Review Tour- RECENSIONE "CRUEL" di Debora C. Tepes

Titolo: Cruel
Autore: Debora C. Tepes
Genere: Darkness - Bandit - Age Gap
Data d'uscita: 27 aprile 2022
Formati: Digitale; Cartaceo Flessibile; Cartaceo Rigido
Serie: Red Oak Manor Collection #6

La vita non è mai stata clemente con Caleb Klein. 
Il dolore e l’abbandono hanno segnato la sua strada sin da quando era bambino, e gli hanno insegnato a proteggere il cuore col filo spinato. 
Il passato l’ha reso determinato, a tratti cinico e spesso crudele. 
Ed è così che è riuscito a formare la sua banda di criminali, disperati e sperduti come lui, costretti a crescere tra le mura di Red Oak Manor. Insieme, sono indistruttibili. Colpo dopo colpo, costruiranno la loro fortuna e saranno finalmente liberi. 
Ma poi c’è lei, Violet. 
Lei, con i suoi capelli corvini e gli occhi che sanno leggere oltre i muri che Caleb ha eretto per proteggersi. 
Lei, il suo punto di forza. 
Lei, la debolezza che potrebbe ridurlo in cenere.
 
La prima volta che ha incontrato Caleb, oscuro come un angelo caduto e bello da spezzare il fiato, Violet Winters era solo una bambina. 
Lui è il suo crudele riflesso, il buio che la nasconde e la protegge. 
È il suo capo, colui che per primo ha creduto in lei e ha sanato le ferite del suo passato, permettendole di entrare nella banda e di farne la sua famiglia. 
Ma c’è un prezzo da pagare, per riuscire ad arrivare al suo cuore. Ci sono spine da cui lasciarsi ferire, rovi che l’avvolgeranno, strappandole l’anima. 
Perché Caleb è il purgatorio che dovrà attraversare per poter rinascere, a qualunque costo.

Buongiorno Librosi,
Eccomi a parlavi del quinto volume della Red Oak Collection, "Cruel" di Debora C. Tepes. 
La cover è bella, ma non è legata strettamente a un oggetto nel libro bensì a un evento, a una sensazione. Qualcosa che si è ben radicato in Caleb, e lo ha cambiato per sempre. Rompere gli specchi è un modo di dire per uscire fuori dagli schemi, fare qualcosa che di solito non faresti. Come vedete quindi la cover è pregna di significato. 


Considerazioni
Iniziamo a conoscere meglio Caleb, sin dalle prime pagine e comprendere da dove proviene il suo essere crudele.  
Il libro è un slow burn, con pov alternati dei protagonisti. 
La prima parte del libro si concentra su Caleb, e solo più avanti abbiamo la possibilità di conoscere meglio Violet anche tramite i suoi POV. La sua totale devozione nei confronti di Caleb fa paura. 

«Caleb è il mio oscuro angelo custode. Mi ha donato una speranza, mentre il mio mondo crollava a pezzi. Il mio cuore è legato al suo da una catena indistruttibile, che di giorno in giorno rischia di sfracellarlo, ma va bene così. Caleb è il mio inizio e la mia fine. Sono totalmente devota a lui, solo a lui e lo sarò fino a quando questo dannato cuore non smetterà di battere. Anzi, anche dopo, quando il mio corpo sarà sottoterra, quel che resterà di me continuerà a reclamarlo. Adesso è chiaro?»

Più chiaro di così si muore, appunto. La situazione si fa più complicata e pesante da sostenere ma lei non molla, continua a lottare per Caleb, per il suo amore. Ma può reggere per l'eternità? Lei è forte ma si può spezzare. 
La terza parte del libro è un po' un tira e molla tra i due  e non ci sono certezze sul loro rapporto finché un evento tragico segnerà la loro vita e qui mi fermo perché non voglio spoilerare. 
Il personaggio di Caleb è chiaro sin dall'inizio ma quando si tratta di Violet le sue convinzioni vacillano.
Il personaggio di lei invece, ci si presenta come una bambina ribelle e capricciosa e molto attaccata a lui. All'inizio come fratello maggiore ma poi il sentimento mutua in qualcosa di più profondo e fisico.
Violet, mi ha insegnato che la perseveranza paga, ma quanto bisogna soffrire però. 
Lei mi ha fatto tanto tenerezza in alcuni momenti e in altri mi sono arrabbiata per ciò che si costringeva a subire pur di raggiungere il suo obiettivo. Lei come personaggio femminile è ambiguo in quanto a tratti svilente e in altri coraggiosa.  
Per quanto riguarda i personaggi secondari, la banda di Caleb, sono ben caratterizzati e mi sono piaciuti, tranne uno che rimane un po' in ombra ma poi si capisce il perché. 
Una lettura scorrevole e incalzante e con qualche colpo di scena verso la fine. 
Avevo già letto qualcosa dell'autrice, ma in questo si evidenza la sua vena dark e in complesso mi è piaciuto. 
Consiglio la lettura a chi ama le toxic love, a chi ha già letto gli altri vol della collection e assolutamente a un pubblico adulto e consapevole perché potrebbe passare un messaggio sbagliato sulle relazioni. 

A presto,
XoXo
Jenny K.




Commenti

Post popolari in questo blog

RECENSIONE IN ANTEPRIMA - "Io al posto tuo" di Valentina Torchia

RECENSIONE - "Un tè con Mrs. Brown" di Simona Fruzzetti

RECENSIONE IN ANTEPRIMA - "Crash bang wallop" di Laura Rocca