RECENSIONE "Scrivimi ancora" di Vi Keeland e Penelope Ward

Titolo: Scrivimi ancora
Autore: Vi Keeland e Penelope Ward
Editore: Newton Compton
Genere: Romance
Prezzo ebook: 0.99 €
Protagonisti: Griffin e Lucia



Griffin Quinn era il mio amico di penna dell’infanzia, il ragazzo inglese con cui, fin da bambina, intrattenevo una corrispondenza regolare. Nel corso degli anni, attraverso centinaia di lettere, siamo diventati amici strettissimi, abbiamo condiviso i segreti più profondi e oscuri tanto da pensare che il nostro legame non potesse rompersi. E invece… Dopo otto anni dalla mia ultima lettera, all’improvviso ho ricevuto una busta. Un
concentrato di anni di rabbia repressa. Non avevo altra scelta che confessare finalmente le ragioni per cui avevo smesso di scrivere. Griffin mi ha perdonato, e in qualche modo siamo stati in grado di ritrovare il nostro legame d’infanzia. Ma siamo adulti, adesso. E così le nostre lettere divertenti e civettuole sono diventate rapidamente bollenti ed esplicite, rivelando le nostre fantasie più selvagge. Fino al punto da spingermi a desiderare di vederci dal vivo. Griff non voleva che ci incontrassimo. Mi ha chiesto di fidarmi di lui. Ha detto che è molto meglio così. Ma io voglio di più. Per questo sto correndo un grosso rischio. Il rischio di perdere tutto un’altra volta.

Salve lettori, eccomi qui a parlarvi del nuovo libro di Vi Keeland e Penelope Ward, un duo di autrici che adoro con le loro storie bizzarre, surreali ma estremamente romantiche. Gli uomini creati dalla loro penna sono coloro che tutte noi vorremmo.
Griffin e Lucia iniziano a scriversi all'età di 7 anni, grazie a un progetto per amici di penna ideato dalla scuola. I due diventano inseparabili, nonostante si trovino dall'altra parte del mondo. La loro assidua corrispondenza dura fino ai 13 anni, fino a quando Lucia subisce l'evento più doloroso della sua vita, la sua migliore amica muore carbonizzata durante un concerto e Lucia ne rimane scioccata oltre che con infiniti sensi di colpa, decidendo così di non leggere più le lettere di Griffin e di non scrivergli più, come se non avesse più diritto di vivere e meritare qualcosa di bello come le lettere del suo migliore amico.
 "La tendenza naturale è di confinare gli eventi traumatici in un angolo della nostra mente, ma l'unico modo per lasciarceli davvero alle spalle è affrontarli. "

Da quel giorno Lucia diventa agorafobica, si è chiusa in un mondo tutto suo e non riesce più a uscire di casa e a stare in mezzo alle persone, l'unica persona di cui si fida è Doc, il suo psicologo bislacco, ma un giorno inaspettato,  una nuova lettera di Griffin rimetterà in gioco tutta la sua vita

La lettera di Griffin sarà piena di rabbia e rancore, in preda ai fumi dell'alcol, decide di scrivere un'ultima lettera a Lucia, con tutta la sua rabbia per essere sparita nel nulla e averlo lasciato solo proprio nel momento in cui aveva più bisogno di lei. Questa lettera squarcerà il cuore di Lucia e la porterà a scrivere a sua volta una nuova lettera, buttando fuori tutto ciò che è successo e come la sua vita sia cambiata e sia fatta di continui limiti, dove anche solo un piede fuori casa le crea un attacco di panico. La gioia per essersi ritrovati ora sarà un motivo in più di sofferenza per Griffin, come dirle ora che lui non è una persona qualunque ma una rockstar famosa e che la sua vita è fatta di tutto ciò che Lucia odia?? I fans, i concerti, i continui spostamenti, la fama e la popolarità che potrebbe travolgere anche Lucia sconvolgendo il suo mondo e la sua quiete.

"Non potevo cancellare Cole Archer. E non avrei mai avuto una vita normale. Cole non sarebbe mai stato in grado di nascondersi o garantire a Lucia la sicurezza di cui aveva bisogno. Ero così accecato dai miei sentimenti da illudermi che le cose fossero semplici. Volevo crederci. E invece erano dannatamente complicate."
La realtà sarà un brutto colpo per entrambi ma all'inizio la voglia di stare insieme e la gioia di essersi ritrovati sembrerà superare le paure, fino al momento in cui i fantasmi di Lucia si ripeteranno facendola sprofondare in quei terribili ricordi...
 "A volte l'amore non basta per far funzionare le cose e bisogna avere il coraggio di accettarlo."

Una storia di dolore, amicizia, rinascita e seconde possibilità. Un amore grande che nasce da bambini e si corona in età adulta, due anime che sembrano conoscersi da sempre pur essendo stati per tanto tempo lontani. Può l'amore riuscire a colmare delle ferite così profonde?  Può Griffin rappresentare la forza di cui Lucia ha bisogno per affrontare le proprie paure? 

Come non innamorarsi della dolcezza e dell'amore di Griffin?? Tutte meriteremmo un uomo come lui!! Ogni volta mi innamoro profondamente dei personaggi della Keeland e Ward. Non perdetevi questa storia se avete voglia di una storia romantica, bizzarra e nostalgica.

Buona lettura.

Ps. Tolgo una stella a causa dell'editing, troppi errori ridicoli che rovinano un bel libro. Peccato.

Commenti

Post popolari in questo blog

RECENSIONE - "Un tè con Mrs. Brown" di Simona Fruzzetti

RECENSIONE IN ANTEPRIMA - "Io al posto tuo" di Valentina Torchia

REVIEW TOUR - RECENSIONE - "Disgraceful" di Autumn Grey