RECENSIONE "Nearly Gone" di Elle Cosimano

Titolo: Nearly Gone
Autore: Elle Cosimano
Editore: Hope Edizioni
Prezzo ebook: 3.99 €
Genere: NA/thriller
ORDER 

Nearly Boswell sa come tenere un segreto.
Vivendo in un campo di case mobili alla periferia di Washington DC, sa che è meglio non condividere niente che possa renderla un facile bersaglio dei compagni di scuola, come, per esempio, la sua ossessione per gli annunci personali, il lavoro di spogliarellista della madre e, più di ogni altra cosa, la sua capacità di percepire le emozioni della gente, se sfiora la pelle di qualcuno. Quando però un serial killer comincia a fare strage di studenti, lasciando sul giornale criptici annunci che solo lei riesce a decifrare, a Nearly non resta che rivolgersi all’unica persona di cui non dovrebbe fidarsi: quel nuovo studente che la sta tenendo d’occhio.
Nearly potrebbe essere l’unica in grado di mettere insieme tutti gli indizi e, se non dovesse risolvere presto l’enigma, rischierebbe di diventare la prossima vittima.


Sono lieta di parlarvi di "Nearly Gone" di Elle Cosimano, un libro insolito che ho scelto per staccare un po' la spina dopo una lunga serie di romance. Sono molto contenta di questa scelta e ringrazio la Hope edizioni per questa ennesima vincente lettura. Devo dire che con loro vado sempre sul sicuro ;)

Cosa hanno in comune un liceo, una rivista di annunci personali e degli insoliti e violenti episodi? 
Hanno in comune proprio lei, Nearly Boswell, la nostra protagonista. 

Nearly, per gli amici Leigh, vive in una casa mobile in periferia, in mezzo al peggio della città circondata da criminali, prostitute e spacciatori, alcuni di questi frequentano persino la sua classe. Sua madre lavora in un night club e per questo viene presa di mira e schernita dalla maggior parte degli studenti del West River High School che lei frequenza. Suo padre se n'è andato via di casa quando aveva 5 anni e da allora Nearly non fa altro che cercare indizi che in qualche modo la ricolleghino al padre, ecco perché da anni acquista un giornale di annunci le "Occasioni perse", dove lui gli lasciò l'ultimo messaggio dopo la sua fuga. 

Ma Nearly ha qualcosa in più degli altri, nonostante non goda di soldi e fama. Ha l'intelligenza. E', infatti, una delle prime della classe e concorre per la borsa di studio di 25.000 dollari che le permetterà un giorno di lasciare i bassifondi e di costruirsi una nuova vita tra le più prestigiose Università. 

Ed è proprio su quel giornale che lei sfoglia ogni venerdì che un giorno compare un insolito messaggio. Credendo che sia qualcosa lasciato dal padre, Nearly cerca di risolvere il rebus e si precipita nel luogo prestabilito ed è proprio lì che verrà ritrovata la prima vittima di questo insolito macabro gioco, creato da qualcuno per incastrare la ragazza. 

Ogni vittima, ogni indizio e la sua presenza costante nella scena del delitto, condurranno sempre a lei e inizierà  una corsa contro il tempo. A ogni annuncio, Nearly cercherà di codificare il dilemma e tenterà di raggiungere la vittima prima che sia troppo tardi. A ogni delitto si aggiungerà un tassello che la aiuterà a codificare un messaggio misterioso.

La trama è bene articolata e intrecciata. Ogni personaggio ha la sua giusta collocazione e lascia la giusta impronta nella storia. Abbiamo Jeremy il suo migliore amico e Ahn che si aggiunge ai due formando un insolito triangolo, e con la quale concorre per la vincita della borsa di studio. Poi abbiamo Vince il bullo della scuola che la importuna costantemente, Emily la cheerleader, Oleksa e Lonny con i loro giri strani e da cui è meglio stare alla larga e infine Reece, il badboy del Collage, già espulso da una precedente scuola e che è stato già dentro per rissa e fuori per buona condotta. Il classico ragazzo che porta problemi ma che è figo da paura. Proprio quest'ultimo inizia a girare intorno a Nearly per diversi motivi, fino a che diventeranno importanti l'uno per l'altra. 

"Sfrecciamo per le strade, la moto che seguiva le curve e il vento che mi sferzava. Più veloce andavamo, più l'amarezza di Reece sbiadiva. Mi schiacciai contro la sua schiena finché non sentii altro che l'odore pungente del suo giubbotto di pelle, e il gusto dolce dell'emozione di volare via."

La nostra protagonista ha anche un potere curioso e insolito, che potremmo definire paranormale, ereditato dal padre. Però l'autrice non lo evidenzia oltre, facendolo diventare importante per la storia, ma diciamo che è solo un elemento in più che non rende per questo la storia un paranormal, in quanto viene lasciato abbastanza in disparte. Credevo che questo potere sarebbe stato capace di farle capire presto il colpevole, invece così non è stato. C'è stato solo un attimo in cui è riuscita a toccarlo e a sentire in lui tutta la malvagità e l'odio che provava ma è stato talmente breve e in mezzo a tanta gente che non è riuscita a inquadrare chi fosse.  

"L'emozione è energia e se l'energia è abbastanza forte può viaggiare tra due punti Magari ero una specie di canale attraverso cui poteva passare l'energia altrui. In qualche modo percepivo alcune verità sulle persone che altri non potevano cogliere. Molte di esse mi lasciavano sulla lingua un gusto aspro che mi faceva desiderare non averle mai colte."

Posso dirvi che leggendolo e cercando di scovare il colpevole ho pensato praticamente a tutti. In tempi diversi avevo sempre un sospettato. A volte era qualcuno vicino a lei, a volte era qualcuno dall'esterno, ma ogni volta non era quello giusto. Posso solo dirvi che quando il colpevole si è rivelato... era proprio l'unica persona a cui non avevo mai pensato e questo vuole dire solo una cosa... che il libro è veramente fatto e studiato perfettamente nei minimi dettagli. Ciò che spesso mi porta a tralasciare questo genere di libri è proprio perché spesso intuisco il colpevole da subito e invece questo libro mi ha completamente sorpresa. 
Merita assolutamente di essere letto, per chi ha voglia di qualcosa di diverso. Per chi ha voglia di immergersi in una storia fino in fondo e per chi ricerca quella dose di suspense in un libro scorrevole da leggere e ricco di colpi di scena. Complimenti all'autrice e casa editrice per averci tradotto questo libro.
Ps. Anche se il volume è indicato come Volume 1 in realtà la storia è autoconclusiva e scoprirete a fine lettura tutto quanto. ;)

Buona lettura.



Commenti

Post popolari in questo blog

RECENSIONE - "Io sono mio fratello" di Giorgio Panariello

RECENSIONE IN ANTEPRIMA - "Le parole che ho trovato per te" di Alessio Tavino

RECENSIONE IN ANTEPRIMA - "Io non ti lascio solo" di Gianluca Antoni