RECENSIONE - "Ti odio ma ti sposo" di Cinzia Fiore Ricci

Titolo: Ti odio ma ti sposo
Autrice: Cinzia Fiore Ricci
Editore: Brè Edizioni
Genere: romance
Pagine: 70
Prezzo ebook: 1,99€ + KU
Prezzo cartaceo: a 9€ 
Data di uscita: 1 marzo 2022

Michela è una ragazza con una professione importante e sta ottenendo ottimi risultati. È bella, famosa e dispone di un discreto patrimonio. Per arrivare a queste soddisfazioni ha dovuto abbandonare la sua città, Roma, dove ha lasciato un passato difficile, che non dimenticherà. Come non riuscirà a scordare il male che le ha provocato Alex, il suo ex fidanzato. Ora la donna vuole pensare solo al lavoro e al futuro. Ma una telefonata dei genitori scombina tutti i suoi piani. È costretta a tornare nella capitale, dove la aspetta una sorpresa amara e una scelta quasi obbligata. Deve prendere una decisione che cambierà il percorso prefissato. Più ci pensa e più le pare impossibile. Il cuore, però, non la pensa come lei. Perché ha i battiti accelerati? Perché sente di avere la gola secca? Una scelta obbligata che si trasforma in un’alternativa non così terribile, anzi.
Un prequel di un romanzo che avrà svolte inaspettate. La storia di una donna in carriera. Michela manterrà fede alla promessa di dedicarsi solo al lavoro?

Cinzia Riccitelli, nata a Roma nel 1971, conosciuta e apprezzata sul web, come Cinzia Fiore Ricci. Ha all’attivo la pubblicazione di due romanzi, “La rosa del mare” nel 2014 con Edizioni Rei (al momento fuori produzione) e “Fino all’ultimo respiro” nel 2016 con Eroscultura, “L’origine del peccato – La profezia – Libro 1: L’inferno” nel 2019, due raccolte di poesie autoprodotte “Essenza di Donna” nel 2017 e “Appassionata_Mente” nel 2018 e diversi racconti: MeravOgliosa per la collana Fucsia della Clown Bianco edizioni, Il limbo delle verità per Progetto Parole, Innamorarsi a Natale selfpublishing, L’appuntamento al buio selfpublishing, Regalo al vetriolo selpublishing, La Vergine selpublishing. Dilettandosi anche in ambito della poesia ha conseguito diversi premi e riconoscimenti. Nel 2021 in coppia con Monia Morganti, l’horror erotico Stanza numero 7, con Brè Edizioni

Buongiorno a tutti,
torno a parlarvi di una lettura privata, si tratta di: "ti odio ma ti sposo", di Cinzia Fiore Ricci, edito da Bré edizioni.
A incuriosirmi il titolo e la cover, che devo riconoscere essere accattivanti.
Un racconto che si legge in circa un'ora, nonostante la brevità del testo, l'autrice ha delineato molto bene Michela rendendola realistica e spronando la lettrice a immedesimarsi in alcune delle sue esperienze. 
Non aspettatevi grandi turbamenti o sofferenze inaudite nel suo passato, ma c'è un evento che l'ha portata a essere la donna che è oggi.

"Ho costruito il mio destino sicura del fatto che fosse solido a tal punto che niente e nessuno avrebbe mai potuto distruggerlo. Mi sbagliavo. Non avevo previsto l’imprevisto, non avevo calcolato che a volte l’amore è un tornado capace di arrivare in una giornata dove il cielo è sereno, ti scombina la vita fino a farti impazzire, e poi rimette a posto il casino che abitava nel tuo cuore."

Una carriera avviata, una forma fisica invidiabile e un futuro che si prospetta brillante. È questo il suo oggi, ma c'è una variabile che Michela non ha considerato: la famiglia. Cosa è disposta a sacrificare per loro?

Considerazioni

È la protagonista che si racconta in prima persona al presente. Mette in luce i primi tasselli  sul chi è, cosa fa e cosa le è successo. Questo incipit è di sicuro interessante, un primo capitolo di un romanzo che si prospetta ricco di divertimento, con tanto pepe e chissà che non mi stupisca con qualche colpo di scena su cui onestamente ho già iniziato a fantasticare.

«Tu non hai detto niente? Ti va bene tutta questa messa in scena?» 
«Tu pensi che mi faccia piacere tutto questo? Ti sbagli. Ho cercato di costruire il mio avvenire, proprio come hai fatto tu, ma non ci sono riuscito.

Ho già avuto modo di leggere l'autrice e nei vari generi riesce sempre a dare un tocco di novità che trovo entusiasmante. Chiudo facendole i complimenti e con l'auspicio che il romanzo arrivi quanto prima.
Lettura consigliata a chi cerca una storia piena di brio e una lettura piacevole. 
Non abbiate paura perché il racconto si chiude con un finale soddisfacente.

Buona lettura!
Monica S.



Commenti

Post popolari in questo blog

RECENSIONE - "Un tè con Mrs. Brown" di Simona Fruzzetti

RECENSIONE IN ANTEPRIMA - "Le parole che ho trovato per te" di Alessio Tavino

REVIEW TOUR - RECENSIONE - "Disgraceful" di Autumn Grey