REVIEW PARTY - RECENSIONE "Red London" di Simona Vilas


 
TITOLO:  RED LONDON
AUTRICE: Simona Vilas
EDITORE: self publishing
GENERE: contemporary romance
PREZZO EBOOK: € 0,99
PREZZO CARTACEO: € 12,90
DATA DI USCITA: 2 febbraio 2023
SERIE: autoconclusivo

Cosa succede quando la vita ti mette di fronte a una scelta?
Eva è felice. Ha tutto. Eppure sente di avere dei conti in sospeso con il passato.
Un tempo è stata travolta dalla fama, ha vissuto a Londra e - soprattutto - ha avuto una storia intensa e profonda con William.
Ma la loro favola l'ha ferita ed è stata costretta a fuggire via.
A ricominciare da capo, in Italia, con Paolo. Grazie al suo amore e alla sua vicinanza ha rimesso insieme i pezzi, ha voltato pagina ed è diventata una persona diversa.
Ma si può davvero iniziare un nuovo capitolo, se non si è chiuso quello precedente?
Una storia che parla di seconde occasioni e di sentimenti brucianti, di una donna divisa tra i ricordi e il presente, ambientata in una Londra indimenticabile.

SECOND CHANCE
FIRST LOVE
TRIANGOLO AMOROSO
LONDRA
Autrice, lettrice, lavoratrice, moglie, mamma… in ordine di priorità inverso!
Da sempre amo lasciarmi cullare dalle pagine dei libri romantici, impagabile fonte di svago ed evasione. Una medicina che consiglio vivamente a tutti, quando la vita grida leggerezza.
Viaggiare in un mondo sconosciuto, accendere un sogno magico: questo è sfogliare un nuovo libro.
Il miglior modo di volersi bene.
Buongiorno chiacchierine e bentornate sul blog. In occasione del review party organizzato da Amori al Peperoncino ho avuto l’opportunità di leggere il romanzo di Simona Vilas, “Red London”.

Eva e Paolo sono sposati da due anni, quando vengono invitati al battesimo della figlia di Corinne e Steve, due amici di Eva conosciuti durante una vacanza studio a Londra. Qui arriverà a sorpresa William, il primo grande amore di Eva.

Un amore intenso e profondo, una storia d’amore importante destinata a durare a lungo, ma a causa di un successo arrivato all’improvviso e della fama che li ha travolti, fa sì che Eva, con un carattere molto riservato e poco incline a quello stile di vita, inizi a sentirsi male tanto da spingerla ad allontanarsi definitivamente da William.

Paolo, per la prima volta da quando sta con Eva, si sente minacciato. Ora c’è lui nella vita di Eva, si sono sposati, ma nel cuore di Eva c’è ancora William? Eva non ha mai chiuso davvero con il passato e adesso forse è arrivato il momento della resa dei conti.

“Il passato è passato. Quante volte lo avrà ripetuto mio marito, parlando per sé? Non lasciamo che ci disturbi più di tanto, considerato che non c’è più, è andato spesso ripetendo. Può ben valere per lui. Ma io? Quel volto torna periodicamente a fissarmi da cartelloni pubblicitari, web e giornali, come faccio a ignorarlo?”

Eva si troverà a fare i conti con il passato, a chiudere un cerchio che anni prima aveva lasciato aperto, e cercare di capire se nella vita esiste un unico vero grande amore o se si può amare più di una volta.

Considerazioni

Un triangolo amoroso, un primo amore importante che non si è mai del tutto dimenticato, un amore attuale nel quale si è felici anche se con qualche ombra… Fino alla fine non si sa chi scegliere, e non si riesce a intuire la scelta della protagonista.

In un’alternanza tra passato e presente, l’autrice ci racconta le due storie d’amore di Eva, quella con William a soli diciotto anni, e quella con Paolo che l’ha fatta innamorare di nuovo, proprio quando pensava che il suo cuore non potesse più battere per nessuno.

Dal punto di vista tecnico i pov sono tre, in prima persona, e sono alternati tra passato e presente, questo fa sì che il lettore abbia un’ampia visione della storia e di quanto è accaduto, anche se all’inizio ha rallentato un po’ la lettura.

Ho apprezzato la trama originale di questo romanzo e il finale non scontato. Un libro consigliato a chi vuole leggere una storia d’amore diversa dal solito.

Buona lettura.
Alessia

Commenti

Post popolari in questo blog

REVIEW TOUR - RECENSIONE "Jaded" di Robin C.

RECENSIONE "Deviant" di Ellie B. Luin

RECENSIONE - Il narratore di storie, di Rita Nardi