RECENSIONE IN ANTEPRIMA - "The path to us" di Jennifer Van Wyk

Titolo: The path to us – edizione italiana 
Titolo originale: The Path to Us 
Autrice: Jennifer Van Wyk 
Traduttrice: Kety Gallina 
Editore: Triskell edizioni 
Genere: Romance Contemporaneo, Single Parents Romance, Friends to lovers, Slow burn 
Data pubblicazione: 29 luglio 2022
Prezzo Ebook: € 4,99
Prezzo cartaceo: € 15,00
Pagine: 275 
Serie: Autoconclusivo, Standalone
ORDER
La nostra storia è iniziata il giorno in cui l’ho salvata da un bulletto all’asilo quando avevamo solo quattro anni. 
Ero diventato il suo eroe anche se in realtà ero solo Beau Aikin, un semplice ragazzo di provincia.
Alla fine, eravamo diventati qualcosa di più che compagni di classe. Eravamo migliori amici.

Quando la tragedia si abbatte su di noi, non ci penso due volte a intervenire per dare una mano. 
Per essere di nuovo l’eroe di Addy. 
Il suo, e anche della sua bambina di cinque anni. 

Ma adesso la desidero. Più di qualsiasi altra cosa. 
L’amicizia non mi basta più.
Ma lei è off limits per così tanti motivi.

Amore.
Desiderio.
Senso di colpa.

Tutto questo mi perseguita e sento come se tutto fosse contro di noi.
Ma farò ogni cosa in mio potere per averla. 
Questa è la storia del nostro cammino verso il noi.
From the Ground Up è stato il primo romanzo pubblicato da Jennifer, e ora che è stata morsa dall’insetto della scrittura non ha più intenzione di fermarsi. Jennifer vive in una piccola città in Iowa con quello che considera ancora il suo fidanzatino del liceo, tre bellissimi, divertenti e sorprendenti bambini e un Jack Russel terrier completamente pazzo. È in questa città che Jennifer sviluppa l’amore per la lettura, la cucina e i dolci. La sua famiglia adora andare in campeggio, in barca e passare più tempo possibile all’aperto. Diventerete i suoi migliori amici se riuscirete a farla ridere e se le chiederete consigli su cosa leggere. Quando non scrive, potete trovarla a fare il tifo a squarciagola agli eventi sportivi dei figli (da leggersi come: a metterli in imbarazzo), a sorseggiare caffè o tè freddo da una tazza di vetro con il suo Kindle in mano, o a guardare Netflix.



Buongiorno a tutti, ho avuto il piacere di leggere in anteprima: The path to us, di Jennifer Van Wyk, edito dalla Triskell edizioni che ringrazio per la copia ARC ricevuta con largo anticipo sulla data di uscita.
.
Addy e Beau  si conoscono da sempre e il loro rapporto si è fatto via via più forte fino a quando l'arrivo della pubertà non li mette di fronte ai cambiamenti fisici e ormonali, questo è l'inizio del loro dramma esistenziale: restare amici e continuare a viversi o provare a far evolvere il rapporto con il rischio di rovinare la loro amicizia? 

"Però mi riesce facile immaginare come sarebbe una relazione con lei. È il mio futuro. Tuttavia, mi blocca il non sapere se anche lei la pensi allo stesso modo, nonostante la palese tensione sessuale tra di noi."

Credo che sia il quesito del secolo e non esista una risposta omologata che vada bene per tutti. Mille dubbi, tanti pensieri, enorme il desiderio, ma la paura domina tutto. Questo li porta, in un certo senso, ad allontanarsi e prendere decisioni avventate, restano uno nel mirino dell'altra, ma osservandosi da lontano. 

"Non riesco a spiccicare parola. E non perché sono rimasta a corto di pensieri a causa della sua vicinanza e del fatto che siamo entrambi mezzi nudi. No. È perché sto avendo una reazione allergica"

Considerazioni

Sono stata attratta subito da questo libro perché mi aspettavo grandi emozioni e contrasti. È stato così per la prima parte della storia dove un avvenimento sconvolge la vita dei protagonisti e di tutti i personaggi che ruotano loro intorno. La tensione però va via via scemando e così l'ambientazione si fa più rilassata. Oserei dire che dopo una partenza entusiasmante mi sono trovata in una normale love stories con qualche alto e basso, ma senza più scossoni paragonabili a quelli iniziali. Amicizia, amore, tradimenti, affetto e odio sono tutti elementi più che presenti in the path to us.

"Ma come faccio a mettere in gioco e rischiare di perdere tutto quello che abbiamo?"

Dei protagonisti si scopre il passato attraverso dei deja-vu che aiutano il lettore a entrare nell'ottica di ciò che provano Addy e Beau. Che sembrano essere gli unici a non capire i sentimenti reciproci che li lega.
I pov sono di entrambi e questo mette in luce le personalità e tutti i dubbi che hanno. Corposa la parte introspettiva e i risvolti psicologici su cui si poggiano le basi della storia. Interessanti i personaggi secondari che subentrano nelle scelte e ne modificano il corso. Ho trovato lunghe le scene sessuali che, per me, sono diventate snervanti, per fortuna sono state spezzate da situazioni esilaranti.
Nell'insieme la lettura è stata gradevole.

Lo consiglio a chi piacciono i contemporanei e le storie introspettive e combattute.

Buona lettura!
Monica S.

Commenti

Post popolari in questo blog

RECENSIONE IN ANTEPRIMA - "Io al posto tuo" di Valentina Torchia

RECENSIONE - "Un tè con Mrs. Brown" di Simona Fruzzetti

RECENSIONE - "Le complicanze del cuore: Michael" di Barbara Riboni