RECENSIONE - "Bad sugar" di Estelle Hunt

TITOLO: Bad sugar
AUTRICE: Estelle Hunt
EDITORE: self publishing
GENERE: Forbidden, second chance, Retelling di Hansel e Gretel
TROPE DI RIFERIMENTO: first love, angst, hate to love, music romance
DATA DI PUBBLICAZIONE: 19/05/2023
PAGINE: 300
PREZZO e-Book: 2,99 €
PREZZO CARTACEO: 14 € flessibile, 18 € rigida
SERIE: The Blackwood Castle Series - RECENSIONI.

#1 Wolf's Kiss 
#2 Prince of Ice 
#3 Secret Wishes 
#4 The Hunter
#5 The wonderment
#6 Cinders flame 
#7 Bad sugar - Order
A volte vale la pena perdersi nel bosco per scoprire cosa nasconde la sua oscurità.

Margaret ha solo otto anni quando conosce John ed è odio a prima vista. È convinta che quel ragazzino dagli occhi scuri e rabbiosi voglia rubarle il padre, ma non passa molto tempo prima che il disprezzo si trasformi in amicizia. Con il trascorrere degli anni il loro rapporto perde l’innocenza dell’infanzia. John rovescia tutto il suo mondo e le fa conoscere l’amore, fino al giorno in cui Margaret è costretta a spezzare il proprio cuore e quello di lui, pur di allontanarlo da sé.
Ora John è tornato, ma del ragazzo di un tempo non è rimasto più nulla.

È impossibile dimenticare il primo amore.
Sono trascorsi cinque anni da quando Margaret gli ha rivelato la sua natura fredda e calcolatrice e, da allora, la vita di John non è stata più la stessa. Sguardo tenebroso, tatuaggi che sporcano la pelle e un odio viscerale verso l’aristocrazia, è diventato una rockstar celebre in tutto il mondo. Possiede fama, potere, donne eppure solo una cosa gli importa per davvero: vendicarsi di tutto il male subito da parte di Margaret e dei Lennox. Ciò che non ha messo in conto è un sentimento mai sopito, pronto a esplodere nell’attimo stesso in cui i loro corpi tornano a sfiorarsi.

Lui vuole giustizia e per ottenerla sarà disposto a rinunciare a tutto.
Lei non ha mai smesso di amarlo, ma dovrà scegliere tra John e la sua famiglia.
E qualunque decisione prenderà sarà quella sbagliata.

Bad Sugar è il settimo e ultimo volume della Blackwood Castle Series, composta da 7 libri autoconclusivi.
Ogni singola storia riguarda la rivisitazione in chiave moderna di una tra le fiabe più amate.
La lettura dei romanzi è autonoma e indipendente da quella degli altri volumi, precedenti o successivi.

Buongiorno a tutti,
Vi parlo del settimo e ultimo volume the blackwood castle series, si tratta del retelling di Hansel e Gretel, Bad sugardi Estelle Hunt.

Probabilmente tutti noi abbiamo avuto modo di conoscere la favola di Hansel e Gretel che mette in evidenza la figura femminile come negativa, attraverso le figure della matrigna e della strega.
In un certo senso anche questa versione ha la sua strega, ma non aspettatevi il pentolone per la cena.
Nei precedenti volumi si è vista la figura di Margaret come algida, con trucco e parrucco sempre perfetti e vestita in modo sfavillante. Questo libro ci mostra il dietro alle quinte, cosa racchiude nel cuore e quanto l'apparenza sia spesso lontana dalla realtà. Una figura femminile che non lascia indifferenti e con cui trovare dei punti in comune nel modo in cui si affrontano le avversità della vita. 

Di John abbiamo avuto giusto fugaci apparizioni che hanno lasciato più domande che risposte. Questa rockstar ai vertici delle classifiche e che sta raccogliendo il favore del pubblico, cosa ha in comune con i Lennox? È lui a svelare i dettagli del rapporto e a spiegare il piano della vendetta che vedrà gli antagonisti prostrati ai suoi piedi. Tenebroso, affascinante, nella musica riversa tutto il suo dolore e la rabbia che si trasforma in successo che però non riesce a dargli il riscatto a cui anela.

Margaret e John hanno in comune la famiglia. Sono cresciuti insieme e i sentimenti sono mutati giorno dopo giorno fino a diventare irrazionali e ingovernabili. Passione e desiderio si scontrano con regole e morale almeno finché all'equazione non si aggiunge il fattore X: il tradimento che rimescola le carte e porta a galla il risentimento.

CONSIDERAZIONI

Nella versione originale della favola c'è molta cattiveria e ambiguità, fermatevi un attimo e pensate alla versione originale: abbandono, tradimento, raggiri e morte. Fortunatamente la censura è arrivata solo di recente o la mia infanzia non sarebbe stata per nulla dark.
Estelle Hunter ha inserito tutti questi elementi e li ha amalgamati in un modo geniale. La storia mi ha subito attirata e portata a fare molte congetture. Se inizio un libro del genere forbidden, accetto le scelte dell'autrice e cerco di comprendere le ragioni dei personaggi. In questo caso non ho fato fatica perché il percorso è stato studiato nel dettaglio. 
I personaggi sono ben caratterizzati e riescono a dare al lettore il loro cuore perché si mettono a nudo.

La narrazione passa tra il passato e il presente, si ha modo di conoscere la dolcezza di un sentimento che sboccia, la lotta per non cedere al desiderio e il dolore di perdere ciò che di bello si era conquistato. A fare da spalla ai protagonisti ci sono tutti i Lennox già conosciuti e nuovi personaggi, tutti importanti ai fini della storia.
Non aspettatevi un libro semplice e senza scossoni perché l'autrice non ha lesinato né con i colpi di scena, né con i colpi alla morale.
Faccio i miei complimenti a Estelle Hunt per aver osato e non aver scelto la strada più scontata e facile.

Mi rendo conto che non sia una lettura facile e adatta a tutti, soprattutto se non si è disposti a scardinare i preconcetti della moralità. Ricordate che è un forbidden e,  per me, questa è la rappresentazione più fedele del genere.

La serie è giunta alla fine e dopo aver letto tutti i volumi avrei voglia di approfondire la conoscenza con alcuni personaggi secondari, chissà che questo gruppo di autrici non ci riservi altro, mi auguro in un futuro non troppo lontano

Buona lettura!
Monica S.




Commenti

Post popolari in questo blog

RECENSIONE "Deviant" di Ellie B. Luin

REVIEW TOUR - RECENSIONE "Jaded" di Robin C.

RECENSIONE - Il narratore di storie, di Rita Nardi

RECENSIONE - La sposa gitana, di Carmen Mola

RECENSIONE - La piccinina, di Silvia Montemurro