RECENSIONE - "Prenditi cura di me" di P. Sky Hope

Titolo: Prenditi cura di me
Autore: P.Sky Hope
Editore: self-publishing
Genere: Contemporary romance
Prezzo e-book: € 1,99
Data di pubblicazione: 24 agosto 2020
Pagine: 455
Serie: The second possibilities trilogy vol. 3 (autoconclusivo)



Leila Baker ha sempre saputo che le favole non esistono, ma nonostante ciò, non ha mai smesso di sperare che un giorno il suo principe azzurro corresse da lei per salvarla da una vita infelice.
Max è tutto, tranne che un principe azzurro.
Lui è oscuro e se dovesse collocarlo in questa storia, sarebbe decisamente il cattivo.
Un gentiluomo oscuro per l’esattezza.
Ossessionato da un passato che non riesce a dimenticare. Un passato che lo ha costretto a diventare l’uomo impenetrabile che è.
Un passato che finirà per scontrarsi con il suo futuro, di cui Leila ne fa parte.
Leila non conosce la parola: felicità.
Sin da piccola ha imparato a cavarsela da sola, portandosi dietro un carico di sofferenze.
È una ragazza timida, buona d’animo ma con una forza interiore da vendere.
Lei sa cosa significa amare, ma non sa cosa si prova a essere amata.
Lui non sa come sia l’amore, ma ne conosce la sofferenza.
Hanno una cosa in comune.
Entrambi sono disposti a sacrificare tutto per le persone che amano.
Ma Max è un muro invalicabile.
Riuscirà Leila a oltrepassare quel muro? O finirà schiacciata sotto il peso delle macerie?

Dietro allo pseudonimo P. Sky Hope si nasconde una semplice ventiquattrenne casertana, che ha la passione per la lettura da sempre. Fin da piccola ogni momento le sembrava quello giusto per leggere, e a oggi è ancora così. Ha frequentato l’istituto Professionale di Arte e Moda, ma ha sempre saputo che quella non era la sua strada. Oltre allo scrivere la sua seconda passione è la musica, di fatto, ascoltare musica la aiuta a mettere su carta le sue emozioni. I generi che legge spaziano tra Dark Romance, Erotico e Fantasy, ma nello scrivere predilige molto i Romance. La frase che l’ha spinta a scrivere il suo primo libro è “Riuscirai sempre a trovarmi nelle tue parole, è là che vivrò” citazione di “Storia di una ladra di libri”. Così nasce il suo primo romanzo, intitolato “Incomplete” ( The Feeling Series).Lei pensa che tutti abbiano bisogno di un posto sicuro dove rifugiarsi. Per lei, i libri sono il suo posto sicuro. La sua speranza è quella di riuscire a emozionare i suoi lettori e di riuscire a occupare un piccolo posticino nel loro cuore.


Buongiorno librosi, bentornati sul blog. Oggi vi parlo dell’ultimo volume della serie “The second possibilities trilogy” di P.Sky Hope intitolato “Prenditi cura di me”.
I protagonisti di questa storia sono Leila e Max. Leila è una ragazza giovane di soli ventuno anni, ma che fin da piccola ha dovuto far fronte alla sofferenza, con la morte della madre infatti si ritrova in un orfanotrofio, dove tutto quello che riceve è violenza gratuita e cattiveria. Appena maggiorenne scappa da quella che considera una prigione con la speranza di un futuro migliore e, nonostante sia consapevole che le favole non esistono, di incontrare il suo principe azzurro.
Arrivata a New York, riesce finalmente a trovare lavoro in una caffetteria. Abituata a non ricevere mai una parola gentile e in generale nulla dalla vita, si accontenta del suo lavoro, nonostante i brutti modi del suo capo, e del piccolo appartamento in cui vive.
Finché un giorno non si scontra con Max.

“Max Evans è oscurità, lussuria, peccato, e potrei continuare all’infinito. Max Evans è potere. Un uomo che potrebbe schiacciare chiunque se solo volesse. Un uomo che non si fa scrupoli per arrivare a ciò che vuole. Ma Max è anche altruista, protettivo, gentiluomo. Io lo chiamo gentiluomo oscuro. E no, lui non è il principe azzurro della mia favola. Lui, lui non è decisamente l’opposto. Non volevo innamorarmi di lui.”

Max è un uomo ricco e potente, proprietario di un locale alla moda, ma con un passato misterioso che l’ha reso pieno di rancore. Vive con il solo desiderio di vendetta verso chi in passato l’ha fatto soffrire. Convinto di amare una donna, verso la quale prova una vera e propria ossessione, non ha relazioni sentimentali ma solo delle avventure di una notte con donne che assomigliano alla donna che lo ossessiona.
I suoi sentimenti verso Leila sono diversi da quelli che prova per le altre donne. Ha nei suoi confronti un profondo senso da protezione, ma anche un’attrazione che fatica a gestire, tanto che quando si rende conto dei sentimenti che la ragazza prova per lui, sarà disposto a ferirla pur di allontanarla.

“Mi dispiace, Leila, non saresti dovuta venire. Io sono qui per Olivia e l’avrò a qualunque costo. Anche se il prezzo dovesse essere il tuo cuore spezzato:”

Ma allontanare Leila sarà la cosa giusta? Quella che la metterà al sicuro? Non vi voglio svelare nulla di più, lasciandovi scoprire se Leila e Max si ritroveranno e riusciranno ad avere la loro favola a lieto fine.

Considerazioni

Pur essendo il terzo volume di una serie, il romanzo è leggibile anche se non si sono letti i precedenti. La trama è incentrata principalmente su Leila, che come le protagoniste dei precedenti libri, ha avuto fin dall’infanzia un bagaglio di sofferenza non indifferente. La storia tratta di temi molto delicati, come la violenza sulle donne e lo stupro, in modo non troppo approfondito.
Con il personaggio di Max sono entrata poco in sintonia e mi ha convinto di meno, soprattutto per un utilizzo della violenza come metodo per proteggere Leila, che mi è sembrato eccessivo. Sono presenti inoltre molte scene di sesso molto esplicite, che in alcuni momenti mi hanno infastidita.
Ho apprezzato invece, l'amicizia tra Leila e Lily, anche se i momenti tra di loro non hanno avuto molto spazio.
La storia è raccontata in prima persona e si alternano i punti di vista dei due protagonisti. Lo stile è fluido e scorrevole, si legge velocemente, nonostante il romanzo sia piuttosto lungo. Alcuni passaggi però risultano leggermente surreali.
Consiglio questo libro a chi ha già letto gli altri due, dove ritroveranno i protagonisti conosciuti nei precedenti romanzi e in generale a chi è in cerca di una storia di una storia d’amore non semplice e con tematiche forti.

Buona lettura.

Commenti

Post popolari in questo blog

RECENSIONE - "Io sono mio fratello" di Giorgio Panariello

RECENSIONE - "A un millimetro di cuore" di Massimo Bisotti

RECENSIONE IN ANTEPRIMA - "Io non ti lascio solo" di Gianluca Antoni