva mai avuto una percezione tale della forza del nemico. L’aria tra i due si fece elettrica. Anche se sotto tutto quel sangue non riusciva a distinguere i suoi lineamenti, trovava
che il suo potere, e tutto il suo essere, fossero irresistibili. Dei brividi le corsero lungo la schiena..."

L'autrice si diverte a dilungarsi nelle descrizioni e non importa che siano riferite a una battaglia, al sesso, ai sentimenti o ai luoghi. L'immersione nella scena è totale, ma capita che a volte ci si areni un po' nella lettura. La narrazione è in terza persona, però tramite le parti introspettive si riesce ad aver un pov diretto dei protagonisti.

"Voleva mandare un messaggio: Sappiamo che esistete, e saremo noi a nasconderci sotto i vostri letti d’ora in poi.
Forse ci avrebbero pensato due volte prima di prendere di mira gli umani."

I protagonisti e i personaggi secondari sono sempre ben sviluppati al punto che è possibile immaginarne la mimica facciale e i gesti che compiono. La lettura è stata piacevole condita in egual misura da ironia e battute, pathos e adrenalina. Nulla è da dare per scontato con quest'autrice che una volta giunta all'epilogo ha ancora qualche asso nascosto nella manica.
Traduzione e correzione hanno reso la lettura fluida, non posso che esserne contenta.
A me non resta che aspettare il prossimo volume e consigliarne la lettura a chi piace il genere paranormale e le storie d'amore.

Buona lettura!
Monica S.




Commenti

Post popolari in questo blog

RECENSIONE IN ANTEPRIMA - "Io al posto tuo" di Valentina Torchia

RECENSIONE - "Un tè con Mrs. Brown" di Simona Fruzzetti

RECENSIONE IN ANTEPRIMA - "Crash bang wallop" di Laura Rocca