RECENSIONE "La giostra delle stelle" di Dora L. Anne

 Titolo: “La giostra delle stelle”

 Autore: Dora L. Anne

 Editore: Self-publishing

 Genere: Contemporary romance

 Prezzo e-book: € 0,99 Cartaceo: € 13,94

 Data di pubblicazione: 07/02/2024

 Pagine: 425

 Serie: autoconclusivo

Link


Dana ha una vita fantastica. Bella, giovane e ricca, studia Legge nella prestigiosa NYU e non perde mai una festa con gli amici. Peccato che l’apparenza inganni, che detesti l’idea di fare l’avvocato e che gli amici di cui si circonda non siano veri amici.

Persino la famiglia la ignora, almeno fin quando non è in pericolo la sua sicurezza. Andreas Kent, guardia del corpo dai modi alquanto discutibili, viene incaricato di proteggerla e si trasferisce al campus allo scopo di tenerla d’occhio, ma è subito chiaro che averlo accanto sarà un disastro.

I due non si sopportano: vorrebbero vedere l’altro colpito da un fulmine per levarsi di torno il problema.

A volte, però, il fulmine colpisce davvero. Ed è il cuore ad andare a fuoco, preda di un silenzioso incantesimo. Il cervello va in stallo e la ragione non distingue più niente.

Romance contemporaneo, Age Gap, Autoconclusivo.

Dora L. Anne è un'autrice di narrativa romantica contemporanea che fa del romanticismo il suo punto fermo. Scrivere rappresenta il nodo centrale di tutto ciò che ama. Apprezza il romance in tutte le sue sfumature, dal rosa pallido, quello più puro, alle sue tinte più accese. Ogni romanzo trasmette un messaggio e accende un groviglio di emozioni che si susseguono fino all'ultima pagina. Cos'altro dire? La magia di un libro non finisce mai, non finché esiste nel cuore di chi l'ha letto.

Buongiorno librosi, bentornati sul blog. Oggi vi voglio parlare dell’ultimo romanzo di Dora L.Anne, “La giostra delle stelle”. Ringrazio l’autrice per avermi fornito il file ARC.

Dana, figlia di una importante senatrice e studentessa universitaria, nonostante dall’esterno sembri essere una persona felice, persino privilegiata, che può avere tutto ciò che vuole, in realtà si sente infelice e bloccata in una vita che non vuole. Obbligata a studiare legge dalla madre, e circondata da persone che le stanno accanto solo per opportunismo, riesce a sopravvivere solo grazie alla sua compagna di stanza e migliore amica Kira. I rapporti con la madre sono pessimi, nonostante ciò quando la sua segreteria l’avvisa che un pazzo ha tentato di ucciderla ne rimane sconvolta, ma la cosa peggiore è che si ritrova tra i piedi una guardia del corpo.

“Ho vissuto così a lungo fingendo, che ormai non ci faccio più caso.” Il dolore le permea la voce. Dovrei tacere altre domande, invece azzardo “Per quale motivo?” “Una figlia modello con una laurea in Legge fa guadagnare voti. A lei interessa solo questo:”

Andreas è un uomo al quale la vita non ha fatto favori. L’idea di proteggere una sciocca ragazzina viziata lo disturba e se non fosse per il lauto compenso proposto dalla senatrice probabilmente ne avrebbe fatto volentieri a meno. L’incarico poi sembra anche peggio del previsto. Dana non fai mai cosa le viene ordinato e sembra che la sua missione sia quella di provocarlo e farlo impazzire.

“Un vero e proprio spettacolo eseguito a regola d’arte, ecco quello che è stato. Le piace eccitarmi, confondermi. Giocare con il fuoco. È sconvolgente il potere che ha di farmi crollare.”

Tra i due volano scintille, solo che queste divampano in una profonda attrazione che entrambi non riescono ad accettare, rendendo la situazione ancora più complicata.

“Kent placa i miei demoni e mi fa anche impazzire. Una dicotomia ridicola di cui detesto essere soccube.”

Considerazioni

Fin dalla prima pagina, l’autrice ci porta nella vita di Dana e ci fa percepire l’insofferenza e il senso di oppressione che sente addosso, ma anche la voglia di essere amata per quello che è. Andreas invece è più misterioso e fino alla fine non si svelano i motivi che lo rendono così scontroso. Tra i due, a parte i momenti in cui l’attrazione prevale sulle ostilità, ci sono diversi tira e molla che in alcuni casi risultano ripetitivi e non portano da nessuna parte.

Il romanzo è scritto in prima persona con il punto di vista alternato tra Dana e Andreas che mi ha fatto immedesimare nelle emozioni combattute dei due protagonisti.

Un romanzo scorrevole che consiglio a chi ama romanzi emines to lovers

Faccio un in bocca al lupo a Dora per questa nuova avventura e buona lettura a tutte.


Alessia



Commenti

Post popolari in questo blog

RECENSIONE "Deviant" di Ellie B. Luin

RECENSIONE - Il narratore di storie, di Rita Nardi

RECENSIONE - Daisy Haites. Spara dritto al cuore, di Jessa Hastings