RECENSIONE "The Kissing Both #3 - L'ultima volta" di Beth Reekles

Titolo: The Kissing Booth 3 - L'ultima volta
Autore: Beth Reekles
Editore: Dea
Genere: young adult, contemporary romance
Prezzo ebook: 6.99
Prezzo cartaceo: 15.10
Data pubblicazione: 12 agosto 2021
Pagine: 372
Serie: The Kissing Booth #3


Esiste un momento in cui tutto si ferma. Il liceo finisce, gli esami sono alle spalle, il futuro incombe. È il momento di compiere scelte importanti, scelte che a volte sembrano perfino irreversibili. Anche Elle è arrivata al bivio e deve prendere una decisione sulla strada da seguire. Il cuore o l’amicizia? Da sempre, il suo sogno è frequentare l’università di Berkeley insieme al suo migliore amico Lee. Ma che cosa succede se una domanda di ammissione spedita ad Harvard quasi per gioco si rivela la chiave d’accesso per l’università più prestigiosa al mondo? Ancora una volta Elle dovrà scegliere, tra Lee e Noah. Lee, che andrà alla Berkeley, e Noah, ad Harvard. Elle sa bene che la distanza non rende le relazioni semplici, e che non sa rinunciare all’amicizia almeno quanto non può vivere senza l’amore… La scelta sembra impossibile. Se per una volta Ella decidesse di anteporre se stessa ai ragazzi, l’amore avrebbe speranza di sopravvivere?


Buongiorno care lettrici, oggi voglio parlarvi del terzo e ultimo capitolo (ma spero di no) della serie "The Kissing Booth" di Beth Reekles edito dalla DeAgostini.

I nostri tre ragazzi sono ormai cresciuti, Ella e Lee hanno terminato l'ultimo anno di liceo e sono pronti per iniziare una nuova avventura verso il College. Ma proprio quando le cose sembravano ormai decise, ecco che un'improvvisa telefonata sconvolge tutto. Ella ha sempre desiderato sin da piccola andare a Berkeley insieme a Lee, i loro piani erano già decisi dalla tenera età e niente e nessuno avrebbe potuto cambiare le cose... ma questo era, appunto, prima. Prima dell'arrivo di Noah nella vita di Ella e prima dell'arrivo di Rachel nella vita di Noah. Una lettera di richiesta di ammissione inviata da Ella ad Harvard, quasi per gioco e per sfida verso se stessa, rivoluzionerà tutto perché le verrà comunicato che è stata accettata anche lì. Ed ecco che si ripresenta nuovamente l'emblema perenne per Ella. L'amore o l'amicizia? Noah o Lee? L'eterna decisione difficile da prendere per la nostra protagonista. I dubbi la attanaglieranno per buona parte del libro e sono dei dubbi anche giusti. E' vero che le promesse si mantengono e Ella più di una volta ha deluso e spezzato il cuore a Lee scegliendo Noah ma è anche vero che ora nella vita del suo migliore amico c'è Rachel e Ella si ritroverebbe spesso a dover fare da terzo incomodo. Mentre ad harvard c'è Noah, stare accanto a lui diventa un sogno quanto un incubo. Ella non è ancora pronta per vivere con Noah o stare con lui 24h su 24h anche se in cuor suo lo desidera tanto sa che la vita con lui potrebbe essere difficile e compromettere la loro storia. Noah ha ormai una sua cerchia di amicizia dove Ella si trova a disagio, quando è insieme a loro si sente come di non essere abbastanza per Noah. Non è abbastanza bella, abbastanza sofisticata, abbastanza intelligente e teme che un giorno Noah potrà notare tutto questo e mettere fine alla loro relazione facendola ritrovare improvvisamente sola, lontana da casa e in un luogo in cui lei non era neanche sicura di voler andare se non per Noah. Nonostante le insistenti telefonate dalle segreterie scolastiche, cerca di ritagliarsi del tempo per prendere la decisione giusta e in questa anche Levi (che sul telefilm conosciamo come Marco) ne è partecipe. Perché nel tempo lui è diventato quasi il suo secondo migliore amico e in certi casi sorpassa anche Lee, perché con lui riesce a parlare di tutto persino di ciò che non riesce a rivelare ai fratelli Flynn, creando spesso gelosie e incomprensioni per questo.

La vendita della casa sul mare dei Flynn, dove Ella e i due ragazzi hanno passato la loro infanzia e le loro vacanze è un altro duro colpo per Ella e per ciò che è stato... ogni cosa, ogni cambiamento, le fa capire che le cose stanno cambiando irreparabilmente. Il futuro è sempre più vicino ed è arrivato il momento di lasciare andare il passato al quale è aggrappata con le unghie e con i denti. Niente di tutto ciò ritornerà e niente potrà restare come è. Tutti e tre stanno crescendo e maturare vuole dire anche costruirsi un futuro lasciando andare, anche se dolorosamente, i ricordi e quel porto sicuro che l'ha cullata dalla morte della madre fino a ora. Forse è giunto il momento di pensare anche un po' a se stessa ed essere meno dipendente da quella famiglia che l'ha cresciuta e difesa con tanto amore da quando era bambina.

La scrittura dell'autrice ci aiuta sempre a immedesimarci in pieno nella storia e a leggere il romanzo in modo scorrevole non facendo caso neanche al numero di pagine. Quest'ultimo volume mi ha fatto sentire la nostalgia del primo, dove tutto era più spensierato, l'amore aleggiava nell'aria facendo battere velocemente i cuori e la divertenti gag rendevano il libro ancora più piacevole. Il secondo è quello che mi è piaciuto meno, il distacco, la scuola, loro che si relazionano con terze persone che entrano a far parte in pieno della storia creando anche gelosie e incomprensioni ma comunque un allontanamento e il terzo, che dire, è il libro sul finale che lascia un retrogusto amaro. La crescita, la maturità, le responsabilità che iniziano a prendere possesso delle loro vite, porteranno i protagonisti a prendere strade diverse, ognuno diretto verso il proprio futuro, questo comporta sicuramente una buona responsabilità e crescita nei personaggi ma ci porta anche prepotentemente con i piedi per terra. Dove avremmo, magari, preferito un finale rose e cuori e invece ci siamo ritrovati tutt'altro... Però posso dire una cosa, avendo visto anche il finale della serie, che sono felice di aver letto il libro che mi porta ad avere speranza di un lieto finale, velato ma non certo. Cosa che non avevo ben capito nel telefilm e che allo stesso modo mi aveva lasciata un po' delusa. Nonostante i miei gusti, ritengo che sia una serie che merita di essere letta. Difficilmente potremo dimenticarci di Ella, Lee e Noah. Un triangolo di tre amici, cresciuti insieme, con le loro paturnie e follie. Una serie di cui spero di sentire ancora parlare magari con una piccola novella finale che possa colmare quel finale aperto che ci ha lasciato.

Il mio voto è un 4 perché speravo di più nel finale e per l'editing che non è del tutto perfetto come ci si aspetta.


Buona lettura.









Commenti

Post popolari in questo blog

RECENSIONE - "Io sono mio fratello" di Giorgio Panariello

RECENSIONE IN ANTEPRIMA - "Le parole che ho trovato per te" di Alessio Tavino

RECENSIONE IN ANTEPRIMA - "Io non ti lascio solo" di Gianluca Antoni