REVIEW TOUR - "Il profumo di Parigi" di Giulia Dal Mas

Titolo: Il profumo di Parigi
Autrice: Giulia Dal Mas
Editore: More stories
Genere: romanzo storico
Prezzo e-book: € 2,99
Data uscita: 30 novembre 2020
Pagine: 221
Serie: autoconclusivo

Francia, 1908.
Isabelle Bonnet è nella sua stanza con una valigia in mano, pronta a partire alla volta dell'Italia. Ha vent'anni e da dodici è a servizio, da quando la madre è morta, assassinata nella loro casa alle porte di Parigi. Figlia illegittima di un marchese, viene allevata dalla moglie del padre, una donna cinica e fredda che ha un unico scopo, fare di lei la sua vendetta.
Quel viaggio a Venezia non rappresenta solo un nuovo lavoro, ma l'occasione per dimenticare. Non può sapere, tuttavia, che sarà proprio lì che il destino farà la sua mossa, facendole incontrare Tristan Martin, un giovane uomo, carismatico e affascinante, i cui segreti oscuri la travolgeranno, sino a riportarla in Francia, sulle orme del proprio passato.

Tra Venezia e Parigi, in un viaggio emozionante attraverso paesaggi mozzafiato e sontuose dimore, agli albori della belle époque, si intrecciano amore, intrighi e terribili delitti. Una storia tormentata, che condurrà la protagonista sino a un paesino sulle colline del sud della Francia, dove tutto ha avuto inizio.
Cari lettori, torno a parlarvi di un romance storico. “Il profumo di Parigi”, scritto da Giulia Dal Mas e pubblicato da More Stories, è un libro ambientato tra Francia e Italia, in particolare Venezia, nel 1908.
La protagonista Isabelle, è una ragazza cresciuta dalla matrigna. Non ha passato un’infanzia serena e non le dispiace essere mandata via, a Venezia. Pensa che almeno non vivrà più in una casa dove non c’è mai stato un briciolo d’affetto o considerazione per lei.

“Era stata un'ingenua a credere che bastasse salire su un treno e attraversare le Alpi per cancellare una vita intera, ora lo sapeva. L'amore, la pena, i ricordi, non se ne sarebbero mai andati, e lei non avrebbe mai potuto dimenticare.” 

A Venezia scopre un nuovo mondo, ma la nuova padrona è eccentrica ed egoista. L’avventura più eccitante sarà l’incontro con Monsieur Martin, un uomo affascinate e singolare.
Anche a Venezia purtroppo non riesce a trovare il suo posto nel mondo e, trovandosi in pericolo, chiederà l’aiuto dell’unica persona che si è dimostrata interessata a lei. 
Chi è veramente Monsieur Martin? Sicuramente è molto più di quello che sembra e Isabelle dovrà stare attenta a non invaghirsi di lui.

“C'era qualcosa di inebriante in lui, come un profumo che silenzioso si infila sotto la pelle. Qualcosa di misterioso e affascinante al tempo stesso. Qualcosa che desiderava.”

Il destino la porterà di nuovo in Francia, dove finalmente scoprirà la verità sul suo passato e su quello di Monsieur Martin, chiudendo un ciclo di rabbia e vendetta che da anni li perseguitava.
Il libro è molto piacevole, la lettura risulta scorrevole e la storia si fa interessante soprattutto nella seconda parte. Infatti all’inizio sembra un plot già letto, ma poi si riprende svelando intrighi e complotti che hanno influenzato la vita dei personaggi. Sebbene ci siano delle situazioni interessanti, però, non risulta una particolare suspense o senso di attesa. 
Tuttavia, sono presenti molte descrizioni delle abitazioni, paesaggi e dei costumi dell’epoca che evocano l’atmosfera che ci si aspetta.
Nel complesso è una lettura che consiglio a tutti gli amanti del genere e che valuto con 3,5/5.
Buona lettura.

Commenti

Post popolari in questo blog

RECENSIONE - "Io sono mio fratello" di Giorgio Panariello

RECENSIONE - "A un millimetro di cuore" di Massimo Bisotti

RECENSIONE IN ANTEPRIMA - "Io non ti lascio solo" di Gianluca Antoni