RECENSIONE "Never stop dreaming" di Laura Carloni

Titolo: Never stop dreaming
Autore: Laura Carloni
Editore: Independently published
Genere: Romanzo Rosa
Prezzo ebook: 2,99€
Prezzo cartaceo: 13,99 €
Data pubblicazione: 22 giugno 2022
Pagine: 297
Serie: Autoconclusivo

ORDER


Se la vita fosso fatta di sogni io sarei felice, ma purtroppo non lo è e io la felicità me la devo conquistare giorno dopo giorno
 _ Anna _ 

C’è una differenza sottile tra me e lui. Io ho il coraggio di lasciarmi andare, il coraggio di farmi sorprendere ancora e per altre mille volte dalla vita. Perché un sogno nessuno te lo può portare via, nessuno te lo può spezzare se io continuo a crederci. Nessuno può sporcarlo, rovinarlo o togliermelo. Ryan invece ha tracciato un muro di confine con tanto di filo spinato, mi ci sono scontrata allungando una mano e rimanendo ferita dalle sue spine arrugginite che non ha mai avuto intenzione di togliere. Ha paura di amare, di fidarsi di qualcuno, di mani che non siano le sue, di baci che ingannano. Nessuno entra nel suo spazio, nei suoi limiti e questo mi confonde... 

Questa ragazzina mi è entrata dentro, come un treno ha buttato all’aria tutte le mie convinzioni, le mie ombre le ha fatte diventare raggi di sole, i pozzi bui dove mi rintanavo sono diventati laghi azzurri come i suoi occhi. Prima era solo sopravvivenza. 
_ Ryan _ 

Nemmeno a lei la vita ha riservato strade facili, eppure ha ancora quella voglia di lottare che nessuno è riuscito a toglierle dagli occhi. E quando sorride non si accorge della luce che emana, quando va oltre le paure, quando supera i mostri che la tormentano di notte nei sogni, e di cui non mi parla, ecco, in quei momenti riesco a crederci anch’io che ci possa essere qualcosa di bello. Non so come possa essere accaduto, quando lei ci sia riuscita, ma da qualche parte ha trovato una crepa nella mia armatura ed è riuscita ad entrarci piano piano, come una medicina lenitiva che cura lentamente le ferite dell’anima.

Una ragazza in fuga dal mondo pericoloso dei bassifondi di San Francisco, testimone involontario di un delitto che scatena la corsa al potere di uno dei più grossi clan malavitosi irlandesi. Un poliziotto intransigente, rigido e implacabile che fugge da se stesso e dal suo passato cercando nella giustizia la sua ancora di salvezza. Un incontro sbagliato, una serata infuocata che resta incisa nella mente di entrambi fino a quando si ritroveranno inevitabilmente a collaborare per salvarsi a vicenda dal mirino di una pistola puntata alla testa o dalle ombre del passato che tornano più vive che mai. Fuggire o restare? Affrontare i demoni e combatterli o continuare a tenerli chiusi in una scatola pronta ad esplodere come una bomba ad orologeria?


Ciao a tutti amiche e amici, non so davvero da dove cominciare. Oggi sono molto felice di potervi raccontare il mio pensiero su questo fantastico libro dell'autrice Laura Carloni, “Never stop dreaming”. Era un sacco di tempo che non mi sentivo così mentalmente presa e affascinata da un libro. Lo so, vi ho già anticipato che mi è piaciuto un sacco, ma penso che quando un libro spacca, c'è poco da fare: VA DETTO SUBITO.
 
Il libro da 5 stelle meritatissime, è scritto davvero bene. Si presenta accessibile a tutti nonostante le tematiche delicate trattate nelle pagine. L'autrice è stata delicata ma allo stesso tempo precisa e dettagliata nel raccontare la vita molto travagliata dei due personaggi. E' riuscita secondo il mio parere, a spaziare nei vari argomenti affrontati, senza mai risultare scontata. Io ho amato da subito tutto. Il modo di scrivere dell'autrice, senza ombra di dubbio ha reso speciale e diverso dagli altri questo libro.
 
La storia dei due personaggi, come anticipato precedentemente è molto delicata. Anna e Ryan infatti, nascono e crescono in circostante davvero difficili, fatte di violenza e ingiustizie. Si ritrovano a fare i conti già da bambini con la vita. Costretti a guardare in faccia i loro peggior nemici, crescono portando addosso i pesi di esperienze crudeli che inevitabilmente non potranno più cancellare. Sarà proprio a causa di tutto questo che i due costruiranno attorno a loro, una fortezza fatta di autodifesa, amor proprio e totale mancanza di fiducia verso il prossimo. Cosa li distingue? La speranza. 
 
Anna crede ancora che, nonostante la vita le abbia continuamente fatto torti, da qualche parte ci sia ancora la possibilità di essere felici e di poter amare ed essere amati. Ryan dal canto suo, azzera qualsiasi tipo di rapporto per paura di far male o di star male. Evita tutti i legami sentimentali e passa la sua vita immerso nel lavoro. Da bravo “sbirro” (così nominato continuamente dalla ragazza), si immerge completamente in questa missione che gli viene assegnata, ed è proprio in questa circostanza che si trova faccia a faccia con una ragazzina dalle bellissime gambe e il viso dolce, che tenterà in tutti i modi di far crollare le sue certezze. Nonostante anche la loro storia sarà altrettanto particolare e articolata, tanto da dover continuamente superare ostacoli, entrambi si ritroveranno inevitabilmente travolti dalla passione che li spinge come due calamite, l'uno nelle braccia dell'altra. Anna forte e coraggiosa, riuscirà a far breccia nel cuore di questo fantastico ragazzo che dovrà cambiare completamente i propri piani per poter stare a fianco alla sua donna per tutta la vita. Non voglio dirvi altro, davvero! Dovete gustarvelo dall'inizio alla fine proprio come ho fatto io. Grazie Laura per questo capolavoro. 

P.s così come lo hai magistralmente descritto, mi farei mettere anche io le manette dal nostro bel poliziotto ihihihhihih. 
Un abbraccio a tutte! 
Terry

Commenti

Post popolari in questo blog

RECENSIONE IN ANTEPRIMA - "Io al posto tuo" di Valentina Torchia

RECENSIONE - "Un tè con Mrs. Brown" di Simona Fruzzetti

RECENSIONE - "Le complicanze del cuore: Michael" di Barbara Riboni