RECENSIONE - "Coraggio" di Soren Paul Petrek

Titolo: Coraggio 
Titolo originale: Courage 
Autrice: Soren Paul Petrek 
Traduttrici: Tiziana Marzano e Barbara Cinelli 
Editore: Nua edizioni
Genere: Thriller Storico, Guerra 
Prezzo Ebook: € 4,99 
Prezzo cartaceo: € 15,00
Pagine: 250 
Serie: Madeleine Toche #1

Il romanzo è "Coraggio", di Soren Paul Petrek, un thriller storico ispirato alla storia di una giovane donna belga che ha aiutato molti bambini ebrei a fuggire dalla persecuzione nazista. Una volta giunta al fronte, Madeleine Toche scopre che suo fratello è stato ferito a morte durante l'attacco lampo condotto dai tedeschi contro la Francia, all'inizio della Seconda guerra mondiale. La morte del fratello e lo stupro subito per mano di uno soldato delle SS alimentano il suo desiderio di vendetta e conducono Madeleine su un sentiero fatto di morte e violenza. 

Buongiorno a tutti,
oggi vi parlo di una lettura personale: "Coraggio" di Soren Paul Petrek, tradotto e pubblicato da Nua edizioni.
L'ambientazione è quella della seconda guerra mondiale e la linea temporale va da maggio 1940 a giugno 1944. L'autore ci porta nei luoghi salienti della guerra: Stati, paesi e punti strategici dove venivano decise le sorti di soldati e civili.
I punti cardine sono gli uffici delle alte cariche dove le alleanze venivano fatte e sciolte con una leggerezza allarmante. L'interesse personale a guidar tutto e alcune manovre attuate per il bene comune.
Amicizie decennali vengono meno quando gli interessi personali prendono il sopravvento; allo stesso modo nemici giurati creano alleanze quando questo sembra l'unico modo per arginare danni.

"Le sue viscere divennero di ghiaccio nel ricordare le urla dei bambini di Oradour. I loro fantasmi cercavano vendetta, e quello era solo l’inizio."

In un delirio di onnipotenza e di prevaricazione, la vita di Madeleine viene stravolta da due eventi nefasti: la morte del fratello gemello e lo stupro da parte di un nazista.
Questi due fatti la portano alla consapevolezza che non può e non vuole stare a guardare mentre persone indifese vengono uccise e torturate.
Da donna che sfugge dalle occhiate per il suo aspetto florido, si trasforma nell'incubo peggiore che un uomo possa avere.

"Lei aveva solo se stessa e il suo coraggio, freddo e solitario."

Potrei parlarvi della forza di una donna che prende in mano la sua vita, ma coraggio non è solo questo. Petrek ha dato vita a un romanzo carico di intrighi e suspense. Certo lo ha fatto con un pezzo di storia tra la più tragica dell'umanità, ma a questo ha dato uno spessore inaspettato anche grazie al punto di osservazione che dà al lettore, portandolo nelle stanze dei bottoni oltre che nei campi di battaglia. 
I personaggi presenti sono tra i più disparati, alcuni reali e altri di fantasia, ognuno con la propria personalità e le caratterizzazioni che li rendono unici. Brutalità e coraggio si fronteggiano dando vita a scene che fanno trattenere il fiato. Non ci viene risparmiato nulla e in certi momenti ho faticato a proseguire nella lettura.

"Stavolta me la sono vista brutta... 
Deve esserci un angelo custode che mi sta guardando. 
Sorrise per l’ironia della situazione."

In tutto ciò le donne che da sorelle, figlie, madri e mogli si trasformano in soldati per un'ideale in cui credono: la salvezza delle anime innocenti. Madeleine è una di queste impavide che assume sulle proprie spalle un peso enorme che rischierà di schiacciarla. La solitudine è il prezzo che deve pagare per le sue azioni, ma nonostante questo non perde la sua anima, il desiderio di essere viva e poter tornare alla vita  che aveva prima della guerra. Una missione, la sua, a cui non si sottrae mai neppure quando le emozioni cercano di sopraffarla. Un'eroina o una fredda assassina? dovrete leggere il libro per poterlo decidere voi stessi.

«Capitano, sa perché le donne sono assassine così competenti?» «No.» «Perché hanno una rabbia maggiore rispetto agli uomini e sanno come usarla.»

Mi è difficile pensare che un romanzo così complesso e ben costruito sia la prima pubblicazione dell'autore che, davvero, mi ha trasportato nella storia a fianco ai personaggi che ha creato. Come lui stesso specifica: il romanzo intreccia tappe salienti e persone reali a fatti e personaggi di fantasia.
La narrazione è in terza persona al passato, i vari capitoli ci portano in giro per il mondo e in situazioni differenti, ma alla fine è un grande mosaico che si compone tassello dopo tassello.
La traduzione è perfetta e questo permette una lettura scorrevole oltre che coinvolgente. Il file che ho acquistato da Amazon presenta giusto un paio di sviste che però non inficiano la lettura. Per tutto ciò faccio i miei complimenti ad autore e casa editrice.
Se amate i thriller e gli storici questo è un libro che dovete assolutamente leggere.
Io non vedo l'ora di leggere i prossimi capitoli per scoprire in quali altri scenari sarà coinvolta Madeleine.

Buona lettura!
Monica S.

Commenti

Post popolari in questo blog

RECENSIONE - "Io sono mio fratello" di Giorgio Panariello

RECENSIONE IN ANTEPRIMA - "Io non ti lascio solo" di Gianluca Antoni

RECENSIONE IN ANTEPRIMA - "Le parole che ho trovato per te" di Alessio Tavino