RECENSIONE "Tentazioni per nobili ospiti" di Maggie Robinson

Titolo: Tentazioni per nobili ospiti
Autore: Maggie Robinson
Editore: Harper Collins
Collana: Harmony
Prezzo ebook: 9.99 €
Genere: Romance storico
In edicola dal 22 Luglio  

ORDER


Ardenti passioni pronte a infrangere ogni regola.
Il Visconte Henry Challoner si è ritirato nel villaggio di Pudding-on-the-Wold, presso una struttura riabilitativa, per rimettersi in sesto e fare a meno di alcol e donne. Lì incontra la maestra Rachel Everett. La passione è incontrollabile, ma nelle vene della donna non scorre sangue blu.
Nessuno si sarebbe aspettato di veder arrivare Sarah Marchmain, spedita nella struttura dal duca suo padre dopo essersi rifiutata di sposarsi. L'ultima cosa di cui la fanciulla ha bisogno è una distrazione romantica, come Tristan Sykes, figlio del barone locale.
Superstite di un grave incidente ferroviario, dopo il quale si è chiusa in un mutismo assoluto, Miss Mary Nicola Mayfield non sembra dare segni di miglioramento anche dopo mesi di permanenza presso la struttura riabilitativa. Finché un giorno incontra il Barone Jack Ryder, e l'attrazione è immediata. Ma ci sono delle verità non dette.
LA TENTAZIONE DEL VISCONTE
LA SEDUCENTE LADY SARAH
IL SENSUALE RISCATTO DI LORD RYDER

Buongiorno chiacchierine, oggi vi parlo della mia ultima lettura, una raccolta di tre romanzi di Maggie Robinson, editi da HarperCollins per la collana Harmony.
Tutti e tre i romanzi sono ambientati alla fine del diciannovesimo secolo, in un piccolo e singolare villaggio, Puddling-on-the-Wold, il quale ospita nobili con problematiche diverse, che le famiglie di origine non sanno come risolvere. Tutti gli abitanti sono coinvolti e per questo ricevono dalla Puddling Rehabilitation Foundation un compenso.

Nella prima storia, il Visconte Henry Challoner è stato mandato lì da suo padre, dopo alcuni episodi in cui aveva ecceduto con l’alcool e con le donne. Il regolamento di Puddling mette a dura prova Henry, ma l’incontro con Rachel, una giovane maestra, rende la permanenza più piacevole e gli fa comprendere quale sia la sua strada.
Henry non crede nell’amore e Rachel sa di non potersi permettere di innamorarsi di Henry in quanto non nobile, eppure l’attrazione e forse anche qualcosa di più profondo lì porta ad avvicinarsi sempre di più.

Nel secondo romanzo, invece l’Ospite di Puddling è lady Sarah, una giovane mandata lì dal padre perché non si voleva sposare. A Puddling, lady Sarah si trova bene, ma per poter rimanere è obbligata a ribellarsi e fare stranezze. Quando a causa degli eventi è obbligata a trasferirsi presso la dimora di Tristan Sykes, figlio di uno dei fondatori di Puddling, Tra i due sono subito scintille, ma che cosa ha portato Sarah ad essere così ribelle?

Infine nell’ultima storia, i protagonisti sono due Ospiti di Puddling. Nicola dopo un tragico incidente ferroviario non riesce più a parlare, nonostante non abbia nessun problema fisico. È ospite da alcuni mesi, ma la situazione non sembra migliorare in nessun modo. Il barone Jack Ryder, da mesi si sente depresso, decide quindi che un soggiorno a Puddling possa essere quello di cui necessita. Non immagina quali siano le restrizioni previste dal programma e nemmeno che l’incontro con Nicola. Il destino poi, come al solito ci mette lo zampino rendendo la situazione ancora più complicata.

“Che strano posto era Puddling, rifletté. Doveva esserci della magia nell’aria frizzante del Cotswold.”

Considerazioni
Ho trovato molto originale, sebbene un pochino surreale, l’idea di questo villaggio immerso nella campagna inglese dove vengono mandati i nobili con varie problematiche. Tutti i personaggi sono ben caratterizzati, e tendenzialmente moderni per l’epoca storica in cui sono ambientati.
I romanzi sono scritti tutti in terza persona, e si alterna il punto di vista tra i due protagonisti e l’autrice dà voce ai loro pensieri. Ho apprezzato l’accuratezza cui l’autrice ha descritto l’ambientazione e l’atmosfera di questo villaggio, rendendola più vera e reale.
Consiglio questa lettura a chi ama gli storici e vuole passare una lettura leggera e romantica sotto l’ombrellone.

Buona lettura.
Alessia

Commenti

Post popolari in questo blog

RECENSIONE IN ANTEPRIMA - "Io al posto tuo" di Valentina Torchia

RECENSIONE - "Un tè con Mrs. Brown" di Simona Fruzzetti

RECENSIONE IN ANTEPRIMA - "Crash bang wallop" di Laura Rocca