REVIEW PARTY - RECENSIONE - "Un cuore fantasma" di Alessandra Cigalino

Titolo: Un cuore fantasma

Autore: Alessandra Cigalino

Casa editrice: More Stories

Genere: Romantic suspense romance

Prezzo e-book: 2,99

Prezzo cartaceo: 9,99

Pagine: 196

Serie: S.P.Y. #3

ORDER


Ghost non esiste. Non ha più nessuno a questo mondo. È un genio dell’informatica e nessun computer può avere segreti per lei. Lei che, al contrario di tutte le giovani ragazze della sua età, non cura minimamente il suo aspetto e preferisce vivere nella realtà virtuale, tramite il suo avatar. E proprio grazie a questa sua invenzione un giorno viene reclutata dall’organizzazione segreta, di cui nessuno riesce a scoprire la base operativa. Nemmeno lei. Peter è uno dei migliori agenti speciali della «S.P.Y.». Grazie alle sue innovazioni tecnologiche, i suoi compagni si sentono sempre più protetti durante le missioni. Il suo desiderio più grande è quello di tornare operativo, ma prima deve affrontare la sfida personale con se stesso. Ma nessuna sfida è poi così grande se paragonata a quella in cui il cuore è chiamato a combattere. In questo terzo volume, Peter e Ghost riusciranno a trovare la password per sbloccare i loro cuori, combattendo così insieme le loro paure? Dopo “Gli occhi del tuo cuore” e “Un amore contro il tempo”, tornano le avventure degli agenti della S.P.Y. in un nuovo capitolo in cui amore e suspense vi terranno incollati allo schermo del reader. TERZO VOLUME DELLA SERIE S.P.Y. 



Buongiorno chiacchierine, sono tornata per parlarvi del terzo capitolo della serie S.P.Y., Un cuore fantasma, di Alessandra Cigalino, in uscita in questi giorni, editato da More Stories. 

Il protagonista di questo capitolo è Peter, che ferito gravemente durante una missione, non può essere pienamente operativo, ma grazie alle sue conoscenze informatiche e sulle nuove tecnologie, aiuta indirettamente i suoi compagni. 
Ghost, oltre a essere un vero e proprio genio informatico, è una ragazza fragile e insicura, che a causa della sofferenza di essere stata abbandonata quando era poco più di una bambina ha deciso di rifugiarsi nel mondo virtuale, non vuole tentare di avere una vita sociale per evitare di perdere ancora una volta chi ama. Se nella vita reale si soffre molto, invece, il mondo virtuale può rappresentare un rifugio sicuro, dimenticando che il rischio è quello di esserne risucchiati al punto tale da non mantenere il contatto con la realtà. Le sue capacità informatiche sono notate dalla S.P.Y. che la vuole nella sua organizzazione. Questo la porterà a entrare a far parte dell’organico, ma a modo suo: nessuno ha la possibilità di incontrarla, affiancherà gli agenti tramite il suo avatar, rimanendo così proprio come il suo nick, un fantasma. L’arrivo di Ghost alla S.P.Y suscita perplessità e sospetto tra gli agenti, in particolar modo in Peter, il quale vorrebbe collaborare con lei e si dimostra fin da subito ben disposto, cordiale, comprensivo e protettivo nei suoi confronti, Ghost al contrario cerca di allontanarlo in ogni modo, anche con modi duri e bruschi. Tanto più sente che le emozioni verso Peter la fanno stare bene, tanto più la paura di soffrire la fa scappare. Riuscirà ad abbattere le barriere che ha eretto per evitare di soffrire? 

“Sì… quel virus in grado di mandare in tilt il mio sistema operativo. Più mi stavi vicino e più creavi un effetto strano e mai avvertito prima in me. Mi sentivo così diversa. Mi pareva di stare così bene…ma non potevo permettermi di sentirmi in quel modo.”

Considerazioni 
L’autrice in questo nuovo capitolo ci parla di due personaggi più complessi, con un vissuto che li ha fortemente influenzati nei loro comportamenti. Entrambi i personaggi, ma soprattutto Ghost, percorrono un vero e proprio viaggio dentro loro stessi per riuscire a superare le loro paure e le loro insicurezze. In un primo momento la storia si incentra sulla conoscenza tra i due personaggi, per poi alternarsi con momenti di azione e momenti più romantici.  Un romanzo che si legge tutta d’un fiato, con uno stile semplice e il ritmo sostenuto, anche se la narrazione in terza persona, dal punto di vista di entrambi i protagonisti, rende la lettura un po’ meno coinvolgente. Una storia per chi ama, oltre al romanticismo, anche la suspense e l’azione, e crede che nella forza amore e dei sentimenti. 
Buona lettura. 

Commenti

Posta un commento

Post popolari in questo blog

RECENSIONE - "Io sono mio fratello" di Giorgio Panariello

RECENSIONE IN ANTEPRIMA - "Io non ti lascio solo" di Gianluca Antoni

RECENSIONE IN ANTEPRIMA - "Le parole che ho trovato per te" di Alessio Tavino