REVIEW TOUR - RECENSIONE IN ANTEPRIMA " Taste me " di Chiara Cavini Benedetti

Titolo: Taste me
Autore: Chiara Cavini Benedetti
Editore: Self publishing
Genere: Forbidden/age gap
Serie: Standalone, autoconclusivo, pov alterni
Uscita: 5 Novembre 2021
Formato: Ebook e cartaceo
Prezzo ebook: 2,99€ +KU

Rayden Wade è la perfezione racchiusa in una giacca da chef.
Bellissimo. Determinato. Capace di far tremare chiunque con un unico sguardo.
E fa tremare me. Ogni volta che mi parla, che mi sfiora, o anche solo che respira.
So che non dovrei volerlo. So che dovrei stare lontana da lui e dall’oscurità racchiusa nei suoi occhi. Proprio come so che, se scoprisse ciò che nascondo, non mi guarderebbe più nello stesso modo.
Ma non sono l’unica ad avere dei segreti, e quelli di Rayden sono molto più pericolosi dei miei.
Un bravo chef dovrebbe saper gestire il fuoco, ma quello che tormenta la vita di Rayden lo sta divorando. E se non posso salvarlo dalle fiamme... brucerò con lui.

Buongiorno Librosi,
Rieccomi con il nuovo romanzo di Chiara Cavini, "Taste me", online da oggi. Ringrazio l'autrice per la copia ARC e il blog "3 gatte tra i libri" per l'organizzazione dell'evento.
Il titolo direi che è molto azzeccato unendo due sfere: quella erotica e quella della cucina. 
Perché l'ambientazione è proprio quella ristorativa. È la prima volta che leggo un romanzo con una ambientazione simile e come sempre sono entusiasta.

Rayden, chef stellato e meticoloso. Apre un nuovo ristorante in una nuova città, sperando che possa segnare un nuovo inizio per la sua vita. 

Avery, appena maggiorenne, coraggiosa e non si arrende mai. La vita l'ha messa a dura prova ma lei continua ancora a crederci e affronta tutto con sorriso sulle labbra. Conosce lo chef Rayden dal pov professionale, ha studiato la sua cucina e adora i suoi piatti, lo ammira. Quando le si presenta la possibilità di lavorare per lui fa di tutto per ottenerlo. Ma già dal primo incontro i due fanno scintille e il rischio di bruciarsi è alto. 

«Continui a giocare con il fuoco», mormorò in un sussurro. «Perché voglio bruciarmi.» Fissai gli occhi nei suoi. «Bruciami, chef.»

Come gestiranno questa situazione tenendo conto anche i ruoli che ricoprono nel ristorante? E soprattutto saranno in grado di gestire il loro passato?

Io volevo Avery. Ma ero pronto ad accettare anche tutto il suo mondo? E, soprattutto, se lo stronzo le aveva raccontato la verità su quella sera… lei voleva ancora me?

Considerazioni.
Non è il primo libro che leggo dell'autrice. Ma in questo libro ha voluto sperimentare con lo age-gap con ambientazione gastronomica.
Lettura scorrevole, letto in un giorno circa, doppio POV.
Sin dall'inizio vengono menzionati termini del mestiere della gerarchia di una cucina stellata. Dovrebbero essere termini che conosciamo ma non li avrei dato per scontato. Magari ci voleva un mini glossario a piè di pagina.
Il fatto che lui continua a chiamarla "ragazzina" mi da leggermente fastidio. Insomma capisco che hanno circa 10 anni di differenza ma lei è maggiorenne. All'inizio ci stava ma quello poi è diventato il suo nomignolo preferito. In questo modo non fa che evidenziare ancora più la loro differenza d'età. Cosa che a lui evidentemente pesa.
Le scene erotiche non mancano come non manca l'angst anche se non molto. Mi aspettavo di rincorrere allo xanax.
In questo libro viene affrontato il tema della violenza domestica e mi è piaciuto come lo ha trattato l'autrice, tranne per un piccolo dettaglio che è soggettivo. 
Il personaggio di lei è positivo nel senso che essendo una che non si arrende, che non si sente in colpa se è felice, nonostante la situazione brutta che sta attraversando. Beh è un bel messaggio, che infonde positività e speranza.
Lui invece, dato l'infanzia infernale che ha attraversato e in sensi di colpa cerca di rimediare nel tentativo di perdonare se stesso per quello che non ha fatto anni fa.
L'autrice ha creato due personaggi che si completano a vicenda. Sono proprio il puzzle mancante dell'altro per permettere di guarire le ferite e farlo brillare. 
In conclusione mi è piaciuto la storia, tranne per un paio di dettagli soggettivi. Mi ha regalato emozioni indescrivibili e forti ma anche dell'eros. 
Quindi lo consiglio a chi cera questi componenti e una lettura piacevole.

Alla prossima,
XoXo
Jenny K.

Commenti

Post popolari in questo blog

RECENSIONE IN ANTEPRIMA - "Le parole che ho trovato per te" di Alessio Tavino

REVIEW TOUR - RECENSIONE - "Disgraceful" di Autumn Grey

RECENSIONE - "Deacon" di Veronica Scalmazzi