RECENSIONE " A Veil of gods and king" di Nicole Bailey

Titolo: A veil of Gods and Kings
Autore: Nicole Bailey
Editore: Triskell Edizioni
Genere: retelling greek myth
Serie: Apollo Ascending  #1
Prezzo ebook: 4,99 €

Apollo è una divinità... quasi. È ancora per metà mortale e rifiuta la sua posizione di Dio del sole, così passa le sue notti ad annegare i brutti pensieri e le sue giornate ad evitare le responsabilità. Finché suo padre non gli dà un ultimatum: deve ascendere immediatamente o dovrà trascorrere l'anno seguente come mentore dell'odioso principe Giacinto. Il quasi Dio del sole sceglie il principe. Ora, costretti a stare insieme, Apollo e Giacinto devono fare i conti con il disprezzo reciproco. Ma ciò che inizia come una vampata di irritazione ben presto si trasforma in qualcosa di nuovo. Una scintilla che, se diventasse fiamma, potrebbe ridurre in cenere tutto ciò che hanno sempre cercato di proteggere.
Buon pomeriggio Librosi, 

Oggi vi parlo del retelling su Apollo, "A veil of Gods and Kings" di Nicole Bailey, edito Triskell Edizioni. Ringrazio la CE per la copia Arc. Come sapete sono amante del retelling e non potevo perdermi l'occasione di leggere questo primo retelling su Apollo. 

All'inizio non sapevo cosa aspettarmi, non avevo letto la trama e non sapevo nella quale direzione volgesse Apollo, verso la sorella di Giacinto e Giacinto stesso?

"Tremavo.
Perché non lo avevo mai fatto. 
Non avevo mai aperto la mia anima e consegnato a qualcuno a qualcuno i mezzi per farla a pezzi."

Qui Zeus è il "cattivo" della storia e il rapporto con suo figlio Apollo è complicato. Manda per punizione Apollo da un suo "servitore" in modo che gli faccia da mentore. E così che Giacinto e Apollo devono collaborare per evitare l'ira del re degli Dei. Ma se tra i due scatta qualcosa, qualcosa di bello e vero è ugualmente pericoloso. Cosa sceglierà Apollo? 

In questo romanzo abbiamo la possibilità di scoprire la vera "faccia " di Apollo e non solo quella che mostra agli altri: menefreghista, arrogante. 
Scritto in POV multiplo e anche se questo può essere un valido motivo per conoscere la storia a 360° gradi, personalmente mi ha indotto a fare mille ipotesi su chi era i veri protagonisti della storia. Presumo che nei prossimo vol tutti i personaggi avranno modo di emergere. 
La prima parte del libro intrigante e ti tiene incollato, condito con del flirt e racconti di infanzia. L'ultima parte dove si parla anche di  strategia militare non l'ho trovato molto avvincente. 

Consiglio la lettura a chi è fissato con i retelling. Noi ci vediamo al prossimo volume.

A presto,
Jenny 





Commenti

Post popolari in questo blog

RECENSIONE "Deviant" di Ellie B. Luin

RECENSIONE - Il narratore di storie, di Rita Nardi

RECENSIONE - Daisy Haites. Spara dritto al cuore, di Jessa Hastings