RECENSIONE "Unstoppable" di Irene LeGentil

Titolo: Unstoppable
Autore: Irene LeGentil
Editore: self pubblishing
Genere: Romanzo contemporaneo
Prezzo e-book: € 1,99 - KU
Prezzo cartaceo: € 12,99
Data pubblicazione: 11 febbraio 2021

ORDER


Alana Walker è la ginnasta migliore d'America. O almeno così credeva prima di cadere, infortunandosi e bruciando la sua possibilità di diventare Campionessa Nazionale. Lolita è una spogliarellista, sensuale e misteriosa. Ogni sera lavora al locale Venus per arrivare a fine mese, ammaliando ogni uomo che posa lo sguardo su di lei. Derrick Knight, affascinante e donnaiolo, è uno dei migliori atleti del mondo, ma è scostante, sia nella ginnastica che nell'amore. Tutti nascondono dei segreti e le loro vite verranno sconvolte quando si incontreranno, un intreccio pericoloso che li porterà ad affrontare i loro demoni e mettere a rischio i loro sogni... Riuscirà Derrick a scalfire la barriera di ghiaccio che Alana ha eretto intorno al suo cuore? Lolita sfuggirà alle grinfie del suo capo, il pericoloso Ramsey? I loro segreti rimarranno al sicuro?


Cari lettori, ho letto per voi un romance dal titolo Unstoppable, scritto da Irene LeGentil. La protagonista è Alana, una campionessa di ginnastica artistica. Il suo sogno è vincere i Nazionali, ma purtroppo una brutta caduta le fa perdere il titolo. Nonostante la bruciante sconfitta e i problemi famigliari, non si risparmia negli allenamenti ed è determinata a vincere il prossimo anno.

“Devo trovare l’equilibrio, a volte spingo troppo, a volte troppo poco. L’equilibrio è tutto e io lo sto perdendo, non solo nella ginnastica.”

Lolita è una ragazza che per tirate avanti balla la pole dance in un night club. Il lavoro non le dispiacerebbe così tanto, se non fosse per il viscido capo, Ramsey, che tenta di avvicinarsi a lei in modi assai poco opportuni.

Presto entra in scena Derrick, un campione di ginnastica che intreccerà le strade di Alana e Lolita.

La trama sembrava abbastanza avvincente, mentre poi alla lettura non ho trovato tutto il mistero che era stato promesso. Purtroppo si intuisce già lo svolgimento dalle prime pagine, quindi per me non c’è stato nessun colpo di scena. 

Nonostante sia stata una lettura scorrevole e piacevole, anche se con qualche refuso, ho trovato poca originalità e poco approfonditi i personaggi. Quello di Alana è sicuramente quello più interessante e la narrazione in prima persona aiuta a creare una connessione con il lettore, ma può essere anche rischiosa perché mette in ombra tutto il resto. Lo sport è molto centrale in questo romance e fa da pilastro, aggiungendo quel qualcosa in più che stimola la curiosità.

Sicuramente è una lettura che può piacere, quindi la consiglio agli amanti dei romance.

Il mio giudizio complessivo è 3/5.

Buona lettura.



Commenti

Post popolari in questo blog

RECENSIONE - "Io sono mio fratello" di Giorgio Panariello

RECENSIONE IN ANTEPRIMA - "Io non ti lascio solo" di Gianluca Antoni

RECENSIONE IN ANTEPRIMA - "Le parole che ho trovato per te" di Alessio Tavino