Recensione - House of Love, di Naike Ror

Titolo: HOUSE OF LOVE
Autore: Naike Ror
Editore: Always Publishing Editori
Genere: New adult, College Romance
Pagine: 392
Data di uscita: 22 marzo 2024
Prezzo cartaceo: € 15.90
Prezzo ebook: € 3.99
Serie: Creed in Love 

“Vincerà solo uno. Ma tra loro non cederà mai nessuno.”
Per Essie Wilson, l’equitazione è tutto. Non potrebbe vivere senza il suo cavallo, e non importa quanti sacrifici richieda la sua passione, già solo indossare la divisa e montare in sella è sufficiente a farla sentire forte, libera, felice. Con un futuro già pianificato nel dettaglio, Essie deve solo continuare a impegnarsi, riuscire a capire la matematica e non lasciarsi distrarre da nessuno. Neanche dal nuovo arrivato al maneggio, che sembra odiarla e vuole rubarle ogni cosa, a partire dal primo posto nel circuito. Ma ignorarlo è impossibile, per questo alla fine se ne innamora.
Anche per Cruz Sanders, l’equitazione potrebbe essere tutto. Non potrebbe vivere senza rincorrere la vittoria in ogni competizione, e non importa quanti sacrifici il suo obiettivo richieda, lui sa che, in un modo o nell’altro, riuscirà a ottenere ciò che vuole. Deve solo continuare a eccellere, non lasciare che il dolore per la perdita della madre lo logori e non lasciarsi distrarre dalla sua acerrima nemica, quella Essie Wilson che sembra odiarlo, che non sembra disposta a cedere di un passo. Ma lei si è insinuata nei suoi pensieri al punto da spingerlo a vacillare.
Nel giro di qualche anno, il brillante cammino di Essie e Cruz li porta a studiare nei college più esclusivi del Paese, Yale e Harvard. Tra quelle antiche mura, le confraternite studentesche vivono di storiche e cocenti rivalità. E proprio queste rivalità rimetteranno Essie e Cruz l’uno contro l’altra, stavolta in lizza per contendersi un posto nella House of Bones, un club elitario che accoglie solo gli illustri, l’obiettivo ultimo per assicurarsi il successo nella vita. Un tempo l’amore tra loro, nato dalla competizione, si era infranto contro un muro di bugie. Ora, nuovamente in bilico tra un sentimento mai dimenticato e il bisogno di arrivare primi a ogni costo, saranno di nuovo i loro cuori a finire in frantumi?

Buongiorno a tutti,
in attesa del secondo volume della serie Creed in Lovecon vero piacere vi parlo della mia ultima lettura privata. Si tratta di "House of Love" di Naike Ror, edito dalla Always Publishing editori. Il libro era già stato pubblicato in self nel 2020.

Faccio una premessa: non amo particolarmente le storie con personaggi giovani e che frequentano college o università. Ogni tanto però mi lascio incuriosire e come in questo caso mi trovo piacevolmente colpita. 

L'autrice, che ho già avuto modo di leggere, ha uno stile personale e riesce a creare un legame particolare tra il lettore e i suoi personaggi. La lettura parte un po' lenta, o almeno è questa la sensazione che ho avuto, solo successivamente ho compreso che quella cadenza era necessaria per delineare a pieno il passato e il presente. 

I pov sono alternati e mentre Cruz si delinea nel presente per il freddo e razionale allievo che vuole emergere in ogni settore, per raggiungere il tanto agognato primo posto. Il pov di Essie serve a raccontarci cosa è successo all'inizio tra i due. 
Conosciamo una ragazza che lavora duramente per realizzare il suo sogno e che deve lottare anche con tutte le difficoltà di una disciplina costosa. 

Passato e presente si alternano fino a fondersi in un colpo di scena a cui si è preparati, ma che lascia comunque sorpresi. Orgoglio, voglia di rivalsa, vendetta, aspettative, impegno e timore di perdere qualcosa di più che non una semplice medaglia. Le emozioni sono molteplici e se da un lato si avverte la parte dolorosa del lavoro, dall'altro si apprezza la passione per qualcosa che piace e appaga. 
Non mancano i momenti più leggeri né quelli sensuali, ma a farla da padroni sono rancore e caparbietà. 

La lettura è come una montagna russa che risale i picchi della vendetta per poi ridiscendere fino a togliere il fiato quando sembra che tutto sia a portata di mano, ma gli intoppi rischiano di modificare il percorso e gli eventi mutano in un'incognita che scombussola ogni certezza.

Nonostante fossi una spettatrice mi sono trovata a condividere ogni più piccola sfumatura delle emozioni dei protagonisti. La presenza dei personaggi secondari arricchisce la storia perché ne impariamo a conoscere le caratteristiche, cosa utile per i prossimi volumi, e influiscono in modo predominante nelle scelte di Essie e Cruz. 

Il testo è curato sia a livello di editing che di correzioni. L'autrice si è confermata machiavellica nel saper gestire ogni elemento, personaggio e anche il coinvolgimento del lettore. Non mi piace l'equitazione e i cavalli (ne ho il terrore) eppure mi sono trovata affascinata da tutto ciò che sta dietro a questa disciplina, come alla competizione che pervade per tutto il testo. Per tutto questo faccio i complimenti a Naike. 

Ne consiglio la lettura a chi piacciono i contemporanei, le sfide e l'impegno che queste richiedono per arrivare al traguardo.

Buona lettura!
Monica S.




Commenti

Post popolari in questo blog

RECENSIONE "Deviant" di Ellie B. Luin

RECENSIONE - Il narratore di storie, di Rita Nardi

RECENSIONE - La sposa gitana, di Carmen Mola