REVIEW PARTY - RECENSIONE - "Ruthless" di Debora C. Tepes

Titolo: Ruthless
Autore: Debora C. Tepes
Editore: Self
Genere: Sport Romance
Prezzo ebook: 2,99
Data pubblicazione: 16/04/2021
Serie: Autoconclusivo



Jason
Sono cresciuto nel ghetto, tra le risse e le sparatorie. Ho visto la morte in faccia, troppe volte. Sul ring e nel sesso sporco tiro fuori la mia rabbia. Senza legami, senza sentimenti. Mi chiamano Ruthless, lo spietato. Non mi piegherò per nessuno, non farò entrare nessuno nella mia vita. Non permetterò a nessuno di infilarsi sotto pelle, di confondermi pensieri. Soprattutto, non lo permetterò a lei. Eppure il suo solo pensiero mi infiamma il petto.
Ariana
La mia vita sembra perfetta, ma solo io conosco la verità. Il mio sogno è stato distrutto per sempre. Il passato non mi lascia andare. Nessuno può davvero leggermi dentro, oltre i miei abiti costosi e la mia pelle bianca. Nessuno tranne lui, Jason. Lui che mi terrorizza con quello sguardo che è una notte senza stelle. Lui che mi incendia come nessun altro può fare. Lui che non potrà mai essere mio.  


“Tu chiamale se vuoi, emozioni!”. Mie care amiche librose, sono queste le parole che mi gironzolano nella testa dopo aver letto questo meraviglioso Sport Romance della nostra autrice Debora C. Tepes: “Ruthless”.

Mia cara Debora, hai scritto un libro troppo emozionate. Le mie 5 stelle sono davvero sentite! Ho apprezzato subito il progetto grafico che secondo il mio parere da un valore aggiunto allo scritto, in quanto guardando la copertina, vedo i colori e l'immagine e mi torna in mente a tutti gli effetti il personaggio maschile: Jason. Non mi capita continuamente di leggere un libro e immaginarmi effettivamente un volto o un corpo oppure un modo di camminare, ma il mio Jason immaginario è davvero un qualcosa di spettacolare con le sue treccine e i suoi muscoli. Durante la lettura, ho sentito e assorbito tutte le emozioni di questo ragazzo, ho percepito la sua rabbia, la sua sofferenza, la sua voglia di riscatto e il suo amore per la vita. Jason rappresenta al mondo d'oggi quel ragazzo di quartiere che dopo averne passate tante, cerca con tutte le sue forze il modo per poter uscire dal tunnel della povertà e della disperazione. È un ragazzo che sicuramente ha dei valori e delle responsabilità e lo si può comprendere subito leggendo del suo amore per la nonna unica figura per lui ormai orfano di madre e di padre. Un personaggio secondario di notevole importanza che ha sicuramente influito in maniera positiva questo romanzo. Del resto quando di mezzo c'è una nonna, non può esserci altro che amore e dolcezza. 

Jason incarna il perfetto antieroe. Rude, scontroso, violento. Un uomo che porta solo guai. Eppure, c'è qualcosa in lui che catalizza la mia attenzione, rendendomi vulnerabile. Rendendomi come fiocco di neve al sole di mezzogiorno.

Quando nella vita di questa umile famiglia entra a far parte in punta di piedi il nostro personaggio femminile Ariana, ricca ragazza di uno dei quartieri più chic della città, tutto pian piano nella loro quotidianità acquisisce un tocco di colore. Ariana è una bravissima infermiera costretta ad una vita che non le appartiene. Dopo aver affrontato un grande ostacolo, si ritrova a dover fare i conti con la sua carriera distrutta e con una famiglia che sembra totalmente indifferente ai suoi continui richiami di attenzioni e di affetto. Si sente in una gabbia dorata e lotta con le unghie e con i denti per liberarsi e tornare a vivere a suo piacere senza costrizioni e senza sofferenza. Si sentirà finalmente a casa, accolta e coccolata, solo quando a causa di un lavoro domiciliare, si ritroverà a dover assistere la nonnina di Jason. È in quella circostanza che i due si incontrano. Tra loro comincia un tormentato gioco di odio e amore. Jason tenta in tutti i modo di impaurire, infastidire ma soprattutto di tenere lontana Ariana dal suo cuore. Ma come ci capita spesso di dire o di pensare, “ al cuor non si comanda”. La ragazza poi con la sua caparbietà e determinazione sarà in grado di abbattere il muro fino a quel momento invalicabile che Jason ha innalzato attorno al suo cuore. Ariana con la sua semplicità, dolcezza e amorevolezza, sarà la bellissima condanna per quest'uomo dagli occhi profondi. La passione e la chimica tra i due è tangibile sin dai primi incontri, infatti ho avuto diverse volte un innalzamento di pressione già dai loro primi sguardi, tocchi e parole. Ho amato il cambiamento di Jason in relazione al sesso e tutte le sue sfumature e ho amato come Ariana è riuscita a far accadere tutto questo. Ho letteralmente fatto il tifo per loro, vivendo a pieno tutte le sensazioni contrastanti, le discussioni, e i giochi seducenti. Ho apprezzato molto il contrasto dei due mondi, le differenze non solo del colore della pelle, ma anche del ceto sociale, del modo di vivere e di tutto quello che ne consegue. Ho apprezzato tanto il messaggio che ho percepito dietro questo romanzo: l'amore può tutto nonostante tutto!. 
Avrei voluto continuare a leggere all'infinito Ruthless perché mi ha davvero preso e travolto. Debora è davvero una bravissima scrittrice. Grazie al doppio POV riesci ad immedesimarti non solo nel personaggio femminile, ma anche in quello maschile. Non posso non ringraziare l'autrice per aver introdotto nel libro due personaggi secondari Tyree, miglior amico del nostro bell'imbusto e Chenille sua ex ragazza completamente fuori controllo. 
Ho riso tanto nel leggere di questi due, perché Tyree mi ricorda i miei amici scemi, gli incurabili bambini, quelli che ti trascinano sempre in qualche guaio ma con i quali non riesci mai ad arrabbiarti e Chenille la classica ragazza psico che si auto-fidanza senza che il diretto interessato lo sappia ahahahahahah. Ho adorato troppo questi due davvero!
Concludo la mia recensione ringraziando Debora per questo libro che sicuramente avrà un posto speciale nel mio cuore e consiglio davvero a voi mie care amiche lettrici di leggere questo libro perché ne vale davvero la pena. 

Commenti

Post popolari in questo blog

RECENSIONE - "Io sono mio fratello" di Giorgio Panariello

RECENSIONE - "A un millimetro di cuore" di Massimo Bisotti

RECENSIONE IN ANTEPRIMA - "Io non ti lascio solo" di Gianluca Antoni