RECENSIONE "By any other name – Con qualsiasi altro nome" di Lauren Kate

Titolo: By any other name – Con qualsiasi altro nome
Autore: Lauren Kate
Editore: Leggereditore
Genere: contemporary romance
Prezzo e-book: € 8,99
Prezzo Cartaceo: € 14,15
Data di pubblicazione: 18/10/2022
Pagine: 248
Serie: autoconclusivo

Con una carriera di successo come redattrice di romanzi e un fidanzato che possiede tutte le novantanove caratteristiche di una lista curata nei minimi dettagli, Lanie è al settimo cielo. Un giorno le viene data l’opportunità che aspetta da sempre: lavorare con l’autrice di fama mondiale che è anche la sua più grande ispirazione nella vita e in amore: Noa Callaway. E pensare che quando era solo una ragazza, si affidò proprio ai suoi libri per risollevarsi dalla perdita di sua madre e trovare la giusta via. Noa Callaway è quindi qualcosa di molto di più che l’autrice di punta della casa editrice per cui lavora Lanie e da cui dipende il suo futuro come quello dei suoi collaboratori e amici, Meg e Rufus. Per ottenere così quella tanto desiderata promozione (e salvare i bilanci della società!), tutto quello che Lanie deve fare è curare il blocco dello scrittore di Noa. Eh già, perché Noa, per la prima volta, è in ritardo di quattro mesi sulla consegna: un vero disastro. Sembra semplice, no? Ma c’è qualcosa di più: se nessuno ha mai visto o parlato con la misteriosa Noa Callaway non è solo per una scelta di marketing ma anche per un motivo inimmaginabile che sconvolgerà il mondo di Lanie, mettendo in discussione tutto ciò che credeva di sapere.
Tra una New York inedita e sorprendente e uno scorcio della meravigliosa Costiera amalfitana, si snoda una storia sull’amore, sull’amicizia, sulle incomprensioni e sui silenzi che possono trasformarsi in occasioni per guardarsi dentro e magari dare un senso a certi vuoti che sembrano incolmabili.

Lauren Kate è nata a Dallas nel 1981. È autrice della saga di Fallen (Rizzoli), pubblicata in 30 Paesi con 10 milioni di copie vendute. Vive a Los Angeles con il marito.
Buongiorno chiacchierine, ben tornate sul blog. Oggi vi parlo di “By any other name” di Lauren Kate, edito da Leggereditore, che ci ha fornito il file ARC.       

Lanie è una giovane donna convinta di vivere un momento della sua vita in cui tutto è perfetto. Lavora come redattrice in una casa editrice di New York, e ha un fidanzato perfetto, che risponde a tutti i requisiti della sua lista. Un giorno il suo capo le comunica che sarà l’editor di Noa Callaway, la sua scrittrice preferita, oltre che l’autrice di punta della casa editrice. Fino a quel momento lei aveva solo fatto da assistente, e con Noa Callaway aveva solo scritto mail informali e fatto partite a scacchi.

Per Lanie però, Noa Callaway è una specie di punto di riferimento nella sua vita. È stato grazie a un suo romanzo se ha deciso di lavorare nell’editoria e diventare redattrice; anche la lista con le caratteristiche per conoscere il fidanzato perfetto deriva da un suo libro.

“Quando tua madre muore e sei così giovane, l’aspetto peggiore è che sai che ci sono molte cose che dovresti sapere e ti ritrovi a chiederti: adesso chi ci sarà ad insegnartele?”

Noa Callaway è un’autrice che scrive sotto pseudonimo e nessuno l’ha mai vista, e Lanie ha un’immagine di lei molto idealizzata. Al momento del loro primo incontro è emozionata, ma anche preoccupata, in quanto per la prima volta l’autrice è in ritardo con la consegna del manoscritto, rischiando di compromettere non solo la sua carriera, ma anche le sorti della casa editrice.

Noa Callaway però, non è però la signora di mezz’età immaginata da Lanie, e questo la sconvolgerà non poco, facendole mettere in discussione tutta la sua vita.

“Ogni volta che penso al nostro matrimonio mi blocco. Per qualche motivo il pensiero di sposarmi, di fare il grande passo mi angoscia e ritorno ad essere la bambina che ero quando ho perso mia madre.”

Lanie ha infatti la sensazione di aver basato tutta la sua vita su qualcosa di falso, soprattutto per quanto riguarda l’amore, e questo la porterà a vedere sotto una luce diversa il suo rapporto.

Considerazioni

L’autrice ci porta a New York, nel mondo che tutte le lettrici sognano, ovvero l’editoria. La nostra protagonista ha poi una fortuna immensa, quella di conoscere la sua autrice preferita. Eppure quando si immagina qualcosa spesso ci porta a idealizzare qualcosa, che poi nella realtà rischia di deludere.

L’autrice ha dato molto spazio alla reazione di Lanie alla scoperta della verità, tant’è che più un classico rapporto di amore-odio in cui ci si aspetta dei botta e risposta, ci troviamo l’evoluzione della protagonista dal momento in cui scopre la verità, tant’è che la storia è interamente raccontata in prima persona dal punto di vista di Lanie. Mi è mancato invece comprendere meglio il protagonista maschile, il suo carattere e la sua evoluzione all’interno della storia.

La storia d’amore tra i due nasce molto lentamente e non ci sono particolari colpi di scena, ma si ha una conoscenza tra i due, che sono obbligati a collaborare e fidarsi l’uno dell’altro per poter consegnare il romanzo nelle tempistiche richieste.

Personalmente ho trovato la narrazione un po’ lenta, e non sono riuscita a entrare in empatia con i due protagonisti.

Lo consiglio a chi ama le storie romantiche in cui la storia tra i due protagonisti nasce molto lentamente. 

Buona lettura!
Alessia




Commenti

Post popolari in questo blog

RECENSIONE IN ANTEPRIMA - "Io al posto tuo" di Valentina Torchia

RECENSIONE - "Un tè con Mrs. Brown" di Simona Fruzzetti

RECENSIONE - "Le complicanze del cuore: Michael" di Barbara Riboni