RECENSIONE - "Win Shot" di Ingrid Rivi

Titolo: Win Shot
Autore: Ingrid Rivi
Editore: Independently published
Genere: Sport Romance 
Prezzo ebook: 0,99€
Prezzo cartaceo: 12,00€
Data pubblicazione: 1 Maggio 2022
Pagine: 300 pagine
Serie: Autoconclusivo

Un incontro burrascoso.
Due ragazzi che nascondono un segreto.
E il destino pronto a sferrare i suoi soliti tiri mancini.
Un tiro mancino che per Ginevra porta il nome di Daniel.

Lui è il leader indiscusso della squadra di basket, irritante, con modi arroganti, presuntuoso e anche… anche sfacciatamente bello. Proprio un privilegiato, cosa che invece Ginevra non può dire di sé.
Lei è abituata a scappare, a celarsi dietro taglie di maglioni troppo grandi a mascherare il suo aspetto.
Durante il loro primo incontro volano scintille e battute al vetriolo.
Non si sopportano e non fanno niente per nasconderlo.
Ma questo sentimento di odio non può durare per sempre, o forse sì?
E se a distanza di dieci anni dal loro incontro-scontro, Ginevra si ritrovasse di nuovo ad avere a che fare con Daniel, e lui non la riconoscesse?
La sincerità può essere un’arma se usata con imprudenza e Ginevra prende in fretta la sua decisione: non può svelargli la sua identità.

“Non ho ancora capito se sei brava a mascherare i tuoi sentimenti o sei brava a fingere che non esistano.”
“Sono brava a complicare le cose all’apparenza semplici.

Ciaooo, sono super pronta per raccontarvi le mie impressioni sullo Sport Romance dell’autrice Ingrid Rivi “Win Shot”. 
C’è una semplice parola che posso utilizzare per questo romanzo: UNICO!!
Faccio i miei più grandi complimenti ad Ingrid per questo scritto. Io l’ho trovato davvero, davvero bello. Un libro pulito, semplice e diretto. Nessuna parte da decifrare, nessun discorso complesso e zero difficoltà nella lettura. La storia di Ginevra e Daniel mi è piaciuta sin dalle prime pagine, ho assaporato passo per passo la nascita di questo amore senza trovare mai accelerazioni o rallentamenti nel racconto. I due ragazzi reduci da un trascorso negativo, si ritrovano faccia a faccia dopo 10 anni e sono subito scintille. Mentre Daniel, non riconoscendo Ginevra, cerca in tutti i modi di avvicinarsi a lei, quest’ultima consapevole del passato che li accomuna, tenta in tutti i modi di limitare il loro rapporto, solo alle questioni lavorative, senza però riuscirci. 

La storia è davvero interessante, mi è piaciuta tantissimo la naturalezza con la quale si susseguono gli eventi. L’autrice è riuscita a “non forzare la mano” sulla situazione, rendendola così una circostanza reale. Tante volte mi è capitato di leggere romanzi all’interno dei quali, si percepisce la finzione di un personaggio o di una situazione. Qui ci ho visto vita vera, e sentimenti veri. Entrambi i personaggi principali, presentano le caratteristiche che oggi giorno troviamo spesso anche in altri romanzi. Daniel sportivo bello e farfallone, a causa del comportamento di sua madre cresce negando qualsiasi forma d’amore nei confronti delle donne.

«Sai cosa vorrei adesso?» domanda, invece. Gli chiudo le labbra con un dito. «Pensa bene a ciò che stai per dire. Non vorrei che per imprudenza o eccesiva sicurezza tu rischiassi di rovinare la serata.» Lui avvolge il mio polpastrello tra le labbra e la delicatezza con cui lo trattiene mi crea un leggero scompiglio al basso ventre. Conto fino a cinque prima di riprendere fiato. «Sei davvero determinata a mantenere le distanze, Biancaneve?» «Sì. Io voglio mantenere il nostro rapporto su un piano puramente professionale e tu non sei abituato a correre certi rischi. Noi due siamo gli estremi di un segmento destinati a restare a una certa distanza.» Daniel mi rivolge uno sguardo simile a un raggio di sole in piena notte. «In questo momento non sento tanta distanza tra noi. Potrei sorprenderti e fare ciò che non ti aspetti.»

Preferisce collezionare avventure piuttosto che ridursi uno straccio come suo padre dopo la scomparsa di sua moglie. Sarà Ginevra peró, che con il suo bel caratterino a far capitolare in pochissimo tempo il nostro Daniel. Lo renderà vulnerabile a tal punto da far crollare la fortezza che con cura il ragazzo aveva costruito attorno al suo cuore. Anche se raccontata con delicatezza apprezzerete tantissimo i tira e molla stuzzicanti di questi due! La passione è sicuramente percepibile. Ginevra è un bel personaggio femminile. L’ho apprezzata tanto e in alcune occasioni le sue battute mi hanno fatto ridere di gusto. Faccio i complimenti ad Ingrid anche per l inserimento del dialetto romano divertente e mai volgare. A chi non capita di far una battuta nel proprio dialetto per rimarcare un concetto! Insomma, Ginevra una di noi ahahahah

Se dovessi proprio evidenziare un dettaglio che nel libro non mi ha colpito particolarmente, citerei il finale. Sicuramente nelle vicende principali e oer la maggior parte del racconto, Ingrid si è concentrata maggiormente sulla storia d’amore piuttosto che sulla parte sportiva del personaggio, com’è giusto che sia. Il capitolo finale però, si concentra forse solo su quello, senza dare una definizione, un’immagine del quadro d’amore finale dei due dopo il loro ricongiungimento. Ecco, probabilmente avrei concluso in maniera differente! In fin dei conti però, questo è davvero un piccolissimo dettaglio (soggettivo probabilmente) che non cambia certo il giudizio super positivo su “Win Shot”. 5 stelle meritatissime! E ora lettori e lettrici, se vi ho incuriosito, mettete subito in lista questo bellissimo libro! Alla prossima 😁 ciao!





Commenti

Post popolari in questo blog

RECENSIONE - "Un tè con Mrs. Brown" di Simona Fruzzetti

RECENSIONE IN ANTEPRIMA - "Io al posto tuo" di Valentina Torchia

REVIEW TOUR - RECENSIONE - "Disgraceful" di Autumn Grey