RECENSIONE "Per te solo io (Hades Hangmen Vol. 1)" di Tillie Cole

Titolo: Per te solo io (Hades Hangmen Vol. 1)

Autore:  Tillie Cole

Formato: Ebook / Cartaceo

Prezzo: 3.39 / 9.97

Genere: Dark Romance

Editore: Always Publishing

Data pubblicazione: 27 Agosto 2020

LINK



Molti anni fa, due bambini provenienti da due mondi agli antipodi si incontrarono per caso e forgiarono un legame immediato e indistruttibile, che avrebbe cambiato per sempre il corso delle loro vite...

L’unico mondo che Salomè abbia mai conosciuto è quello compreso tra i confini recintati della comune che lei chiama casa. Costretta a vivere secondo le rigide regole del Profeta David, a capo del loro culto, e a seguire i suoi dettami religiosi, Salomè è intrappolata in un circolo di soprusi senza alcuna speranza per il futuro.
La vita che la giovane è abituata a sopportare prende una svolta inaspettata quando un tragico evento sconvolgente le apre una via di fuga dal recinto della comune.
River “Styx” Nash ha un’unica certezza: è nato per indossare la toppa degli Hades Hangmen sulla sua giacca di pelle. Cresciuto nel mondo turbolento dei biker fuorilegge, tra sesso, alcol e Harley, Styx si ritrova inaspettatamente a caricarsi il fardello della carica di presidente del club e a doversi guadagnare il rispetto dei suoi fratelli, così come dei suoi nemici.
Sono i suoi pugni potenti, i silenzi sinistri e l’abilità con la lama che gli fanno ottenere la reputazione di uomo spietato, che è meglio non trovarsi a incrociare nel losco universo delle bande di motociclisti.
In fin di vita, Salomè viene soccorsa per ritrovarsi catapultata in una realtà a lei del tutto sconosciuta, dominata da peccato e incertezza... ed è proprio tra le braccia di Styx e del suo club di bikers che finisce. Pur se il motociclista è restio ad avvicinarsi a chiunque, dopo quel salvataggio il ricordo di un incontro mai dimenticato torna prepotente nella sua mente.
Tanti anni prima, tra lui e quella ragazza dagli occhi di lupo era nato un legame, una connessione che è ancora viva e nessuno riuscirà a spezzare, per quanto insidiosi i pericoli e i nemici potranno rivelarsi.


Buongiorno Librosi, oggi vi voglio parlare di un libro tanto discusso. Crudo, pazzesco, fuori dalle righe, persino impensabile e a tratti agghiacciante per gli argomenti trattati...

Dopo aver letto e pianto come una fontana con "Dammi mille baci" di Tillie Cole, avevo messo l'autrice tra la mia lista di autori #maiunagioia, ho pensato fosse troppo smielata e anche un po' sadica per i miei gusti e non potevo immaginare quanto... Così quando lessi questa trama non volevo credere fosse la stessa autrice, mi sono chiesta come un'autrice che scrive di amori sdolcinati potesse tessere una trama del genere, così violenta, fuori da ogni logica, quasi blasfema. Le cose potevano essere solo due: o sarebbe stato un fiasco pazzesco o l'autrice ha realmente delle caratteristiche un po' psyco per partorire tutto questo e magari farcelo piacere.

Ma andiamo con ordine. 
Styx è il figlio del presidente degli "Hades Hangmen" un club di bykers molto noto che fa da padrone, è solo un bambino quando un giorno si ritrova davanti a una recinzione mentre è in attesa che suo padre e i suoi uomini seppelliscano un cadavere nelle vicinanze, in mezzo all'oscurità del bosco. Mentre si perde tra i suoi pensieri viene attratto da un luogo mai visto prima, nascosto nella boscaglia, dietro la recinzione tra la vegetazione c'è una bambina accovacciata che piange in silenzio. Si avvicina per curiosità non sapendo che dal momento in cui la bambina si girerà diventerà, come per incantesimo, la sua ossessione. Un angelo dai capelli neri, questo è per Styx, Salomé o meglio Mae. 
Mae sarà per Styx la sua numero 3, perché Styx, cosa davvero insolita per un leader, si esprime con la lingua dei gesti. Troppo imbarazzato dalla sua balbuzia decide di non parlare più tranne che davanti a suo padre, il suo braccio destro e ora per la prima volta con questa misteriosa bambina, che lo guarda in silenzio e con curiosità come se uscisse da un altro mondo.

