RECENSIONE "Art mages of lure - L’artista di maledizioni" di Jordan Rivet

Titolo: Art mages of lure - L’artista di maledizioni
Autrice: Jordan Rivet 
Editore: Dark Abyss Edizioni
Genere: Fantasy Young Adult 
Collana: Catherine Monvosin 
Pagine: 436
Prezzo cartaceo: 17,00 €
Data Uscita: 15 Dicembre 2022
Serie: autoconclusivo
Briar può maledire con un colpo di pennello. I suoi dipinti mutilano, stregano e distruggono: questo è da sempre il suo lavoro e l’attività di famiglia.
Ma Briar non vuole più nuocere ed è decisa a iniziare una nuova vita vendendo maledizioni non letali e piccole vendette. Tuttavia i suoi poteri distruttivi non passano inosservati e Archer, criminale che trasuda carisma, la ingaggia per una missione di salvataggio. Briar vi vede l’occasione per fare ammenda dei propri crimini, ma la sua famiglia sarà d’accordo? La protagonista dovrà affrontare le arti oscure che si è lasciata alle spalle e decidere cosa è disposta a distruggere per un futuro diverso.
Jordan Rivet arriva in Italia con la rivisitazione di “Robin Hood”. Pronti a scoprire la leggenda nascosta nella foresta?

Salve lettori, oggi voglio parlarvi di una nuova lettura che mi è molto piaciuta. Un fantasy in stile "Robin Hood", con l'aggiunta di una figura di cui non avevo ancora letto "l'artista di maledizioni". Questo è l'unico lavoro che Briar sia capace di fare. Un lavoro tramandato da generazioni di famiglia. Con una sola pennellata, Briar è capace di sortire sortilegi, maledizioni gravi e non, ma allo stesso tempo cerca di cambiare vita, non vuole più che le sue opere siano letali ma spera di guadagnare con piccoli malefici che non rechino troppo danni a cose o persone. 

"Aveva studiato maledizioni fin da quando era stata in grado di reggere un pennello tra le mani. La magia era come una seconda pelle, per lei, ed era stato difficile imparare a dipingere qualcosa senza nessuna proprietà incantata che le permettesse di nascondere le proprie tracce."

Acquista un piccolo rudere che per lei è il suo piccolo loft, la sua piccola dimora che sa di vernice e legno e che rappresenta per lei il suo tutto. Ma la sua serenità in incognito viene ben presto scoperta, a causa di un incantesimo andato male, viene inseguita dallo sceriffo e i suoi scagnozzi e costretta a scappare nei boschi, con l'aiuto di Archer, un astuto e giovane ladro che ha assistito all'incantesimo e che vuole l'aiuto di Briar per i suoi piani.
"Quella missione le avrebbe dato la possibilità di aiutare qualcuno e guadagnare abbastanza per ricominciare da capo una volta per tutte. Briar avrebbe tenuto fede alla parola data, avrebbe portato a termine quel lavoro, e poi si sarebbe lasciata alle spalle quelle persone e le loro minacce, per sempre."


La band del bosco, di cui Archer, fa parte la accoglie con benevolenza e anche qualche minaccia, ma ben presto si rende conto che sono tutti molto più simili a una famiglia. Ci sono l'uno per l'altro, ognuno con il suo ruolo preciso ma sempre facendosi da spalla. La loro compagnia diventerà presto per Briar qualcosa di importante, dopo aver passato tanto tempo da sola a nascondersi e a scappare da tutti.

Una storia davvero emozionante, ricca di colpi di scena, amicizia e seconde possibilità. La scrittura è scorrevole e incalzante, si legge molto bene e anche in breve tempo, complice anche la curiosità che spinge a non staccarsi mai dalle pagine. Tutti i personaggi sono ben rappresentati e ognuno di loro ha una storia dietro di sé che ci aiuta a capirne ogni minimo gesto e ruolo nella vita. A volte anche i cattivi hanno un passato o una storia che li rendono meno tali. Ho adorato questo libro e credo che questo autore diventerà ben presto uno dei miei preferiti. Spero di poter leggere molto presto altro di questa serie, nonostante questo libro sia autoconclusivo sono certa ci sarà altro. Complimenti alla Dark Abyss Edizioni per questa scelta e per aver portato quest'autore da noi.

Un Retelling della storia di "Robin Hood" con l'aggiunta di un'artista di maledizioni, creano il connubio perfetto per un fantasy avvincente. Non lasciatevelo scappare!!!
Lo consiglio a tutti coloro che amano il genere ma soprattutto a chi non si è mai approcciato a queste letture e ha voglia e la curiosità di iniziare.

Buona lettura.


Commenti

Post popolari in questo blog

RECENSIONE IN ANTEPRIMA - "Io al posto tuo" di Valentina Torchia

RECENSIONE - "Un tè con Mrs. Brown" di Simona Fruzzetti

RECENSIONE IN ANTEPRIMA - "Shitsuki" di Mary Durante, Zel Carboni, Manuela Soriani e Gabriele Zibordi