REVIEW TOUR "Stuck" di Marilena Barbagallo

Titolo: Stuck
Autore: Marilena Barbagallo
Data di uscita: 1 FEBBRAIO 2022 
Genere: celebrity - criminal - second chance
Prezzo ebook: € 2.99
Formato cartaceo: copertina flessibile e rigida
Cover: Catnip Design
Collana: Red Oak Manor Collection #2 ⬇️

ORDER


Dylan non sa quando è nato. È stato abbandonato, ancora in fasce, davanti al cancello dell’orfanotrofio in cui è cresciuto. Era domenica, perciò lo hanno chiamato Sunday. L’unico colore che definisce la sua vita è il grigio delle mura di Red Oak Manor, ma c’è stato un tempo in cui una ragazzina è riuscita a renderlo felice. È bastato uno sguardo a legarlo per sempre a lei. 

Nonostante sapesse di aver conosciuto l’amore, ha dato il peggio di sé: rabbia e gelosia. Pur di proteggerla dal suo peggior nemico, l’avrebbe lasciata andare per sempre.

E lo ha fatto.

Eppure, ci sono sentimenti destinati a non spegnersi mai. Lo sa bene Arya Torres, oggi attrice di successo, il tormento di Dylan. Lui non sopporta di vederla sulle riviste e in quei dannati film, lei di non avere sue notizie. Il giorno in cui si incrociano a Los Angeles, a un party privato, niente sembra essere cambiato.

Lei ha ancora bisogno di essere la sua farfalla. 

Lui di incastrarla nella sua ragnatela.

Ma per un criminale non può esserci spazio nel mondo scintillante di una star di Hollywood.


Buongiorno librosi,
Eccomi qui a parlarvi del secondo vol del Red Oak Manor Collection. Si tratta di Stuck di Marilena Barbagallo. 

Superata l'enciclopedia di Valentina, contenete tante informazioni e preziose, tutti gli altri volumi scorrono più velocemente e questo era prevedibile. Infatti l'ho letto in due giorni. 
Vi confesso che all'inizio avevo un terribile presentimento su chi dava il tormento ad Arya quando oramai è già attrice. E potete ritenermi anche una brutta persona d'ora in poi ma pensavo fosse Dylan. 
Insomma non conoscendolo a fondo temevo che la sua ossessione fosse arrivato a quel punto. Sono un pochino giustificata? Poi giuro che più andavo avanti, mi facevo schifo da sola ad averlo pensato. Sorry Dylan che ho pensato male di te. 😭🙏

CONSIDERAZIONI
Cosa ho trovato in questo libro?
Un po' quello che avevo già previsto con Monica tramite #AnalisiCover: amore, dolore, abbandono, violenza, angst. Di indizi però, direi che ce n'è stato uno astutamente ambiguo e mi riferisco al post con lui con frusta e scritto "In ginocchio". Ecco, io perlomeno ho pensato tutt'altro da quello che poi è successo realmente. Non so voi. 
Ma poi ci sono state anche dei colpi di scena e soprattutto non mi aspettavo un Dylan così: che sa amare in silenzio e con una intensità da spezzarti il respiro. 
Ho sofferto troppo per lui. Arrivati al presente mi dicevo: "ti prego basta. Non reggerebbe un'altra bastonata dalla vita." Insomma pregavo l'autrice di non dargli altro dolore perché ne aveva già sopportato troppe e temevo che non si sarebbe più rialzato. 
Del vecchio Sherman che dire. Se già lo odiavo prima, con questo volume volevo essere lì e ripagarlo di tutto il male causato e devo dire che alla fine la giustizia è stata fatta, o meglio: si è fatto giustizia da solo. (Capito, no?😉) Ben gli sta, anzi, anche troppo poco secondo me. 
Le scene hot non mancano, ma sono ben dosate.

Che dire? Ho provato tante emozioni, profonde e oscure a volte. C'è un po' di dark, scene forti, ma direi che l'autrice si è trattenuta in questo libro. Quando scopri il lato oscuro di Dylan, rimani interdetta per un attimo e ti dispiace per lui. Perché, anche se non giustificabile, quello che fa e come si sente a riguardo è la conseguenza del male causatogli da chi gli aveva promesso la stabilità. Vedere questo lato di lui, mi ha inevitabilmente fatta sentire più vicina.  Consiglio la lettura a chi ha letto il primo vol della collana e chi  vuole una #loveStory che lascia il segno condite da emozioni forti, scene sensuali e la #DylanUomoCaverna che ogni tanto fa la sua comparsa e smorza la tensione. 

P.s. ma della scena finale al cinema ne vogliamo parlare? ahaha Dylan, non ti smentisci mai. Adoroh

P.p.s Vi lascio questo estratto che spiega al meglio il significato del titolo: Stuck (Incastrato)

"Incastrato in questa vita di merda. 
Incastrato dall’amore che ho sempre provato per lei.
 Incastrato dai miei doveri. 
Incastrato dalla mia natura."


Alla prossima,
XoXo
Jenny K.

Commenti

Post popolari in questo blog

RECENSIONE IN ANTEPRIMA - "Io al posto tuo" di Valentina Torchia

RECENSIONE - "Un tè con Mrs. Brown" di Simona Fruzzetti

RECENSIONE IN ANTEPRIMA - "Crash bang wallop" di Laura Rocca