Mae è cresciuta da sempre dentro la comunità, un luogo sperduto, nascosto agli occhi della gente tra la vegetazione più fitta. Il loro capo è il profeta David, un santone venerato dalla comunità che distorce la Bibbia a suo piacimento, dove vige il più vile e stretto dei patriarcati. Alcune donne, le più belle della comunità vengono etichettate come Syn, peccato, e isolate oltre che torturate perché colpevoli di tentare gli uomini con la loro bellezza. Una setta che sfrutta le donne non solo come serve ma anche come schiave sessuali a partire dalla giovane età, e qui ci vuole uno stomaco bello forte per estraniarsi da tutto ciò e passare sopra al fatto che vengano iniziate a soli 8 anni... Mae è dal compimento del suo ottavo compleanno che viene a conoscenza della profezia che la colpisce come la peggiore delle maledizioni. Ai suoi 23 anni sarà data in sposa al profeta David per liberare la comunità dal peccato originale, questa è la visione che si è inventato quel vecchio pazzo visionario pedofilo, diciamolo chiaramente. Fortunatamente la nostra protagonista non è una donna che si piange addosso, vittima dei sensi di colpa, che si lascia abbindolare da queste farneticazioni. Sarà proprio il giorno delle sue nozze che, essendo lasciata sola e con tutti impegnati con i preparatevi, troverà il coraggio di correre e tentare una via di fuga oltre la recinzione. Riuscirà a scappare per un pelo, ferendosi in modo grave. Sarà proprio in stato moribondo che perderà i sensi davanti alla sede del club, dopo la sua estenuante fuga.

Basterà uno sguardo alla ragazza priva di sensi per riportare Styx indietro nel tempo con la memoria a quella bambina che da 15 anni infesta i suoi sogni a tal punto da pensare di essersela sognata, per anni è tornato in quel luogo cercando di ritrovare la recinzione senza mai riuscirci. Eppure non potrebbe mai scordare quegli occhi di lupo. Accoglierà Mae sotto la sua ala protettrice, davanti agli occhi increduli di tutto il club del quale è diventato, nel frattempo, il capo. Mae è una ragazza fuori dal comune, cresciuta come sotto una campana di vetro, non ha mai visto il mondo al di fuori della comunità, è una ragazza ingenua e timorata di Dio, che non ha niente a che vedere in un luogo del genere.

Entrambi in questi anni hanno pensato l'uno all'altra chiedendosi come fossero diventati nel tempo. Styx agli occhi di Mae, con la sua corporatura maestose e i tatuaggi appare come il diavolo in persona, eppure Styx è buono e protettivo nei confronti di Mae, l'unico che in tutta la sua vita le abbia mostrato gentilezza, con lui si sente al sicuro e amata. Mae per Styx appare come l'angelo che ha sognato per tutta la vita, la rabbia e l'impotenza per le cose che ha subito lo portano a essere ancora più protettivo nei suoi confronti, la desidera potentemente ma quel che ha vissuto gli fa capire che lei merita di più e che lui non è l'uomo giusto. Nelle sue mani scorre il sangue di tanti uomini e non ha intenzione di fermarsi per difendere ciò che riguarda il club e la gente che ama. 

Styx è l'antieroe, il motociclista più sexy, crudele, dal cuore d'oro che abbia mai visto. Un controsenso che lo rendono unico. Una storia insolita e fuori dal comune contornata da colpi di scena continui e riminiscenze del passato che aggiungono tasselli alla storia. Un racconto che lascia col fiato sospeso in balia degli eventi. Un misto tra lo shock e un amore viscerale, tanto da far male. Ogni personaggio ha la sua giusta collocazione, tanto da affezionarsi a ogni componente del club e desiderare per ognuno di loro una storia. Persino per colui che mi ha fatta inveire dalla rabbia. 

"Off-limits. Avete capito tutti? È sotto la mia protezione e non sono cazzi di nessuno. Se uno di voi si avvicina a lei, lo ammazzo. È una promessa."


Mae nonostante le atrocità subito e la sua ingenuità è una guerriera e porta dentro un amore indissolubile. Un animo sensibile che riesce ad andare oltre al plagio, facendo da sola le ricerche e scoprendo le verità che le sono state nasconde e raggirate negli anni. Ma nonostante tutto non abbandona la sua gente, le sue sorelle, e quando verrà riportata indietro al suo terribile destino sarà un vero tuffo al cuore e un'ansia indescrivibile dimostrando che la Tillie resta sempre una brava dispensatrice di angoscia :P

"Ho avuto un unico sogno dall'età di otto anni, Styx, e quel sogno sei tu. 
Tu mi hai rubato il cuore quindici anni fa e ancora non me l'hai restituito". 

Un libro non per tutti i palati ma per coloro che amano il dark, i romanzi a tinte forti per non dire noir, un romanzo rude fatto di situazioni ed eventi difficili da digerire, condito da un linguaggio rozzo e sconcio, come è giusto che sia vista l'ambientazione ma bilanciato anche da una storia d'amore che va oltre ogni atrocità.

Ma non voglio andare avanti per timore di spoilerare troppo, voglio lasciarvi con il piacere di leggere questo libro con ogni sua sensazione.

Erroneamente credevo fosse una trilogia o una serie, invece con piacere scopro che sono autoconclusivi, tutti con protagonisti diversi, perciò il libro non vi lascerà in sospeso ma avrete il finale tanto atteso, non mi resta che augurarvi buona lettura.



A presto.

Rxxx

Commenti

Post popolari in questo blog

RECENSIONE - "Io sono mio fratello" di Giorgio Panariello

RECENSIONE - "A un millimetro di cuore" di Massimo Bisotti

RECENSIONE IN ANTEPRIMA - "Io non ti lascio solo" di Gianluca Antoni