RECENSIONE - " STRANGER’S EYES – Non scherzare con il fuoco" di Lorena Nigro e Teresa DG

Titolo: STRANGER’S EYES – Non scherzare con il fuoco
Autore: Lorena Nigro – Teresa DG
Genere: Forbidden Passion
Volume: Auto conclusivo
Prezzo:  € 1,99
Uscita: 04 Novembre
Disponibile: Formato e-book e cartaceo su Amazon, disponibile anche su Kindle Unlimited
Editore: Collana Literary Romance (Pubme)


“Non posso amare mia sorella poiché va contro le regole della natura stessa e io non sono Dio per sovvertirle tutte, sono solo un povero diavolo.”

È lo sguardo di Kenneth Wright a trasmettere speranza ad Harper Foster. Uno sguardo però che brucia come le fiamme dell’inferno; non potrebbe essere altrimenti: lei è troppo giovane, lui già temprato dalla vita e niente potrebbe unirli a parte… un legame di sangue.
Pericoloso, proibito, disdicevole.
Kenneth sa che è sinonimo di un amore malato, depravato, disgustoso, desiderare la propria sorella, ma sa anche che è il rancore verso il padre a guidarlo. Il suo odio è più forte della passione per quella ragazzina dalla bocca sensuale.
Il problema è che Harper insiste nell’essere amata, a tutti i costi, ignara che Wright sia suo fratello.
Finché l’odio di Kenneth non diventa la miccia che accende una passione irrefrenabile…
Lorena Nigro e Teresa D.G ci consegnano la storia di un amore che, per quanto dissoluto, sembra l’unico possibile; un romanzo carico di passione e tensione erotica, che supera e abbatte i confini morali della “normalità”.
Attenzione: Non adatto a un pubblico sensibile.

Buongiorno Librosi, oggi vi parlo nel nuovo, scabroso e focoso libro di Lorena Nigro e Teresa DG.
Tratta un argomento spinoso, un tabù a 360° capace di far arrossire anche la più temeraria delle disinvolte! Indubbiamente uno di quei libri che quando si iniziano si devono necessariamente portare a termine, primo perché si vuole scoprire come andrà a finire e secondo perché è scritto in modo talmente scorrevole che le pagine scivolano via come foglie al vento.

Kenneth Wright è un vigile del fuoco, sexy, scorbutico e con degli occhi da lasciare qualsiasi donna ipnotizzata, ed è proprio quello che succede a Harper Foster durante un incidente stradale che la vede coinvolta, mentre crede di essere sul punto di morire sono proprio gli occhi di Kenneth a tenerla sveglia ed è la sua intensa voce a farla resistere fino all'arrivo dei soccorsi. Anche Kenneth subirà lo stesso fascino dalla ragazza, per la prima volta, rimarrà incantato dal suo dolce viso e il pensiero è talmente forte da portarlo a chiedere di lei in ospedale una volta finito il suo turno. Ed è proprio lì che scoprirà una terribile realtà. Quella ragazza che tanto lo ha ammaliato è proprio l'ultima persona al mondo con la quale vuole avere a che fare, il suo cognome è un macigno troppo grande per lui, rappresenta tutto ciò che ha odiato a morte per tutta la vita.

Le due autrici ci sveleranno subito dai primi due capitoli i retroscena di questo impedimento, non ci faranno penare oltre e subito verremo a scoprire che Harper e Kenneth sono figli dello stesso uomo, ma mentre Harper è cresciuta nella famiglia perfetta, Kenneth è invece la pietra dello scandalo colui che è stato nascosto e ignorato per 32 anni, sigillato da una firma su un contratto. Il Governatore Foster non lascia niente irrisolto che possa creargli uno scandalo ed è proprio con questa visione che Kenneth è cresciuto, con il pensiero fisso di ottenere vendetta. E quale miglior modo se non quello di giocare con i sentimenti del suo bene più prezioso?

"Saprai chi sono, Harper Foster. Un fratello rinnegato, un bambino disconosciuto, un cazzo di uomo che si porta dentro questo dolore da quando è nato. Credi pure a quello che vuoi, ma giuro sulla mia testa che rivoluzionerò la tua e quella di chi ti ha messa al mondo".

Eppure a giocare con il fuoco spesso finisce che ci si scotta e non è detto che i conti vadano come si era previsto. Quando Kenneth capisce di essere rimasto intrappolato nella sua stessa tela è ormai troppo tardi. A poco è servito essere scontroso e maleducato con la piccola Harper, ha sempre pensato col suo carattere di riuscire a tenerla a distanza a suo piacimento, convinto che i suoi sentimenti e la sua rabbia fossero abbastanza per crearsi una barriera e invece la sua fragilità e il suo bisogno di aiuto nei blocchi psicologici che l'incidente le ha creato, creano un legame tra i due che, poco a poco, li porta ad avvicinarsi in modo irreparabile. L'attrazione tra i due crea il disastro perfetto.

"Ossessionato dal desiderio di vendetta, mi ritrovo a bramare un corpo che non ha ancora capito l'effetto che ha sugli altri, men che meno su quello del proprio fratello, e mi maledico per questo dal giorno in cui ho scoperto chi fosse nostro padre".

Ci troviamo di fronte a un libro in cui si rischia di spoilerare troppo e invece va vissuto e gustato pagina dopo pagina. L'amore che trasmettono va oltre ogni limite e regola, il continuo conflitto che Kenneth combatte dentro di sé lo porta ad avere atteggiamenti spesso non condivisibili ma del tutto comprensibili, non è facile cercare di contrastare un amore che sai di non poter avere ma che è anche l'unico che ti abbia fatto battere il cuore tanto intensamente.

"La vita è bella come rigogliosi e vellutati petali, spesso però le insidie ci feriscono come spine".

Consiglio questo libro a chi non parte già prevenuto, capace di non mettere dei limiti alla propria mente. A chi ama gli amori sofferti e difficili dove il finale non è poi così certo. Anche se questo genere alla fine ha solo un modo per poterne uscire pulito e risultare accettabile agli occhi della società, portando il finale a essere quasi scontato, o forse lo è solo per me :-p chissà... 

Fateci sapere cosa ne pensate! Buona lettura.








Commenti

Post popolari in questo blog

RECENSIONE IN ANTEPRIMA - "Le parole che ho trovato per te" di Alessio Tavino

REVIEW TOUR - RECENSIONE - "Disgraceful" di Autumn Grey

RECENSIONE - "Deacon" di Veronica Scalmazzi