RECENSIONE: "Effetto strega. Scende la notte" di Juliette Cross

Titolo: Effetto Strega. Scende la notte

Autore: Juliette Cross

Editore: Newton Compton Editori

Genere: Urban, Fantasy Romance

Prezzo: 5.99 / 9.44

Data di pubblicazione: 9 Aprile 2024

Serie: Effetto Strega

Link

Sono tre mesi che Mateo Cruz non riesce a trasformarsi in lupo mannaro, cosa che lo tormenta e gli sta dando alla testa. Convinto di essere stato maledetto, decide suo malgrado di ricorrere all’aiuto di una strega potente, prima di impazzire del tutto. Evie Savoie sa che non dovrebbe occuparsi di lui. La sua congrega è stata chiara: i lupi mannari sono proibiti ed estremamente pericolosi, e quindi assolutamente da evitare. Eppure, di fronte allo sguardo smarrito e disperato di Mateo, Evie non se la sente di far finta di nulla e mette da parte ogni cautela. Per una volta, seguire le regole non le sembra fondamentale. Giorno dopo giorno, però, in quello che dovrebbe essere un sodalizio di convenienza scoppia l’attrazione. Peccato che Evie sottovaluti il lupo mannaro che è in Mateo, pronto a sfoderare le zanne…
Un lupo mannaro che non riesce a trasformarsi.
Una strega che si offre di aiutarlo.
Che cosa potrà mai andare storto?


Buongiorno lettori, oggi voglio parlarvi di un genere che non leggo molto spesso ma che allo stesso tempo mi affascina molto. Si tratta di "Effetto Strega. Scende la notte" di Juliette Cross, edito dalla Newton Compton Editori, è un Urban/Fantasy. 

Mateo Cruz è un lupo mannaro ma ultimamente qualcosa non va in lui, non riesce più a trasformarsi e questo rende il lupo che è in lui parecchio nervoso, al punto che ogni tanto cerca di prendere il sopravento sull'uomo. Mateo non può resistere ancora in questo modo, i pensieri di lupo, detto Alfa, sono continuamente nella sua mente tanto da impedirgli anche di lavorare e di concentrarsi. Dopo averle tentate tutte capisce che forse è vittima di un incantesimo e perciò l'unica cosa rimasta da fare è cercare una strega in grado di disfare i malefici. 
Ci troviamo in una New Orleans, dove gli umani convivono, anche inconsapevolmente, con esseri ultraterreni come fate, lupi mannari, tristi mietitori, vampiri e tanto altro. Dove il voodoo è ben noto e la notte sembra prendere vita un mondo parallelo.
Evie Savoia è una strega bianca e fa parte di una famiglia composta da 6 sorelle, ognuna di loro ha delle doti e poteri diversi, uno più interessante dell'altro. Jules che è la maggiore delle sorelle è anche il capo della gilda delle streghe. Cercano di convivere con tutti e hanno un'unica regola, "Niente Licantropi!"
Ecco perché quando Mateo si imbatterà proprio in Evie, quest'ultima sarà un po' restia ad aiutarlo, i licantropi sono inaffidabili e possono essere violenti. Eppure, non se la sente di lasciare Mateo in quelle condizioni. Mateo sembra l'opposto del suo lupo, lui è dolce e ben educato a differenza di Alfa, che è prepotente e poco affidabile.
L'unica cosa che sa è che stare vicino a Evie lo fa stare bene e solo vicino a lei il suo lupo si acquieta. 

Chi avrà mai fatto questo sortilegio a Mateo? Sembra qualcuno di molto potente.
Riusciranno Evie e le sue sorelle a liberare il licantropo da questo maleficio?
E tra Evie e Mateo potrà mai nascere qualcosa, visto che ogni legge morale e fisica sembra essere a loro sfavore? 

"La mano appoggiata sulla mia nuca mi diede una leggera strizzatina, la sua bocca era contro la mia tempia. «E non ti farei mai del male. Non di proposito». «Lo so». Mi lasciai andare all'indietro e alzai gli occhi verso di lui, colpita dalla pura adorazione nel suo sguardo ardente. Volevo quello sguardo su di me per il resto della vita. Quella consapevolezza mi fece perdere i sensi per una frazione di secondo prima di rassicurarlo."

Ho letto questo libro con molto interesse, sono rimasta attratta dai personaggi, uno più interessante dell'altro, dai loro poteri e da questo ambiente dove il naturale e il soprannaturale sembra coesistere. Oltretutto incuriosita da questa storia d'amore impossibile.

Amo il modo di scrivere di questa autrice, che non conoscevo: lineare, scorrevole e con una descrizione dei protagonisti ben definiti. Il doppio Pov ci permette di leggere i due punti di vista, molto interessanti e divertenti quelli di Mateo dove si alternano i discorsi nella mente tra di lui e il suo lupo Alfa.

Ora attendo, incuriosita, il secondo volume della serie.


Commenti

Post popolari in questo blog

RECENSIONE "Deviant" di Ellie B. Luin

RECENSIONE - Il narratore di storie, di Rita Nardi

RECENSIONE - La sposa gitana, di Carmen Mola

RECENSIONE - La piccinina, di Silvia Montemurro

RECENSIONE - Il libro delle storie a lieto fine, di Sally Page