RECENSIONE " Foreign Officer, la sua legge" di Giusy Viro

Titolo: Foreign Officer, la sua legge
Autrice: Giusy Viro
Genere: Romance Contemporaneo
Tipologia: Autoconclusivo
Uscita: 8 luglio 2022
Prezzo: promo a 0,99 poi 2,69 euro
Casa Editrice: Blueberry Edizioni
Pagine: 240 circa

Martina De Luca è una ragazza semplice, come tante, col sogno nel cassetto di diventare medico chirurgo. Iscritta all'Università Cattolica di Roma, è orfana di entrambi i genitori fin dalla più tenera età e vive con la nonna e la zia. Soffoca quel vuoto che si porta dentro da una vita con lo studio, immergendovisi completamente, e passando il suo tempo libero con Paola, la sua migliore amica.

Edward Robert Spencer, trentasette anni, è un diplomatico inglese, tornato a Roma dopo ben quindici anni dall'ultima volta. Ha un compito molto delicato da svolgere per conto del Foreign Office britannico ma tornare nella Capitale, per lui, non è semplice. Nonostante il suo fascino, il suo sex appeal, e le tante storielle alle spalle, non è mai riuscito a dimenticare colei che era stata capace di rubargli il cuore. L'unica donna che era riuscito ad amare davvero.

Martina ed Edward non hanno davvero niente in comune: lei una giovane studentessa universitaria, lui un diplomatico in carriera. Eppure, uno scontro fortuito davanti alla Fontana di Trevi fa incrociare i loro sguardi e qualcosa sembra cambiare immediatamente. Perché uno di quei brividi che non si dimenticano, attraversa entrambi. Possibile che ci sia un filo sottile, tessuto abilmente dal destino, che già li unisce? Cosa si nasconde nel passato di Edward? Ma soprattutto, quest'ultimo, sarà capace di chiudere i conti col passato e tornare finalmente ad amare?


Ciao Librosi, 
Oggi ho il piacere di parlarvi dell'ultimo romanzo di Giusy Viro. Devo fare un mea culpa in quanto è la prima volta che leggo questa autrice, ma ammetto che è stata una piacevole sorpresa. Ringrazio lei e la casa editrice per la copia inviatami e per avermi dato la possibilità di leggere questo romanzo in anteprima. 

Martina è una giovane studentessa all’università Cattolica di Roma, con il sogno di diventare un medico. Quando da piccolina è rimasta orfana di entrambi i genitori, sono state la nonna e la zia a occuparsi di lei. Non ama troppo la vita mondana e cerca di occupare la sua giornata principalmente incastrando studio, università e la sua migliore amica Paola. Ama la sua città e c’è un monumento a cui è particolarmente affezionata: Fontana di Trevi. 

“Quella era proprio l’unica formula in grado di fare avverare non solo quello, ma qualsiasi desiderio: “Credere e sperare con tutto il cuore”.

 Sarà proprio davanti a quella fontana che si scontrerà (nel vero senso della parola) con un’affascinante uomo dagli occhi magnetici e un fisico mozzafiato. Edward è un diplomatico inglese che lavora con il Ministero degli Esteri. Si trova a Roma per alcune questioni di lavoro anche se quella città gli ha lasciato nel passato il cuore spezzato. Infatti l’unica ragazza di cui è mai stato innamorato è proprio della Città Eterna. 

 “La città immortale è morta per me, almeno da quindici anni. Quindici anni…per una frazione di secondo la malinconia, una vecchia amica che ha accompagnato molte delle mie notti passate, torna a fare capolino nel mio animo, ma la scaccio subito. […] Possibile che quindici anni non siano bastati per guarire una vecchia ferita?” 

Anche se i due non hanno nulla in comune, l’attrazione che subito li travolge non gli dà scampo. Un colpo di fulmine mi verrebbe da dire. Ma si lasceranno andare alla passione o il passato e soprattutto la differenza d’età avrà la meglio? 
“Me ne vado e l’unica cosa che vorrei è che lei venisse con me.”
 Non mi resta che lasciare a voi il piacere di leggere questo libro e augurarvi Buona Lettura! 

CONSIDERAZIONI 

Quando ho letto la trama di questo libro sono rimasta molto colpita e incuriosita. Pertanto ho deciso di leggerlo anche per dare un’opportunità all’autrice che, come dicevo prima, non avevo mai letto. Mi viene da dire Wow! Era tantissimo tempo che un libro non mi prendeva così, ho passato mesi a trascinarmi le letture perché non riuscivo a leggere e poi leggo questo e boom! In poche ore è volato. La storia di Martina e Edward è davvero coinvolgente, appassionante, mi ha fatto emozionare e arrabbiare. Pieno di intrecci. Un libro che consiglio vivamente di leggere. Dal punto di vista tecnico il libro è scritto in prima persona con Pov differenti. La modalità di scrittura dell’autrice è fluida e scorrevole, ha una capacità di tenerti incollato a quelle pagine capitolo dopo capitolo. Sicuramente non sarà l’ultimo libro che leggerò di questa autrice. Complimenti ancora e alla prossima!


Commenti

Post popolari in questo blog

RECENSIONE IN ANTEPRIMA - "Io al posto tuo" di Valentina Torchia

RECENSIONE - "Un tè con Mrs. Brown" di Simona Fruzzetti

RECENSIONE IN ANTEPRIMA - "Crash bang wallop" di Laura Rocca