RECENSIONE - "Iris Bloom sono io!" di Sara P. Grey

Titolo: Iris Bloom sono io!
Autrice: Sara P. Grey
Editore: self publishing
Genere: Romance contemporaneo
Data di pubblicazione: 22 aprile 2022
Formato: kindle, cartaceo (esclusiva Amazon)
Prezzo: € 2,99 kindle /Flessibile: 16.99€
Pagine: 244
Serie: autoconclusivo

Abile truffatrice o vittima innocente?
Icona fashion da imitare o esempio da non seguire?
Una semplice commessa o l’influencer più “di moda” del momento?
Chi è davvero Iris Bloom resta un mistero.
Tutti ne parlano,
nessuno conosce la verità.
Tranne me, ovviamente.
Perché Iris Bloom… sono io!


Quasi trentenne, commessa part-time in una boutique del centro di Milano, fashion blogger & influencer nel tempo libero, sono la classica brava ragazza: coscienziosa, volenterosa, di buon carattere. Perfino troppo! Tanto che spesso ho difficoltà a farmi valere e i prepotenti se ne approfittano.
Prendete per esempio quella strega della mia coinquilina: non si è certo fatta scrupoli a fregarmi da sotto il naso la carriera dei sogni e rovinarmi la reputazione, lasciandomi nei guai! Come uscirne?
Un cambiamento radicale è d’obbligo.
Non mi lascerò più mettere in un angolo, nossignori.
È tempo di tirare fuori gli artigli e mostrare al mondo chi è davvero Iris Bloom.
State un po’ a vedere…


Nota: il romance è autoconclusivo e può essere tranquillamente letto come titolo unico. Non è escluso che, in futuro, diventi parte di una dilogia. Prometto che il piacere della lettura non verrà turbato dalla possibile estensione, ma solamente aumentato!

Ciao a tutti miei cari amici lettori,
oggi sono qui a scrivermi il mio pensiero sul libro “Iris Bloom sono io”, una commedia romantica dell'autrice Sara P. Grey.
Il libro presenta una scrittura fresca e attuale, alla portata di tutti. I personaggi principali di questo libro, quali, Iris e Max il suo fidanzato, sono rispettivamente influencer e chef, ruoli che vanno molto di moda al giorno d'oggi e rendono infatti ancor più attuale lo scritto. Quando ho letto le vicende della povera Iris, balenava nella mia mente una sola frase “mai una gioia” ihihihi. La povera ragazza infatti, si trova a dover fare perennemente i conti con la sua coinquilina Martina che oltre ad essere furba e calcolatrice è anche meschina e perfida. Sarà proprio questo personaggio e il suo comportamento, a caratterizzare e a rendere interessanti le vicende di questo libro. Martina infatti è un vero e proprio antagonista descritto anche molto berne dall'autrice. La storia tra Iris e Max cresce gradatamente e con piccole dosi di romanticismo inserite poco a poco durante lo scritto. Personalmente ho trovato il tutto incentrato maggiormente sul personaggio femminile e sulla sua vita piuttosto che sulla storia d'amore che certo, compare nelle pagine, ma a mio avviso marginalmente. Max infatti, sarà sicuramente citato come fidanzato affascinante, premuroso e travolgente, ma sarà soprattutto il personaggio che aiuterà Iris a dare la svolta positiva alla sua vita. Funge da tramite infatti, tra lei e Alfred Wang(noto stilista nonché idolo di Iris) che l'aiuterà a ritrovare la strada giusta per far spiccare la sua carriera da influencer nel mondo della moda. Mi è piaciuto tantissimo comunque il grande supporto di Max durante il crollo emotivo di Iris, ma ho adorato soprattutto il supporto morale che ha ricevuto dalle sue amiche hair stylist e dalla sua amica Coco. Tutto questo mi ha ricordato senz'altro quanto è importante a volte durante dei momenti di grande difficoltà avere accanto persone che ti sostengono, ti incoraggiano e ti aiutano a rimetterti in sesto.

“Non sono mai stata una di quelle persone sempre positive, capaci di guardare la vita come da attraverso un paio di occhiali dalle lenti rosa, ma ultimamente mi sto sforzando di cambiare atteggiamento. Perché me lo merito, anche se non ne sono ancora del tutto convinta. Tutte, anzi, ce lo meritiamo. E sapete chi me l'ha insegnato? Chi ha imparato a colorarsi da solo una vita altrimenti grigia, o addirittura più nera del nero. Ecco. Il nero lasciamolo dentro all'armadio. Fuori, evviva il colore!“

Ecco, l'aspetto più bello di questo libro è sicuramente il costante lancio di messaggi positivi che l'autrice fa. Per questo faccio senz'altro i miei complimenti a Sara. Se volete una lettura che vi faccia trascorrere qualche ora serena e spensierata, sicuramente questo libro fa al caso vostro. Anche se personalmente preferisco un'altra tipologia di romance, questo libro merita senz'altro 4 stelle.

Commenti

Post popolari in questo blog

RECENSIONE IN ANTEPRIMA - "Io al posto tuo" di Valentina Torchia

RECENSIONE - "Un tè con Mrs. Brown" di Simona Fruzzetti

RECENSIONE IN ANTEPRIMA - "Crash bang wallop" di Laura Rocca