RECENSIONE "Garnet" di Teresa Greco

Titolo: Garnet
Autore: Teresa Greco
Editore: Self
Genere: romance, second chances
Data pubblicazione: 11 Giugno 2022
Serie: The gemstone series #3
ORDER

Garnet Zelenko è un detective della polizia londinese con una figlia di otto anni.
Questo è tutto ciò che Rubin ed Emerald Miller sanno di lui quando si è presentato nelle loro vite, in cerca di risposte. Poco dopo emerge che è anche il figlio perduto e tanto cercato dal loro stesso padre. Garnet sembra un uomo irreprensibile, saggio, dedito al lavoro e con un profondo attaccamento alla famiglia. Eppure, nel suo passato c’è molto più di quanto possano immaginare. Il suo percorso a Londra è stato segnato dall’incontro con due donne diverse:
Megan, una sognatrice che gestisce una sua pasticcieria, timida, impegnata con il tipico ragazzo della porta accanto.
Sharon, una studentessa di legge alla ricerca di esperienze e amori travolgenti, che spezzino la sua routine. Una di queste ha occupato il suo cuore per quindici lunghi anni, anche quando le scelte sbagliate e la paura lo avevano portato a sposare l’altra. Ma spesso la vita può presentare sentieri ingarbugliati, in grado di condurci lontano dalla meta a cui siamo destinati. Tra incontri segreti, sensi di colpa e tradimenti,
Garnet dovrà scavare dentro di sé per capire ciò che vuole davvero. Tuttavia, una grave tragedia renderà la situazione più complessa del previsto. Inoltre, un conflitto contro il capo degli Yardies potrebbe spezzare il suo sogno di viversi il suo vero amore. Riuscirà Garnet a vincere le sue incertezze e la guerra contro un criminale vendicativo?

Buongiorno Librosi,
Oggi ho il piacere di parlarvi dell’ultimo romanzo di Teresa Greco nonché la storia del terzo figlio di Michael Miller. Infatti dopo aver conosciuto Rubin ed Emerald, è arrivato il momento di conoscere finalmente la storia di Garnet. Qualcosa di lui già la sappiamo, ma in questo libro faremo un tuffo nel passato per apprendere meglio le vicende che hanno portato Garnet a Londra. 

Come già sappiamo Garnet è un agente della Polizia londinese, sarà proprio questo sogno di diventare detective a farlo trasferire dal suo Paese di origine alla capitale britannica. Certo, il suo passato ha influenzato questa scelta, dettata anche dalla voglia irrefrenabile di conoscere suo padre Michael Miller. Dai racconti della madre infatti, poi confermati dalla famiglia Miller, Michael non ha mai smesso di cercare Garnet anche se, a causa della motivazione che ha portato l'allontanamento di sua madre da Londra, questo è risultato impossibile. 

Dal suo arrivo a Londra Garnet cerca in tutti i modi di mettersi in contatto con il padre, e nel frattempo incontra Megan. Una giovane pasticcera che ha avverato il suo sogno di aprire una pasticceria tutta sua nel cuore di Londra. Sarà tutta colpa di un cupcake arancione che Garnet si ritroverà a lavorare per Meg, in attesa di poter entrare nella scuola di polizia. Megan però è fidanzata con Nick (che poi entrerà anche nella vita di Garnet), il tipico ragazzo della porta accanto e anch'esso poliziotto. 

“Hai scelto l'arancione” commenta intrigata. “L'arancione rappresenta armonia ed equilibrio. Di solito, chi sceglie l'arancione tende a essere una persona saggia e comprensiva, che propende per l'aiuto verso il prossimo”. 

Durante uno dei suoi turni in pasticceria, Garnet conosce Sharon. Una giovane studentessa di legge, bellissima e travolgente. Alla costante ricerca di qualcosa e soprattutto qualcuno in grado di sconvolgere la sua routine. 

Garnet si ritrova dunque a fare i conti tra la passione per una e l'amore per l'altra. Incastrato tra la ragione che gli dice cosa deve fare e il cuore che vorrebbe condurlo da tutt'altra parte. Ma si sa che tante volte nonostante l'amore che si prova per una persona il momento sbagliato può farci allontanare da essa. Ed è così che Garnet vivrà un lungo periodo fatto di sensi di colpa e tradimenti, amori impossibili e amicizie tradite. E quando una tragedia investirà la sua vita e quella di Meg sembra che il destino abbia scelto per loro. O forse no? 

“Ogni volta che uno dei due sentiva la necessità di un allontanamento, tagliavamo i ponti fino a quando il destino non ci faceva ritrovare. Io non ho mai concretamente lottato per lui e lui non ha mai lottato per me”. 

Non mi resta che lasciare a voi il piacere di leggere questo libro e augurarvi Buona Lettura!

CONSIDERAZIONI 
Dopo aver letto le storie di Rubin e Emerald, non potevo lasciarmi scappare la possibilità di leggere anche questo romanzo sulla storia di Garnet. Come gli altri due anche questo romanzo mi ha appassionata e intrigata al punto da non riuscire a staccarmi da esso. La vita di Garnet Zelenko non è stata per nulla semplice e anche il destino ci ha messo lo zampino, ma a volte esistono le seconde possibilità... Sono riuscita a comprendere molti atteggiamenti di Garnet dopo aver conosciuto il suo passato e tutto ciò che ha dovuto affrontare. Un personaggio molto complesso e intrigante. Per quanto riguarda la parte più tecnica il libro è scritto in prima persona con doppio POV. La modalità di scrittura dell'autrice è fluida e scorrevole, le descrizioni e le vicende sono descritte in maniera impeccabile, fornendo al lettore la giusta dose di cose da sapere senza andare nel superfluo. Un libro che consiglio vivamente, e per chi non lo avesse fatto suggerisco di leggere anche gli altri due della Gemstone series (Rubin ed Emerald). Grazie Teresa per avermi fatto leggere anche questa storia. Alla prossima!



Commenti

Post popolari in questo blog

RECENSIONE IN ANTEPRIMA - "Io al posto tuo" di Valentina Torchia

RECENSIONE - "Un tè con Mrs. Brown" di Simona Fruzzetti

RECENSIONE IN ANTEPRIMA - "Crash bang wallop" di Laura Rocca